Price cap sul gas, perché l’Italia punta su quello «dinamico»- Corriere.it

La proposta di un tetto dinamico potrebbe essere una giusta soluzione per le varie esigenze del mercato, ha detto il commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni, intervenendo a Radio Anch’io su Radio1. Un tetto al prezzo del gas generalizzato potrebbe avere delle controindicazioni, ha aggiunto Gentiloni, precisando che l’atteggiamento verso la Russia non pu essere lo stesso che si ha nei confronti di Norvegia o l’Algeria e, per questo motivo, un price cap dinamico potrebbe andare incontro a questa necessit. Gentiloni ritiene che le posizioni fra gli Stati membri dell’Ue si stiano avvicinando e si augura che la Commissione possa presentare una proposta in vista del vertice fra i capi di Stato e di governo dell’Ue previsto il 20 e 21 ottobre.

Cos’ il tetto al prezzo del gas dinamico

La proposta, presentata da Italia, Polonia, Grecia e Belgio, prevede innanzitutto uno scenario in cui non ci sia assenza di forniture e ci sia uno scambio di domanda e offerta di gas, spiega l’Ansa che ha letto il non paper. In questo contesto si suggerisce di creare un corridoio dinamico nel quale sia possibile stabilire un valore centrale per questo corridoio e rivederlo regolarmente tenendo conto di parametri di riferimento esterni (ad esempio, i prezzi del greggio) e consentendo fluttuazioni (ad esempio del 5%) intorno al valore centrale all’interno del corridoio. In sostanza, l’idea quella di prevedere un minimo e un massimo del prezzo in modo da ridurre i costi, senza per mettere a rischio le forniture. Il limite massimo pu essere posto a un hub di riferimento (come il Ttf) o pu essere posto su pi hub (Peg, Psv, Zee, per evitare l’arbitraggio), o meglio pu coprire tutte le transazioni (sia in borsa che Otc), spiega il documento. Il problema convincere la Germania che finora ha rifiutato l’idea del tetto.

Leggi anche:  Una Vita, anticipazioni 29 luglio 2022
Il tetto sul gas usato per l’elettricit

La Commissione europea invece ha proposto di fissare un price cap solo sul gas usato per produrre elettricit, in vista di una riforma del mercato elettrico. Ipotesi che non piace a Italia, Polonia, Grecia e Belgio che nel documento sottolineano come un tetto limitato al gas impiegato per l’energia elettrica ignora i 2/3 del mercato del gas e crea disincentivi alla riduzione dei prezzi, in quanto gli importatori saranno compensati per qualsiasi prezzo pagano. Questa soluzione, avvertono i quattro Paesi, potrebbe creare una passivit senza un chiaro limite verso l’esterno, ad esempio perch il prezzo all’importazione pu continuare a salire, richiedendo pi risorse per mantenere il tetto. Il timore che il peso di questo intervento diventi insostenibile per i bilanci nazionali.

L’ipotesi di sostituire il Ttf

Tre i temi in discussione c’ anche l’ipotesi di sostituire il Ttf di Amsterdam con un indice alternativo che rifletta meglio la realt energetica europea. Il Ttf in passato ha funzionato, ma il momento di avere un indice europeo pi veritiero. Non c’ una giustificazione all’aumento di 8-10 volte del prezzo del gas, lo stiamo pagando cos tanto perch qualcuno ha paura che manchi in futuro. Tutto evolve, anche il mercato, bisogna cambiare le regole, ha detto nei giorni scorsi il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani. Per ovvie ragioni questa prospettiva non incontra il favore dei Paesi Bassi.

Leggi anche:  “Certi amori rimangono per sempre”: ritorno di fiamma tra Ida e Riccardo?
Negoziati con i fornitori alleati e acquisti comuni

Pi che su un tetto generalizzato, come proposto dall’Italia, Bruxelles preferisce puntare su negoziati con i fornitori ritenuti affidabili, come Stati Uniti e Norvegia (che diventata il primo fornitore di metano dell’Unione europea, ndr) per ridurre i prezzi del gas importato, sia metano che gnl. Gioved 6 ottobre la Commissione europea ha annunciato di aver firmato una dichiarazione d’intenti con la Norvegia per l’impegno a sviluppare congiuntamente strumenti, ciascuno di noi agendo nell’ambito delle proprie competenze, per stabilizzare i mercati energetici e limitare l’impatto della manipolazione del mercato e della volatilit dei prezzi, al fine di ridurre i prezzi eccessivamente elevati in modo significativo nel breve e nel lungo termine. Sul tavolo dei leader Ue c’ anche il tema degli acquisti congiunti da rendere obbligatori attraverso la piattaforma energetica europea. Dobbiamo lavorare insieme per affrontare la crisi energetica. Possiamo anche farlo in ordine sparso, ma perderemmo l’unit europea, ha avvertito il presidente del Consiglio, Mario Draghi. Un messaggio che sembra rivolto soprattutto a Berlino, che per ora ha deciso di fare da sola con il super-piano da 200 miliardi e continua a rifiutare l’ipotesi del price cap. Al vaglio c’ anche l’ipotesi di rafforzare RePowerEu con nuovi finanziamenti, che potrebbe richiedere la creazione di un nuovo strumento comune. Scenario sgradito ai cosiddetti frugali, Olanda in testa, ma anche alla Germania che ha bocciato la proposta dei commissari Breton e Gentiloni di ricorrere a nuovo debito comune per affrontare la crisi energetica, su modello di quanto fatto durante la pandemia con Sure.

Leggi anche:  Silvia Toffanin condurrà Striscia la Notizia: ecco quando inizierà

Il Corriere della Sera, il sito Corriere.it e le newsletter anche oggi, come ieri, non avranno le firme dei giornalisti del vostro quotidiano per sottolineare il pessimo stato delle relazioni sindacali con l’azienda che ha interrotto le trattative su diversi temi che investono il futuro della redazione.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News