Poveri a quota 5,6 milioni, il triplo del 2007. Ma il Reddito di cittadinanza ne raggiunge meno della metà- Corriere.it

In 14 anni, dal 2007 al 2021, il numero di persone in povert assoluta pi che triplicato, passando da 1,8 milioni a 5,6 milioni (il 9,4% della popolazione), di cui 1,4 milioni ha meno di 18 anni. E la situazione potrebbe peggiorare con l’aumento dell’inflazione, nonostante il Reddito di cittadinanza, che non va assolutamente abolito, ma deve essere profondamente riformato, perch, come funziona ora, raggiunge meno della met dei poveri, premia i single e il Mezzogiorno, penalizza le famiglie numerose, quelle straniere e il Centro-Nord. Sono i principali risultati del Rapporto 2022 della Caritas su povert ed esclusione sociale in Italia. Quasi 6 milioni di poveri assoluti – ha detto il cardinale Matteo Zuppi, presidente della Cei, intervenendo alla presentazione – sono un valore sballato per la societ, che richiede terapie, altrimenti tutto l’organismo si ammala. Speriamo – ha aggiunto – che il prossimo governo sappia affrontare con equilibrio il tema del Reddito di cittadinanza: vero che esso raggiunge poco meno della met dei poveri, ma attenti a non generare ancora pi povert. Andiamo incontro a mesi difficili che richiederanno tanta solidariet e risposte rapide.

Aumentano i lavoratori poveri

Il Rapporto di quest’anno sottolinea in particolare la povert intergenerazionale, cio il fatto che spesso i poveri restano intrappolati in questa condizione perch, come ha detto ancora Zuppi, l’ascensore sociale si rotto da tempo. Presso la Caritas (2.797 centri di ascolto sul territorio), ha detto monsignor Carlo Redaelli, presidente della Caritas italiana, adesso arrivano i figli e i nipoti di quelli che venivano una volta. Nel nostro Paese ci vogliono 5 generazioni per uscire dalla povert, nel Nord Europa ne bastano 2. Nel 59% dei casi la povert ereditata dalla famiglia di origine. Preoccupa anche il continuo aumento della povert assoluta nelle famiglie dove la persona di riferimento lavora: oggi sono il 7% contro il 3,1% del 2011. Percentuale che sale al 13,3% (contro il 6,1% del 2011) tra le famiglie dove chi lavora un operaio o assimilato. Il profilo medio del povero entrato in contatto con la Caritas (pi di 227mila quelli aiutati) quello di una persona di 46 anni, in due casi su tre con figli, prevalentemente straniera nel Nord e italiana nel Sud, che vive in affitto nel 64% dei casi, che non lavora in un caso su due mentre nel 23,6% dei casi ha un’occupazione, spesso saltuaria e comunque insufficiente a farla uscire dalla povert.

Leggi anche:  Fantasy Island in streaming su Sky e NOW

Reddito fuori fuoco

Secondo la Caritas il Reddito di cittadinanza serve, ma va riformato. Oggi una misura che non messa a fuoco, ha spiegato Nunzia De Capite. da un lato caricata di troppe funzioni e dall’altro non ben mirata. Il Reddito di cittadinanza deve servire per aiutare i poveri, non pu risolvere i problemi strutturali delle politiche industriali e del mercato del lavoro. Come si legge nel Rapporto, questa misura da quando stata introdotta stata percepita da 4,7 milioni di persone (magari anche per un solo mese, ndr.) e tuttavia, per come disegnata, raggiunge poco meno della met dei poveri assoluti (44%). Questo non vuol dire che la misura vada a persone che non ne hanno diritto: chi la riceve risponde ai requisiti previsti che per individuano una platea di beneficiari che, oltre ai poveri assoluti, si estende anche a persone in povert relativa.

Leggi anche:  5 curiosità che forse non sapevi su Time Is Up

Proposte di riforma

Come ha detto anche l’economista Tito Boeri, il Reddito di cittadinanza ha limiti molto rilevanti, ma abolirlo sarebbe gravissimo. Come riformarlo? La Caritas e lo stesso Boeri hanno ricordato le proposte che circolano da tempo. Bisognerebbe rivedere la scala di equivalenza, che oggi premia i nuclei familiari fatti di una sola persona e penalizza le famiglie numerose, dove invece ci sono pi poveri; andrebbe ridotto da 10 a 5 anni il requisito della residenza continuativa in Italia, altrimenti la gran parte delle famiglie i immigrati, anche queste con una pi alta presenza di poveri, non pu essere aiutata; ci vorrebbe un maggior coinvolgimento dei comuni, perch molti beneficiari del Reddito non sono collocabili al lavoro ma hanno bisogno di interventi di inclusione sociale; andrebbero modificati gli incentivi al lavoro, consentendo una certa cumulabilit tra Reddito e retribuzione.

Leggi anche:  Per pulire senza fatica i bruciatori incrostati del piano cottura oltre ad ammoniaca e sapone di Marsiglia ecco una miscela efficace
Sindacati in allarme

Gli interventi vanno fatti con urgenza, secondo gli intervenuti alla presentazione del Rapporto. Da un lato l’inflazione e il caro-energia peggiorano le condizioni di vita proprio delle famiglie a basso reddito, che rischiano di scivolare facilmente nell’area della povert.Dall’altro preoccupano le intenzioni del centrodestra di dare una stretta drastica al Reddito. Anche i sindacati sono in allarme. Cgil, Cisl e Uil chiedono di mantenere il Reddito sia pure riformandolo e insistono sul rinnovo dei contratti di lavoro. Siamo in emergenza – dice il segretario della Cgil, Maurizio Landini -. Servono interventi straordinari e nuovi contratti.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News