Notizie H24

Scopri tutti gli aggiornamenti e le notizie del giorno in tempo reale!

Quattro positivi tra il personale del Mater Olbia, bloccato l’accesso all’ospedale

Condividi Tramite:


“Tutti coloro che avevano appuntamento per l’esecuzione del tampone nella giornata di domani, dovranno ripresentarsi quando il servizio sarà nuovamente attivo”. Il comunicato dell’ospedale Mater Olbia ha comunicato così, ieri, che il servizio di drive in e di esecuzione dei tamponi era sospeso. Nella struttura dedicata di Olbia, il centro di riferimento della Costa Smeralda, quattro dipendenti, tra i quali la direttrice generale Alessandra Falsetti, sono infatti risultati positivi al Covid durante “l’ordinaria azione di monitoraggio dello stato di salute del personale rispetto a potenziali esposizioni”.

rep

Il Mater Olbia resterà perciò chiuso almeno fino a martedì, primo settembre, per le operazioni di sanificazione. La struttura svolge, a parte l’attività di drive in disposta nei giorni scorsi dal sindaco di Olbia, soltanto interventi programmati e attività ambulatoriali, che sono sospese e, fa sapere la struttura, “saranno tutte riprogrammate appena possibile”. Al momento l’ospedale ha 40 ricoverati che stanno bene e non sono positivi al Covid.
Tuttavia, al di là dell’inconveniente del contagio tra il personale, che, riferiscono alcune fonti, potrebbe aver contratto il virus al di fuori della struttura, resta l’interruzione della fondamentale attività di accertamento sulla popolazione. Il drive in a partire da lunedì 24 agosto aveva effettuato 1.452 tamponi in cinque giorni, per dar seguito all’ordinanza del sindaco di Olbia e soddisfare le esigenze della popolazione residente e dei tanti turisti ospiti in Gallura. Non tutti i tamponi sono stati processati e adesso, ammettono dal Mater Olbia, vista la chiusura dei laboratori ci saranno ritardi nel consegnare gli esiti. Le autorità sanitarie stanno ora valutando se e come continuare il servizio di erogazione dei tamponi in drive in.

rep

Oggi in Sardegna si sono registrati 70 nuovi casi, di cui 50 nella provincia di Sassari, nella quale rientrano anche eventuali casi di Olbia. L’isola affronta in questi giorni un aumento dei casi di Covid dovuti soprattutto ai molti turisti arrivati per le vacanze a agli assembramenti nelle località turistiche della Costa Smeralda e teme l’impatto sulle strutture sanitarie. A Sassari, nel reparto di malattie infettive delle cliniche di San Pietro il personale è stato richiamato dalle ferie e il vice sindaco, Gianfranco Meazza, con un’ordinanza valida da domani al 7 settembre,  ha prescritto l’obbligo di usare la mascherina anche all’aperto “a seguito dell’impennata dei casi nel nord Sardegna”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato in tempo reale su ogni notizia pubblicata di notizieh24.eu? puoi trovarci su Google News!


Potrebbe interessarti anche...
Enable referrer and click cookie to search for pro webber