Quanto costa la revisione auto?

Tutto quello che bisogna sapere sul controllo obbligatorio dei veicoli: frequenza, test eseguiti, soldi da pagare e sanzioni.

Puoi dire finché vuoi che la tua macchina funziona a meraviglia, che non ha niente che non va. Ma in tema di sicurezza stradale, la legge non va sulla fiducia: vuole che periodicamente ogni veicolo venga controllato, anche dal punto di vista dei consumi e del rispetto dell’ambiente. Per questo motivo è prevista la revisione obbligatoria, economicamente a carico del proprietario. Ma quanto costa la revisione auto? È una spesa irrisoria oppure è consistente come quella del tagliando?

Ecco, tagliando e revisione: due termini da non confondere. Il primo può essere fatto da un qualsiasi meccanico, anche se di solito ci si affida a quello della concessionaria in cui è stata acquistata la macchina. La revisione obbligatoria dell’auto, invece, va fatta solo da chi è abilitato a rilasciare l’apposita certificazione. Vediamo come funziona, in che cosa consiste, ogni quanto bisogna farla e, soprattutto, quanto costa.

Revisione auto: come funziona?

La revisione obbligatoria dell’auto è un controllo previsto dalla legge da effettuare con una certa periodicità che serve a verificare le condizioni di sicurezza del veicolo, i consumi ed il rispetto dell’ambiente dal punto di vista delle emissioni. Un accertamento completo, dunque, al termine del quale viene rilasciato un certificato di idoneità alla circolazione dell’auto.

Nell’officina autorizzata (contraddistinte, solitamente da un apposito cartello) vengono effettuati dei test per il controllo di alcuni parametri che devono corrispondere alle condizioni di omologazione rilevate al momento dell’acquisto dell’auto. In particolare, la verifica riguarda:

  • l’impianto elettrico;
  • lo stato del telaio, del sistema di frenata, degli assi pneumatici e delle sospensioni;
  • i rumori e i gas di scarico;
  • la capacità di visibilità del conducente;
  • l’insieme degli equipaggiamenti;
  • il corretto funzionamento dello sterzo;
  • per le auto Gpl, il serbatoio del gas.
Leggi anche:  Elezioni, Salvini: 'La Russia non influirà'. Di Maio: 'Complice di ingerenze'

Revisione auto: ogni quanto va fatta?

Come detto, la revisione obbligatoria dell’auto va fatta con una certa frequenza. La cadenza prevista dalla legge è la seguente:

  • la prima revisione dell’auto nuova deve essere effettuata dopo quattro anni dalla prima immatricolazione;
  • tutte le revisioni successive devono essere fatte ogni due anni.

Va preso come riferimento non il giorno dell’acquisto o dell’ultima revisione ma il mese. Ad esempio, chi ha acquistato un’auto nuova il 15 marzo 2022 dovrà fare la prima revisione entro il 31 marzo 2026. Dopodiché, i controlli successivi andranno effettuati entro il 31 marzo del 2028, 2030, 2032, ecc.

La regola, però, non vale per i veicoli speciali, come per quelli adibiti al trasporto di persone: in questi casi, la revisione deve essere fatta ogni anno. Si tratta di:

  • veicoli con numero di posti superiore a nove, destinati al trasporto di persone;
  • taxi;
  • vetture adibite a noleggio con conducente;
  • mezzi per il trasporto di cose o per usi speciali con massa superiore ai 3.500 kg (in pieno carico);
  • autobus;
  • autocaravan;
  • rimorchi di peso superiore ai 3.500 kg;
  • ambulanze;
  • vetture atipiche.

Revisione auto: come sapere quando va fatta?

Le scadenze legate all’auto sono diverse: il bollo, l’assicurazione, il tagliando, la revisione stessa. Se su quest’ultima ci sono dei dubbi, è possibile controllare quando è stata effettuata in modo da sapere quando va fatta di nuovo?

Ci sono diversi modi di verificarlo. Il primo, dare un’occhiata al libretto di circolazione: qui, nella parte posteriore, l’officina autorizzata o la Motorizzazione civile devono avere apposto un’etichetta adesiva relativa alla revisione. Ci sarà, pertanto, la data dell’ultimo controllo.

Leggi anche:  Tari, ecco chi ha diritto alle riduzioni

In alternativa, ci si può collegare via Internet all’apposita sezione del Portale dell’automobilista e inserire questi dati:

  • tipo di veicolo (autoveicolo, motoveicolo o ciclomotore);
  • numero di targa;
  • il codice (cosiddetto Captcha) che serve a garantire che la verifica sia fatta da una persona e non da un computer.

A quel punto, il sistema mostrerà la data e l’esito dell’ultima revisione ed i chilometri rilevati al momento del test.

Revisione auto: quanto costa?

Parliamo di soldi. Il costo della revisione auto obbligatoria è aumentato il 1° novembre 2021, anche se con qualche eccezione di cui parleremo subito). Ad oggi, l’automobilista deve pagare 78,75 euro, anziché i precedenti 66,88 euro, suddivisi in questo modo:

  • 54,95 euro del costo della revisione;
  • 12,09 euro di Iva al 22%;
  • 10,20 euro di diritti Motorizzazione;
  • 1,51 euro di bollettino postale.

C’è stato, dunque, un aumento ma il Governo riconosce fino alla fine del 2023 un bonus chiamato «veicoli sicuri» a patto che venga utilizzato per un solo veicolo per ogni automobilista e per una sola volta fino alla scadenza dell’agevolazione.

Da precisare anche che l’aumento non viene applicato per le revisioni effettuate presso le sedi della Motorizzazione civile: il controllo in sé non costa 54,95 euro ma 45 euro, come in precedenza, a cui bisogna aggiungere il resto delle voci. In sostanza: fare la revisione in un’officina autorizzata costa 78,75 euro mentre farla alla Motorizzazione costa 66,88 euro.

Revisione auto: che succede se non viene fatta?

Non rispettare l’obbligo della revisione obbligatoria comporta delle sanzioni da 169 a 679 euro. Ma queste sono le cifre minime, perché la multa può essere più elevata (e comportare delle sanzioni accessorie) in questi casi:

  • assenza del rinnovo della revisione per più di una volta: multa da 338 a 1.695 euro;
  • tagliando di revisione falso: multa da 422 a 1.695 euro e ritiro della carta di circolazione;
  • auto sospesa dalla circolazione e senza revisione: multa da 1.975 a 7.829 euro e sequestro del veicolo per 90 giorni.
Leggi anche:  Lanterna Verde film stasera in tv 8 marzo: cast, trama, curiosità, streaming

E ancora: quando la Polizia verifica che la revisione è scaduta e non è stata fatta di nuovo, il proprietario del veicolo è obbligato a recarsi immediatamente al centro autorizzato più vicino. In caso contrario, se l’automobilista non lo fa e viene beccato di nuovo senza revisione, rischia una multa fino a 7.829 euro e il sequestro dell’auto. Inoltre, farà bene ad augurarsi di non provocare un incidente: se così fosse, la sua assicurazione potrebbe avvalersi del diritto di rivalsa e costringere l’automobilista a rimborsare tutti i danni causati dal sinistro.


Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook