Reddito di cittadinanza a rischio stop per gli occupabili, uno su quattro è in Campania

Mezzogiorno, 2 novembre 2022 – 08:35

Se passa la linea delle sospensioni semestrali, in regione sar record. E per i navigator non sono pi previste proroghe

di Paolo Grassi

stato il vicepremier Matteo Salvini, parlandone con Bruno Vespa nel suo nuovo libro — La grande tempesta — a lanciare l’idea: sospendiamo per sei mesi il reddito di cittadinanza a quei 900 mila percettori che sono in condizioni di lavorare e hanno gi usufruito del sussidio per un anno e mezzo. Con questa iniziativa si risparmierebbe circa un miliardo, destinato poi a quota 102 per accelerare le uscire dal mercato occupazionale. Da una parte — insomma — i senzalavoro, categoria in larghissima misura rappresentata nel Sud; dall’altra gli aspiranti pensionati, molto pi presenti nel Centronord. Del resto, nel programma della Lega si parlava apertamente di revisione dell’Rdc: … per i percettori idonei all’attivit lavorativa viene riformato, trasformandolo in un vero e proprio ammortizzatore sociale finalizzato all’occupazione. Nel testo congiunto del centrodestra, invece, la questione era trattata molto pi semplicemente: Sostituzione dell’attuale Rdc con misure pi efficaci di inclusione sociale e di politiche attive di formazione e di inserimento nel mondo del lavoro.


La strategia

Luned scorso, Valentina Iorio, sul Corriere.it ha ricordato che durante il suo discorso in Parlamento per la fiducia, Giorgia Meloni, ha ribadito quanto sostenuto in campagna elettorale, ossia che questa misura per come stata pensata ha rappresentato una sconfitta per chi era in grado di fare la sua parte per l’Italia. La premier ha anche precisato di voler mantenere e, laddove possibile, aumentare il doveroso sostegno economico per i soggetti effettivamente fragili non in condizioni di lavorare, ma per gli altri, ha aggiunto, la soluzione non pu essere il reddito di cittadinanza, ma un impiego. Filippo Caleri, su Il Tempo , dal canto suo, ha rivelato che il governo, passati i primi 18 mesi, per questa seconda categoria — quelli che non riescono (o non vogliono, ndr ) trovare lavoro — potrebbe stoppare il sussidio a step. Ci sarebbe subito un primo fermo, appunto, di sei mesi (Salvini docet); alla fine dei quali, se il soggetto risultasse ancora disoccupato, il Reddito ripartirebbe per altri 12 mesi. Poi stop di ulteriori sei mesi e un eventuale ultimo periodo — mezzo anno — di contributo. Quindi, l’uscita definitiva dal programma di sostegno.

Leggi anche:  Maverix, dal 12 maggio su Netflix
I numeri

La manutenzione dell’Rdc evidentemente cominciata. Ma questo cosa significa, in pratica? Dati Anpal alla mano,, in Italia ci sono 660.602 attuali percettori del Redditosoggetti alla sottoscrizione del cosiddetto Patto per il lavoro (Ppl), sui 919 mila — dato di cui parlava Salvini — che, al giugno scorso, sono stati indirizzati ai Servizi per l’impiego. Di questi,per, 66.770 risultano esonerati (per la presenza nel nucleo familiare di minori di 3 anni o disabili); 19.676 rinviati ai Servizi sociali e 172.868 gi titolari di un contratto di lavoro (sia pure con retribuzione inferiore ai 4.800 euro annui). Uno su quattro della platea complessiva degli occupabili , spiegato nel dossier dell’Agenzia governativa, risulta residente in Campania. Un record. Considerando soltanto i 660 mila con obbligo di adesione al Ppl, nella nostra regione potrebbero vedersi sospendere il Reddito per met anno — ove gi percettori del sussidio almeno da 18 mesi (condizione molto comune) — in 165 mila. Un esercito.

Leggi anche:  Cotto e Mangiato | Ricetta muffin al cioccolato
Patto per il lavoro

Cosa il Patto per il lavoro? Un percorso personalizzato di accompagnamento all’inserimento occupazionale che prevede la redazione del bilancio delle competenze e attivit finalizzate alla ricerca attiva di un impiego e alla formazione o riqualificazione professionale. Il Patto prevede anche attivit di servizio alla comunit e l’obbligo di accettare almeno una di due offerte di lavoro congrue (una in caso di rinnovo). Si vedr. Intanto, ieri, con una nota, il ministero del Lavoro ha annunciato che la proroga dei contratti degli ex navigator — circa 200 in Campania — non tecnicamente possibile. In relazione alle notizie di stampa circolate in queste ore relative alla proroga degli ex navigator, scaduti lo scorso 31 ottobre, si precisa che detti contratti non sono prorogabili. Sul tema e nell’ambito delle attivit di coordinamento, stata invece avviata una mera attivit ricognitiva tra le Regioni. Eventuali ulteriori utilizzi degli ex navigator richiederebbero l’approvazione di una apposita norma, non allo studio del ministero. Il compito di queste figure era di assistere i beneficiari del Reddito di cittadinanza nella rice rca di un’occupazione.

Leggi anche:  Natale 2021: le luci di Sorrento, uno spettacolo in riva al mare
La newsletter del Corriere del Mezzogiorno

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie della Campania iscriviti gratis alla newsletter del Corriere del Mezzogiorno. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Basta cliccare qui.

2 novembre 2022 | 08:35

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News