Ponte sullo Stretto, si ritorna al progetto di Berlusconi di 20 anni fa- Corriere.it

Il governo ora ci riprova. A rispolverare un vecchio sogno nel cassetto. Sicuramente un vecchio pallino di Silvio Berlusconi: unire la Sicilia alla Calabria con un ponte sullo Stretto di Messina. Per anni, come dimenticarlo, l’infrastruttura stata vittima di un riflesso ideologico che ha colpito la sinistra convintamente anti-berlusconiana sostenitrice del benaltrismo, la corrente di pensiero secondo la quale al Meridione serve prima molto altro e poi forse un Ponte a unire le due costa separate dalla geografia per tre chilometri.

Siccome il Cavaliere ne stato un fervente sostenitore (indimenticabile quella puntata di Porta a Porta con Lunardi ministro e Bruno Vespa a vagliarne gli aspetti nel 2003) per riflesso conveniva smontarla, derubricarla ad opera non pi prioritaria (governo Prodi 2006-2008), infine sancirne l’impossibilit di una convergenza programmatica e trasversale in tutto l’arco parlamentare arrivando a sciogliere la societ dello Stretto, licenziando il personale, imbarcandosi in penali salate.

Ora il neo-ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini si messo in testa che con due regioni in mano al Centrodestra — Sicilia e Calabria — e un governo a Roma dello stesso colore il momento propizio. Non gli si pu dar torto della favorevole convergenza astrale, quel che certo che la strada verso il Paradiso (o l’Inferno) lastricata da sempre da buone intenzioni: gli ostacoli sono dietro l’angolo anche stavolta, le approvazioni infinite, gli studi di fattibilit anche per aggiornare vecchi progetti anche. Per la notizia che il titolare del ministero competente per la grandi opere ha incontrato i due presidenti di regione — Renato Schifani e Roberto Occhiuto — ha avviato un tavolo di confronto con il territorio e con Ferrovie dello Stato per posare la prima pietra gi nel 2023. Auspicio o meno, qual l’idea che anima il governo?

Leggi anche:  Detto Fatto | Ricetta pizza quattro stagioni di Gino Sorbillo

L’ipotesi usare i 50 milioni di euro stanziati dal governo Draghi, destinati all’ennesimo studio di fattibilit per volere dell’ex ministro Enrico Giovannini, per aggiornare il vecchio progetto a campata unica, in modo da accelerare l’iter e poter avviare il prima possibile i cantieri. D’altronde non un’idea campata per aria, al netto del gioco di parole. Servirebbe soltanto un decreto legge per rianimare la societ Stretto di Messina spa fatta morire da un giorno all’altro con i contratti stipulati e le gare bandite. Decisione che tiene in essere contenziosi e penali per oltre 700 milioni. L’udienza per il giudizio di appello nel foro di Roma, inizialmente prevista per l’8 marzo 2022, stata rinviata al 16 settembre 2023. Societ Stretto di Messina era la concessionaria, costituita nel lontano 1981, incorporando in s i soci pi logici: le due maggiori stazioni appaltanti del Paese – Anas e Rfi ora riunite sotto la capogruppo Ferrovie dello Stato – e le regioni Sicilia e Calabria. C’era anche gi un general contractor, il consorzio Eurolink che comprendeva quella che allora si chiamava Impregilo ed ora diventata Webuild con un riassetto che ha previsto l’ingresso di capitali pubblici tramite Cassa Depositi.

Leggi anche:  I gianfede vuotano il sacco sulla loro intimità: tante curiosità e dettagli hot

Realisticamente per farlo ne servono 7 di anni e nel mentre si pu spacchettare l’opera in lotti e finanziarla con i fondi europei. La societ concessionaria Stretto di Messina avrebbe gi fatto tutto, non servirebbe neanche il dibattito pubblico previsto nel Codice dei contratti e per far partire i primi cantieri servirebbero al massimo 6-7 mesi cominciando con il rapporto con i soggetti aggiudicatari trasformando il contenzioso in accordo transattivo. L’analisi di fattibilit tecnico-economica stata fatta ma ora va evidentemente aggiornata, la valutazione di impatto ambientale anche, la conferenza dei servizi conclusa, l’ok del Cipe ottenuto nel lontano 2003, realizzati i lavori per lo spostamento della ferrovia (variante Cannitello) cos da permettere la realizzazione della pila sul lato calabrese.

Leggi anche:  Sei Sorelle, cosa vuole ottenere Salvador? 

Per accelerare il presidente della regione Sicilia Schifani parla della nomina di un Commissario modello Genova per accelerare l’iter. Si partir?

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News