Perché l’Italia fuori dalle Olimpiadi di Tokyo e atleti senza bandiera ma c’è una soluzione

Condividi articolo tramite:


Il rischio c’è tutto e anche una soluzione. L’Italia fuori dalle olimpiadi di Tokyo (pure ancora non confermate) è una possibilità concreta che addirittura dovrebbe essere ufficializzata questo mercoledì alle 17:30 dal CIO (Comitato Olimpico internazionale). A meno che non ci si dia davvero una mossa nelle prossime 24 ore, con un rimedio rocambolesco quanto sconcertante e soprattutto mettendo da parte la questione crisi di Governo.

La notizia è stata data in anteprima da Repubblica. La vicenda che ha dell’incredibile è la seguente. La necessità della riforma dello sport era partita più di due anni fa ma non ha portato a nessuna conclusione, neanche con l’attuale ministro Vincenzo Spadafora. Non è stata sanata, in particolar modo, la questione dell’autonomia del Coni e sono ora scaduti i termini per farlo. L’aspetto non è trascurabile secondo il regolamento della Carta Olimpica e sono condizione imprescindibile alla partecipazione dei giochi. Proprio il presidente del Cio Thomas Bach avrebbe anche inviato 2 missive al presidente del Consiglio Giuseppe Conte chiedendo di accelerare per il risanamento ma evidentemente, la crisi di Governo (latente da settimane) avranno spostato l’attenzione su altro.

Leggi Anche |  Slittamento per il bonus 1600 euro con bonifico domiciliato: parla INPS

L’Italia duori dalle olimpiadi di Tokyo cosa significherebbe? In pratica tutti gli atleti potrebbero presentarsi solo come indipendenti, senza la bandiera italiana ed eventuali medaglie conquistate non sarebbero associate al nostro paese. Proprio in caso di vittoria, come umiliazione estrema, l’inno di Mameli non potrebbe risuonare in alcun caso. La situazione è incresciosa e assurda, soprattutto perché frutto di una macchina burocratica farraginosa e lenta che ha bloccato il rinnovamento dell’organo del Coni.

Una soluzione contro la decisione dell’Italia fuodi sarle olimpiadi di Tokyo ci sarebbe. Questa passerebbe attraverso la promulgazione di un decreto legge entro 24 ore, cioè prima di mercoledì 27 gennaio. La crisi di Governo attuale non favorisce di certo i lavori per un simile protocollo di urgenza ma le prossime ore saranno decisive per capire quale decisione potrebbe essere intrapresa.

Leggi Anche |  Il Premio De Sanctis Europa alla scienziata Fabiola Gianotti e al maestro Riccardo Muti

Sei il proprietario di questo articolo e vuoi che venga rimosso? Contattaci sulla nostra Pagina Facebook.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook

Condividi articolo tramite: