Reddito di cittadinanza e superbonus a rischio fallimento: le pesanti eredità che Draghi lascia al Paese

I temi non risolti e le responsabilità che il presidente del Consiglio ha provato a scaricare su altri, pesano sui conti e sul futuro prossimo



Nei brevi interventi al Senato e alla Camera, funzionali al voto di fiducia, Draghi ha dimostrato, a tratti anche dichiaratamente, di essere consapevole di lasciare in eredità fronti aperti e critici, senza prospettiva immediata di soluzione. E ciò su due provvedimenti in particolare che pesano come macigni sulla tenuta economica e sociale del paese, oltre che sul mondo del lavoro: Superbonus e reddito di cittadinanza.

Draghi, soprattutto nella replica al Senato, non solo ha confermato le gravi criticità dei due provvedimenti ma ha provato goffamente a scaricarne su altri la responsabilità. Come se lui non fosse al governo da un anno e mezzo.

Draghi afferma e ammette cose gravi e preoccupanti lasciandone la responsabilità e la gestione ad altri: da un lato il rischio per migliaia di aziende coinvolte nei lavori dei superbonus, chiuse o ridotte sul lastrico da un meccanismo sbagliato di cessione del credito di imposta, attraverso le banche e, dall’altro, un reddito di cittadinanza che non funziona come dovrebbe funzionare e che, in soldoni, non premia chi ha davvero bisogno ma premia spesso chi non ha diritto e se ne approfitta. Una misura che a oltre tre anni dalla sua introduzione, non produce lavoro (nemmeno socialmente utile), trasformandosi dannosamente in strumento puramente assistenziale. Che, per ammissione dello stesso Draghi, ha finito per ripercuotersi negativamente anche sul mondo del lavoro.

Leggi anche:  Prime Video: Le Serie TV in streaming a Settembre 2021

Due elementi di criticità capaci di compromettere gli effetti potenzialente virtuosi dei due provvedimenti nel momento della loro applicazione. Criticità che Draghi, in un anno e mezzo, non solo non ha risolto, ma non ha nemmeno affrontato, lasciandole in eredità, con i loro effetti funesti e tutt’altro che virtuosi, ad un paese in crisi e ora senza parlamento, ancora prima che a un nuovo governo. Con l’aggravante che essendo questi provvedimenti di carattere parlamentare e non modificabili da un governo che non può andare oltre alle pratiche ordinarie fino alle elezioni, rimanendo congelati e funzionanti nelle loro dannose criticità. Una eredità pesante e dannosa che Draghi ha consapevolente scaricato sul paese, provando a dare la colpa ad altri e lavandosene letteralmente le mani. Tra gli applausi dei parlamentari PD.

Leggi anche:  Superbonus 110%: scoperta a Treviso maxi frode da 24 milioni

Gianni Galeotti


Paypal

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di
modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Redazione La Pressa

Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>

Leggi anche:  Intesa nel centrodestra: chi ha più voti indica il premier. Berlusconi: Io punto al 20 per cento

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook