Politica a colpi di bonus: i populisti e il mancato rispetto del denaro pubblico


Benedetta Frucci

L’assistenzialismo non è una novità in questo Paese: con il debito pubblico si è pagato, per anni, la stabilità e contenuta la rabbia sociale. Erano però anni, quelli della Prima Repubblica, in cui la Guerra Fredda permetteva e forse esigeva un diverso approccio alla spesa pubblica. E dove una classe politica per quanto colpevole di aver accumulato una spesa abnorme, non mancava certo della visione e della capacità di governare il Paese. Con l’avvento dei populismi e con l’arrivo del primo governo gialloverde nonché con il Conte Bis, vi è stata un’evoluzione – o meglio sarebbe dire involuzione – del concetto di spesa pubblica. Il denaro è stato usato come mezzo perla costruzione di un sistema clientelare, frutto di una classe politica impreparata e disposta a tutto pur di comprare il consenso. I numeri del disastro degli onesti al potere non lasciano scampo e mostrano come più che malafede, il fil rouge delle policy populiste sia l’assoluta incompetenza e cialtroneria. 38.7 miliardi spesi per il superbonus. 20 miliardi per il reddito di cittadinanza. Dove sono finiti quei denari?

Leggi anche:  Pensioni, la riforma è terreno di scontro in campagna elettorale

 

L'Italia non può restare appesa alla convulsioni grilline

 

L’inchiesta della procura di Napoli sul superbonus mostra uno spaccato che dovrebbe spingere a riflettere: nell’ambito del sequestro di 770 milioni di euro di bonus edilizi, è emerso che il 70% dei titolari di credito di imposta erano percettori del reddito di cittadinanza. Questi soggetti avevano il compito di cedere tali crediti per monetizzarli attraverso banche ignare. Ora, elencare le truffe legate al reddito di cittadinanza richiederebbe l’intera edizione odierna di questo giornale e probabilmente non basterebbe. È sufficiente ricordare il caso dei rumeni che venivano in Italia solo per ritirare il famigerato bonus, o quello dei condannati per Mafia e Camorra che lo percepivano o ancora i detentori di Ferrari o la signora che viveva tutto l’anno ai Caraibi a spese dei cittadini. L’esempio dell’inchiesta di Napoli è però qualcosa di ben più sconvolgente del singolo episodio di truffa.

Leggi anche:  Elezioni anticipate a settembre: perché una crisi di governo è possibile

 

M5s diviso, il grillino Berti: Rompere con Draghi non ha senso

 

Dimostra bene come l’Italia di Giuseppe Conte sia diventata- più che una repubblica delle banane – la repubblica dei bonus. Bonus che vanno a riempire le tasche della criminalità organizzata, pagati con le tasse degli italiani. Perché a Conte e compagni forse sfugge che le famose casse dello Stato sono piene dei soldi dei singoli cittadini che con il lavoro le riempiono. Il concetto di «gratuitamente» tanto caro all’avvocato del popolo non esiste e non è mai esistito: quando qualcosa è gratuito, è perché c’è qualcuno che paga. E se la redistribuzione è se fatta con misura – inevitabile e per certi aspetti anche sacrosanta, quello che manca in Italia é la cultura del rispetto per il contribuente e per il lavoro. Lo si vede nella tassazione esagerata a cui sono sottoposti i lavoratori ma anche e soprattutto dallo sciagurato e noncurante modo in cui questa classe politica sperpera il denaro degli italiani.

Leggi anche:  Prato, avvistato nella notte raro esemplare di sciacallo dorato

 

Governo allo sbaraglio sul Covid, così ci riporta al lockdown



Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook