Notizie H24

Scopri tutti gli aggiornamenti e le notizie del giorno in tempo reale!

Prova, Mercedes GLB 200d: versatile e comoda, fino a sette posti

Condividi Tramite:


La gamma GL di Mercedes si amplia con l’introduzione di GLB. Suv lungo 4,63 metri versatile, comodo e che può ospitare fino a sette occupanti (optional la terza fila di sedili). Le linee riprendono lo stile delle più recenti vetture della stella: dettagli morbidi ed eleganti disegnati su una carrozzeria spigolosa e massiccia.

Il colpo d’occhio nel complesso è positivo, meno al posteriore dove la scelta di aggiungere le due poltrone ha richiesto sacrifici stilistici per garantire una buona abitabilità. Ampia la gamma motori con soluzioni benzina, Diesel e sportive: la AMG 35 eroga 306 cv. Il modello in prova era il GLB 200d: motore a gasolio 2.0 litri da 150 Cv. Prezzo di partenza: 37.483 euro.

Esterni spigolosi, interni raffinati

Il disegno della carrozzeria è da Suv imponente: più di 4,60 metri di lunghezza sviluppati su linee muscolose e dettagli più morbidi. Il frontale è massiccio e al suo interno sono disposti i gruppi ottici a LED, dal disegno più raffinato e piacevole. Lineare e pulita la vista laterale.  GLB non presenta particolari virtuosismi estetici, preferendo la praticità allo stile.

Riuscito il posteriore che si distingue per i fari allungati e assottigliati verso l’interno, restituendo un tono più esclusivo su strada. Ben fatti gli interni, rivestiti con materiali di buona fattura e assemblati con molta cura. Qualità che da sempre appartengono a Mercedes e che sono esaltate dall’organizzazione razionale della strumentazione di bordo.

Il sistema MBUX si sviluppa senza soluzione di continuità su due schermi da 10,25″ affiancati: davanti al conducente un quadro strumenti interamente digitale e personalizzabile, utile per avere sotto controllo i parametri della vettura, la navigazione, l’intrattenimento, il telefono cellulare e molto altro. Al centro, il sistema di infotelematica: grafiche accattivanti, connettività con la rete, navigazione con realtà aumentata, applicazioni e assistente vocale “Hey Mercedes” arricchiscono un’offerta di bordo tra le più complete sul mercato.

Molto apprezzabile la scelta di mantenere fisici i controlli della climatizzazioni: tasti a pianoforte argentati ben visibili e intuitivi rispondono con immediatezza e velocità alle necessità di chi guida. L’assistente vocale è comodo per svolgere compiti molto semplici, può andare in difficoltà anche chiedendo di impostare la destinazione sul navigatore.

Siamo lontani da un’interfaccia di intelligenza artificiale, resta un buon esercizio di tecnologia che può tornare utile in qualche occasione, soprattutto per non distrarsi dalla guida. Buona la seduta, si guida rialzati dominando la strada e il confort: le poltrone sono un po’ dure nella zona lombare. Optional la regolazione elettrica con funzione memoria.

Qualche dettaglio sotto tono nelle zone poco visibili, realizzato con plastiche dure. La sensazione resta quella di un ambiente lussuoso, anche per via di accorgimenti (più scenografici che funzionali..) che migliorano l’esperienza di viaggio, come la possibilità di impostare numerose tonalità di colore per i LED che arricchiscono la plancia.

Macina chilometri

Dimensioni e peso (1.480 kg) non sono per la città. GLB soffre gli ambienti congestionati del traffico cittadino, soprattutto per quanto riguarda i consumi. Nel corso della prova, sono stati percorsi 680 km, il 70% dei quali in ambienti urbani. La media generale registrata dal computer di bordo è di 6,3 l/100 km, in media con il resto dei Suv Diesel.

In città la percorrenza scende e il consumo di carburante aumenta: difficile (anche stando attenti) fare più di 9/10 km/l. Nonostante ciò, la resa dinamica è sicuramente positivo anche in territori svantaggiosi, in particolare si apprezza la leggerezza e la precisione dello sterzo che in rapporto alle proporzioni permette manovre precise e in totale agilità e sicurezza.

Il propulsore, un 2.0 litri Diesel da 150 Cv, ama correre nei grandi e ampi spazi aperti ma riesce ad adattarsi anche a situazioni più opprimenti. Reattivo, brillante e fluido è adeguato alla vettura, considerandola (forse) la motorizzazione di riferimento per il modello. Scegliendo la 200d si ottiene un cambio automatico a 8 rapporti: una buona struttura anche se in alcune circostanze ha mostrato qualche incertezza.

Innesta con precisione e scala a volte bruscamente se la situazione è concitata e richiede tempestivamente delle marce basse. La gestione dell’erogazione è buona anche se in ripartenza tende a mantenere alto il numero di giri motore. Ottima la frenata e positivo il giudizio sulle sospensioni che assorbono con efficacia quasi ogni asperità dell’asfalto. L’allestimento 200d è disponibile anche con la trazione integrale 4Matic.

In autostrada e sui tratti a scorrimento veloce, GLB si apprezza per l’alto livello del confort di bordo e per la fluidità di marcia. Il rumore del motore non si percepisce e all’interno dell’abitacolo filtrano solo i fruscii aerodinamici, inevitabili vista la configurazione della carrozzeria. Il giudizio resta molto positivo e i lunghi viaggi sono affrontati in totale serenità e sicurezza da tutti gli occupanti.

Elevata la dotazione di aiuti alla guida che prevede il meglio delle soluzioni Mercedes oggi disponibili: impeccabile il cruise control adattivo. Troppo invasivo l’assistente di corsia che interviene frenando lo pneumatico: a velocità extraurbane e autostradali è poco piacevole. Un mantenimento automatico della corsia avrebbe garantito la stessa sicurezza senza intervenire in modo così brusco.

Mercedes GLB 200d è un prodotto complessivamente riuscito. Non privo di difetti ma che nel complesso soddisfa le richieste di un pubblico alla ricerca di una vettura famigliare che offra spazio e versatilità in un ambiente comodo e realizzato con cura. L’ampia possibilità di personalizzazione e la vasta gamma motori permettono di andare incontro ai gusti di ogni cliente, anche del più esigente. I grandi viaggiatori tengano in considerazione i Diesel, i pendolari possono affidarsi ai benzina, più brillanti per muoversi per le vie cittadine.

 



Fonte


Potrebbe interessarti anche...
Enable referrer and click cookie to search for pro webber