Permessi per malattia e Legge 104, c’è compatibilità? Sciogliamo i dubbi dei lavoratori

Dopo aver richiesto dei permessi per malattia è possibile richiedere i permessi della Legge 104 per assistere il familiare con invalidità?

Tanti lavoratori si chiedono se usufruire dei permessi per malattia incide sul numero e sulla richiesta dei permessi della Legge 104.

permessi malattia
Adobe Stock

Il Ministero del Lavoro chiarisce i dubbi dei lavoratori sottolineando come il dipendente non sia tenuto a richiedere i giorni di malattia retribuita prima di approfittare dei giorni di permesso 104. In più, non c’è alcun obbligo di ritorno a lavoro dopo essere stato assente per malattia. È possibile abbinare i permessi per malattia a quelli della 104 prolungando, dunque, l’assenza dal posto di lavoro. I caregiver che si occupano di un familiare con disabilità possono tirare un sospiro di sollievo e non preoccuparsi di perdere il diritto della prestazione. Naturalmente a condizione che si rispettino le regole che disciplinano entrambi i permessi.

Leggi anche:  Entro il 31 agosto si può richiedere un bonus da 700 euro rispettando solo tre requisiti

Malattia e permessi 104, nessun problema per la Legge

Prendere alcuni giorni di malattia non influisce sul numero dei permessi da prendere per assistere il familiare invalido. Le motivazioni alla base delle richieste, infatti, sono differenti e corrispondono a diverse esigenze di tutela. Ciò vale anche per i congedi di maternità, quelli sindacali e ogni altro permesso di finalità differente.

Il dipendente non può essere limitato nel diritto se richiede più permessi di tipologia varia nello stesso mese. Nessuna riduzione dei permessi 104, dunque, dopo aver usufruito dei permessi per malattia. Chiarita questa importante questione ricordiamo quali sono gli aspetti principale dei permessi legati alla Legge 104.

Alcune puntualizzazioni sulla Legge 104

Dopo i giorni di permesso per malattia è possibile associare quelli di permesso della Legge 104. Questi si rivolgono ai lavoratori dipendenti che assistono un familiare con un handicap grave. La disabilità dovrà essere stata accertata da una commissione medica INPS e confermata con l’apposita certificazione.

Leggi anche:  Tregua fiscale in arrivo col Governo Meloni? Occhio a queste cartelle esattoriali

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia

  1. Telegram – Gruppo
  2. Facebook – Gruppo

A richiedere i permessi possono essere i genitori dell’invalido, il coniuge, i figli, fratelli o sorelle, parenti fino al secondo grado e al terzo grado se l’assistito ha più di 65 anni o una patologia invalidante. I giorni di assenza retribuiti sono tre al mese fruibili anche a ore. Durante queste giornate il lavoratore dovrà prendersi cura del familiare con disabilità. In caso contrario rischia serie ripercussioni sul lavoro fino al licenziamento. Il datore di lavoro, infatti, ha la facoltà di indagare per scoprire se il dipendente utilizza i permessi con finalità differenti da quelle stabilite dalla normativa.

Leggi anche:  IMU: chi è obbligato al pagamento per le case con usufrutto?

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News