perché conviene e a cosa fare attenzione- Corriere.it

Le forniture

In un anno il mercato delle pompe di calore quasi raddoppiato, da 290 a 550 milioni di euro, ma gi da prima aveva tassi di crescita almeno del 20% l’anno, quindi non un balzo del tutto inaspettato, dice Maja. Il problema che in questo periodo le forniture, come in altri settori, sono frenate dalle difficolt di approvvigionamento. E Mitsubishi, che ha tre impianti in Italia, con cui serve tutta l’Europa, ha ben chiaro lo sforzo. Dover affrontare il raddoppio delle forniture in un periodo come questo non stato facile per nessuno, commenta Maja. Non a caso il mercato, che finora era presidiato da una dozzina di specialisti, fra italiani e giapponesi, si sta facendo pi affollato. Molti produttori di caldaie a gas cercano di spostarsi su questa tecnologia, che un po’ pi complessa ma ha tali tassi di crescita da risultare molto appetitosa, precisa Maja. Le caldaie a gas, del resto, hanno i giorni contati.

I limiti

Nelle linee guida sul risparmio energetico del pacchetto RePower Eu, la Commissione europea ha spiegato che intende arrivare al bando delle caldaie a gas, introducendo limiti di progettazione ecocompatibile pi rigorosi, con il 2029 come data finale per l’immissione sul mercato di caldaie a combustibili fossili autonome. Negli anni scorsi il mercato era mosso da motivazioni ambientali, perch una pompa di calore non brucia nulla, non inquina n genera emissioni climalteranti sul posto, ma adesso ha subito un’accelerazione spaventosa, perch si aggiunto il rischio di rimanere senza gas, spiega Maja. Accelerazione che comunque va nella direzione gi indicata dalla Commissione Ue. La prima conseguenza che nei nuovi condomini residenziali non si porta nemmeno il gas e ci si affida all’energia elettrica anche per cucinare, nota Maja. Come nel progetto innovativo Porta del Mare, a Salerno, dove sta sorgendo un quartiere residenziale sostenibile con tre torri affacciate sul mare, dove l’acqua calda, il riscaldamento e il raffrescamento saranno affidati a 200 pompe di calore.

Leggi anche:  Un Posto al Sole oggi 9 luglio due puntate!
Gli obiettivi

Mitsubishi sta anche partecipando al progetto europeo React, il cui obiettivo far raggiungere l’indipendenza energetica alle isole con le fonti rinnovabili, i sistemi di stoccaggio e la gestione intelligente dei consumi di energia, coinvolgendo gli utenti in una comunit energetica locale. Per l’Italia stata scelta l’isola di San Pietro, nel Sud Ovest della Sardegna: Mitsubishi si occuper della climatizzazione a pompe di calore degli edifici privati, dove vivono circa 6 mila persone. Come tutti i mercati in fortissima crescita, anche questo soffre di alcune carenze. La sfida, per l’Italia e per l’Europa, sar produrre abbastanza elettricit pulita per alimentare l’elettrificazione degli edifici e soprattutto potenziare la rete per reggere i nuovi carichi. Sfida di non poco conto, anche se le pompe di calore sono pi efficienti delle caldaie a gas, dice Maja. Per centrare gli obiettivi della transizione energetica Ue bisogna arrivare a 50 milioni di pompe di calore entro il 2030 e 80-90 milioni entro il 2050. Una strada ancora lunga, se vero che per ora la penetrazione delle pompe di calore non supera il 10% nel mercato edilizio europeo, come ricorda l‘European Heat Pump Association.

Leggi anche:  Non buttiamo via coltello, forchetta e cucchiai vecchi perché potremmo riciclarli in questi semplici modi per abbellire casa e giardino
Le competenze

L’altra sfida avere professionisti preparati. C’ un’enorme forza lavoro abituata a operare su macchine a fiamma — dice Maja — e ora tanti installatori si devono riconvertire a questa nuova tecnologia, dove c’ molta elettronica, mentre nelle caldaie a gas non c’era. Deve succedere anche qui come nell’auto, dove una volta c’era solo la meccanica e oggi molta elettronica, per cui i meccanici hanno dovuto riconvertirsi. Per noi essenziale formare professionisti che possano fornire l’assistenza tecnica necessaria: senza assistenza non si pu nemmeno cominciare a vendere le macchine. I produttori sono impegnati su questo fronte e anche Mitsubishi sta facendo corsi di formazione per gli installatori: l’anno scorso ne ha formati oltre 1.200.

Leggi anche:  Rottura Francesco Oppini e Cristina Tomasini: lei rompe il silenzio

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News