Reddito di cittadinanza, ancora illeciti a Bologna: chi lo vuole abolire e chi cambiare

L’operazione della Guardi di Finanza che ha portato alla luce ancora una volta numerosi illeciti tra Bologna e San Lazzaro, richiama politica e cittadini a ri-considerare le modalità di erogazione del sussidio e, come appare evidente, di controllo e verifica preliminare delle dichiarazioni presentate agli uffici preposti. 

Sicuramente però è lecito chiedersi il perchè si debba procedere a verifiche accurate solo in un secondo momento, in alcuni casi facendo intervenire la guardia di finanza, e quindi coinvolgere diversi enti e istituzioni per dare avvio al recupero degli importi percepiti indebitamente. 

Lega: “Sussidi a chi è in difficoltà e non ha un lavoro sono sacrosanti ma vanno rivisti e proposti in forme differenti perché il Reddito di Cittadinanza, nel corso di questi tre anni, ha elargito fondi in maniera impropria e dannosa”

L’ultima indagine che haportato alla denuncia di 44 persone residenti nei campi rom del bolognese, offre la sponda alla Lega cittadina: “Un fatto grave e preoccupante perché da truffe come questa siamo danneggiati tutti – scrivono in una nota i consiglieri comunali della Lega Francesca Scarano, Giulio Venturi e Matteo Di Benedetto – un ringraziamento va alla Guardia di Finanza per il lavoro svolto a favore dell’intera comunità. Episodi di questo genere, troppo frequenti a Bologna come nel resto di Italia, sono la dimostrazione che il Reddito di Cittadinanza non funziona e confermano quanto la Lega sostiene da tempo: i sussidi a chi è in difficoltà e non ha un lavoro sono sacrosanti ma vanno rivisti e proposti in forme differenti perché il Reddito di Cittadinanza, nel corso di questi tre anni, ha elargito fondi in maniera impropria e dannosa. Non da ultimo i cittadini si trovano nuovamente a fare i conti con le politiche buoniste della sinistra che hanno portato a una moltiplicazione dei campi rom, che va assolutamente fermata”.

Leggi anche:  Lega Nord, il ritorno: gli iscritti ottengono un congresso per rifondare 'l'altro partito' svuotato da Salvini. E riprendersi i suoi ...

Lo stesso leader Matteo Salvini, in un intervento al Festival del Lavoro, tenutosi a Bologna, aveva detto che “dopo quattro anni di funzionamento il reddito di cittadinanza ha funzionato come assistenza, ma non come reinserimento al lavoro – e che sarebbe giusto – lasciarlo a chi non può lavorare, e sono tanti, è assolutamente doveroso. Dare i soldi, che oggi vengono sprecati e diventano lavoro nero, alle imprese per assumere mi sembra assolutamente ragionevole”. 

Forza Italia: “In molti casi il reddito di cittadinanza si tramuta in assistenzialismo fine a se stesso, in altri – e altrettanto numerosissimi – casi il sussidio finisce nelle mani dei soliti ‘furbetti'”

“Ancora una volta siamo costretti a ribadire che il reddito di cittadinanza, misura sulla quale Forza Italia è sempre stata fortemente critica, non ha più motivo di esistere così com’è. In molti casi il reddito di cittadinanza si tramuta in assistenzialismo fine a se stesso, in altri – e altrettanto numerosissimi – casi il sussidio finisce nelle mani dei soliti ‘furbetti’ – fa sapere Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia – E chissà quando le somme percepite indebitamente verranno recuperate. Abbiamo bisogno di una riforma complessiva in tema di lavoro, che parta innanzitutto dal mettere i centri per l’impiego nelle condizioni di funzionare al massimo delle loro potenzialità, mentre le aziende devono poter assumere con incentivi adeguati. Senza questi importantissimi passi, insistere sul reddito di cittadinanza è illogico: le tante denunce di furbetti di questi anni, da quando la misura è stata varata, ne sono la prova. Forza Italia è pronta a mettere sul tavolo della discussione ogni proposta utile per superare il reddito di cittadinanza che, ad oggi, non ha prodotto i risultati sperati”. 

Bonaccini: “Va cambiato perchè il lavoro prima di tutto è dignità”

Non è tanto distante la posizione del presidente della Regione, Stefano Bonaccini, che a margine del suo intervento al Festival del Lavoro ha dichiarato di non essere tra quelli che vuole abolire il reddito di cittadinanza poichè “solo chi è nella disperazione o in povertà conosce l’importanza di avere le istituzioni a proprio fianco con un sussidio – ma – era nato in particolare per cercare il prima possibile di far entrare o rientrare nel mercato del lavoro le persone, non mi pare che questo obiettivo sia stato vinto, quindi va cambiato perchè il lavoro prima di tutto è dignità”. 

Leggi anche:  Reddito di cittadinanza, ecco la norma 'spazzadivani': si perde rifiutando anche offerte da privati

(GdF foto archivio)

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Torna La Milanesiana 2022 con Voci della Lombardia

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook