Pensione a 61 anni nel 2023 o nel 2024 dopo la riforma delle pensioni del Governo Meloni

Pensione a 61 anni nel 2023 o nel 2024

Pensione a 61 anni nel 2023 o nel 2024-proiezionidiborsa.it

Andare in pensione nel 2023 non sarà più facile di prima perché il Governo Meloni non ha introdotto nessuna riforma del sistema, nessuna flessibilità e nemmeno nuove misure che anticipano di molto la quiescenza. Nemmeno la Quota 103 può essere considerata una misura innovativa e di pensionamento anticipato come quelle di cui da tempo si parla. Infatti ha dei requisiti piuttosto stringenti anche se partendo da una età abbastanza bassa. 

Il sistema previdenziale è arrivato ad un bivio soprattutto perché ormai il sistema contributivo è diventato prioritario rispetto al precedente. E la riforma delle pensioni che forse, per questioni di tempi tecnici, non è stata varata nella Legge di Bilancio attuale, farà capolino nel 2023, per entrare in funzione nel 2024. Ma con quali misure?

Pensione a 61 anni nel 2023 o nel 2024, ecco perché è fattibile

Nel sistema contributivo la pensione di un lavoratore è calcolata in base all’ammontare dei contributi da lui versati durante gli anni di carriera. In pratica, più anni di lavoro si svolgono, più contributi si versano. E per conseguenza, più alta la pensione che il lavoratore finisce con il prendere. Evidente che è nell’interesse del lavoratore lavorare di più per raggiungere una pensione più alta. Un meccanismo che è alla base della flessibilità in uscita. I sindacati da anni annoverano tra i loro cavalli di battaglia la flessibilità come principio fondamentale del futuro sistema pensioni italiano. E la flessibilità che per i sindacati parte dai 62 anni di età con 20 anni di contributi potrebbe essere corretta partendo addirittura a 61 anni.

Il futuro delle pensioni italiane

Pensione a 61 anni nel 2023 -proiezionidiborsa.it

Naturalmente issando la carriera contributiva necessaria che a 20 anni appare troppo bassa. E si potrebbe ripartire da una ipotesi che era stata oggetto della prima lavorazione della Legge di Bilancio 2022. Una Quota 100 flessibile era una delle ipotesi più gettonate.

Smettere di lavorare a 61 anni purché si arrivi a Quota 100

Sono tanti anni ormai che il sistema italiano per le pensioni ha misure per quotisti. Ma si tratta di misure a Quota, ma senza la giusta flessibilità. La Quota 100, la Quota 102 e la Quota 103, sono tutte misure che fissando una soglia minima di età ed una altrettanto minima età contributiva, non possono essere considerate misure a Quota perfetta. E probabilmente misure perfette non potranno essere inserite nel sistema nemmeno in futuro dal momento che si tratta di misure ideali e piuttosto costose per le casse dello Stato.

Una Quota 100 perfetta sarebbe quella che consente a chiunque di accedere alla pensione raggiungendo la cifra di 100 sommando età e contributi. Non fissando naturalmente limiti ad età e contributi. Per assurdo potrebbe andare in pensione un lavoratore a 58 anni di età con 42 anni di contributi così come un lavoratore a 65 anni con 35 di contributi.

Somma di età e contributi

Somma di età e contributi-proiezionidiborsa.it

La riforma delle pensioni e le due misure che risolverebbero i problemi

Pensione a 61 anni nel 2023 o nel 2024 è il sogno di tutti che resterà tale almeno per il 2023. Infatti non è azzardato pensare che una pensione flessibile a partire dai 61 anni potrebbe affiancare nel 2024 la Quota 41 per tutti senza limiti di età. A 61 anni potrebbero uscire quanti raggiungono 39 anni di contributi. A 62 anni ne basterebbero 38 ed a 63 sufficienti sarebbero 37.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News

Leggi anche:  Tari, riduzioni e agevolazioni a Capraia e Limite per il 2022