Per le Elezioni politiche 2022 tutti i partiti vogliono cambiare il reddito di cittadinanza (in modo diverso): ecco come

Se c’è una cosa che accomuna i principali partiti (eccetto il M5S) in vista delle elezioni politiche del 25 settembre è la volontà manifesta di cambiare il reddito di cittadinanza. Con un distinguo però importante: le proposte delle forze politiche sono tutte diverse tra loro. Già guardando ad altri temi come pensioni e misure contro l’inflazione, si nota come spesso le posizioni siano nettamente diverse. Cerchiamo quindi di capirci qualcosa di più, riportando in questo articolo quanto scritto nero su bianco dai partiti nei loro programmi.

Come cambia il reddito di cittadinanza a seconda di questo o quell’altro partito in vista delle Elezioni del 25 settembre

Terzo Polo

Carlo Calenda, il leader di Azione e Italia Viva (il cosiddetto Terzo Polo), ha dichiarato di voler dare il reddito di cittadinanza soltanto a chi non può lavorare. Cambio di passo anche sul fronte dei rifiuti: dopo il primo no a un’offerta “congrua”, l’assegno del reddito di cittadinanza viene automaticamente ritirato. Nel caso invece dopo due anni si sia ancora senza lavoro, l’importo dell’assegno viene decurtato di un terzo. Contestualmente il beneficiario del RdC viene “preso in carico dai servizi sociali del Comune”.

Fratelli d’Italia

Leggi anche:  Diretta/ Napoli Treviso (risultato 39 - 47) streaming video tv: ultimo scorcio di gara

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia e premier in pectore, ha spiegato che è sua intenzione lasciare il reddito di cittadinanza soltanto agli over 60, alle famiglie senza reddito con minori a carico e ai disabili. Dunque, una posizione davvero netta rispetto al modello attuale.

Lega

Matteo Salvini, segretario nazionale della Lega, ha assunto una posizione a metà strada tra la Meloni e Calenda. Tradotto: reddito di cittadinanza solo a chi non può lavorare e perdita immediata del beneficio dopo il primo no.

Reddito di cittadinanza, misura che non funziona per Forza Italia

Forza Italia

Il partito di Silvio Berlusconi fa un’analisi diversa. Posto che il reddito di cittadinanza è una misura che non funziona, i forzisti intendono riformare profondamente la politica di sostegno ai deboli. L’idea è di “superare” la stagione del RdC, e con i soldi risparmiati – tra i 7 e 8 miliardi di euro – rimpinguare gli assegni previdenziali agli over 80.

Leggi anche:  Novafeltria: sabato al Mulino della Polvere canti e balli del mare, degli Appennini e delle valli

Partito democratico

Enrico Letta, segretario del Partito democratico, non demonizza il reddito di cittadinanza come i suoi avversari politici, ma sottolinea la necessità di cambiare qualcosa. In particolare, i dem puntano a ricalibrare il RdC sulla base dei criteri di assegnazione: riduzione degli anni di residenza in Italia (ad oggi sono richiesti 10 anni), possibilità di conservare una parte del reddito di cittadinanza anche dopo aver trovato un’occupazione, maggiori aperture alle famiglie più numerose con minori a carico.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  No Green Pass, a Trieste necessario l’intervento della Polizia

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook