Quanto valgono le 1000 lire con Giuseppe Verdi? “Da non credere”

La 1000 lire più comune nell’immaginario comune italiano, anche a distanza di 20 anni dalla dismissione della vecchia valuta è indubbiamente la Montessori, che è stata stampata in oltre 2 miliardi di unità negli anni 90, per essere poi utilizzata fino al 2002. Di questa famosissima banconota abbiamo già trattato di recente, ma si tratta solo dell’ultima in ordine di tempo, dell’Italia repubblicana. Una delle più famose è indubbiamente quella con il volto di Giuseppe Verdi, che capeggia su ben due versioni di questo taglio monetario cartaceo. Quanto vale una 1000 lire con Verdi?

Quanto valgono le 1000 lire con Giuseppe Verdi? “Da non credere”

Il volto dell’importantissimo compositore emiliano, che nel corso della sua lunga e prolifica vita ha concepito opere musicali ancora oggi considerabile ineguagliabili è presente su due versioni distinte e molto diverse delle banconote da 1000 lire. La prima serie è stata realizzata dal 1962 al 1969, mentre la seconda dal 1969 fino al 1981. A partire da quest’ultimo anno il nostro paese ha iniziato a sostituirla con l’omologa con Marco Polo, altra figura indiscutibilmente legata al nostro paese.

La prima serie è sviluppata su carta filigranata bianca ed è sensibilmente più rara e quindi più potenzialmente interessante della seconda: il valore è indiscutibilmente legato alla rarità degli esemplari ma anche allo stato di conservazione. Questa serie presenta un numero di serie “diviso” in due parti, presente sulla parte superiore dell’esemplare che “testimonia” la rarità: quelle hce presentano un seriale che è compreso tra A42 ed L43 hanno un valore variabile dai 20 fino a 350 euro, poi ci sono le sostitutive riconoscibili per le lettere X o Z presenti all’inizio. Queste hanno una valutazione di 30 ai 350 euro, le Z08, Z09, Z10, X14 che hanno un valore tra 450 e i 750 euro, considerando le migliori condizioni di conservazione.

Leggi anche:  Barù spifferà tutto senza pietà | Il web rincara la dose: “l’ha sgamata subito”

La seconda serie è meno rara, perciò conviene orientarsi verso le serie sostitutive, riconoscibili per la X all’inizio del seriale. Quelle che presentano un seriale che inizia e finisce con le seguenti lettere, XA E, XA F ed XA C valgono dai 50 ai 600 euro. Una XA che termina con M può valere dai 50 ai 200 euro, se finisce con G o H, può far guadagnare oltre 200 euro.


Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Mediaset, azione legale contro Pietro Delle Piane: il comunicato

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook