Reddito di cittadinanza più alto se si accetta lavoro stagionale nel 2022 – 2023

Reddito di cittadinanza di importo più alto rispetto all’attuale se si accetta un’offerta di lavoro stagionale: cosa prevede la nuova legge per compatibilità RdC e lavoro

Cosa prevede la nuova legge del governo per un reddito di cittadinanza più alto se si accetta lavoro stagionale nel 2022-2023?

Stando a quanto previsto dalla nuova proposta di legge del governo per ulteriori modifiche del reddito di cittadinanza, chi accetta un lavoro stagionale estivo di qualche mese non si vedrebbe tolto il reddito di cittadinanza ma, pur lavorando e percependo uno stipendio, continuerebbe a ricevere il 50% del beneficio riconosciuto, non perdendolo, quindi, ma, anzi, avendo un importo più alto di reddito di cittadinanza. Ora il reddito di cittadinanza, quando si trova un lavoro, si riduce fino alla differenza dei 780 euro da garantire ogni mese o si azzera del tutto. Con la nuova legge, si continuerebbe a percepirlo e anche di importo più alto.
 

Cambia ancora il reddito di cittadinanza tra nuovi rischi di riduzioni, decadenza e revisione degli importi: stando alle ultime novità approvate, tanto quanto possono verificarsi casi che portano a riduzioni dell’importo di reddito di cittadinanza che si percepisce, tanto ci sono nuovi casi che permettono, al contrario, di aumentare l’importo del beneficio. Vediamo allora quando il reddito di cittadinanza diventa più alto grazie alla nuova legge del governo?

  • Reddito di cittadinanza più alto se si accetta lavoro stagionale nel 2022-2023
  • Ulteriore proposta per aumentare reddito di cittadinanza a lavoratori stagionale
Leggi anche:  Mirafiori e Maserati, nuovo direttore stabilimento è il fratello di Figliuolo

Reddito di cittadinanza più alto se si accetta lavoro stagionale nel 2022-2023

Il governo starebbe lavorando ad una nuova legge per rendere compatibile il reddito di cittadinanza con il lavoro stagionale senza alcuna decurtazione del beneficio, per sopperire alla mancanza di circa 300mila persone richieste per la stagione estiva. 

Rendendo, infatti, compatibile il reddito di cittadinanza e il lavoro stagionale, a chi accetta un contratto di lavoro stagionale, solo per i mesi estivi, non perderebbe il suo assegno. Se, infatti, oggi chi percepisce il reddito di cittadinanza trova un lavoro, il beneficio continua ad essere riconosciuto solo come integrazione eventuale allo stipendio per arrivare ad un importo totale massimo mensile di 780 euro.

Con la nuova legge, a prescindere dal nuovo lavoro e dallo stipendio garantito dal lavoro stagionale, il soggetto interessato potrebbe continuare a percepire la metà del sussidio, l’importo al 50% di quello generalmente riconosciuto, senza toglierlo del tutto e lasciare al lavoratore solo lo stipendio previsto.

In questo modo, il soggetto che accetta un lavoro stagionale può avere un reddito di cittadinanza più alto pur lavorando, avendo così a disposizione maggiori risorse economiche per tutti i mesi di lavoro estivo, considerando stipendio percepito e reddito di cittadinanza più alto.

Leggi anche:  Medicine, interviene la Legge 104: quali farmaci costano zero

Dunque, il governo si sta impegnando per permettere alle decine di migliaia di persone ogni anno impiegate nel settore turistico e alberghiero estivo di lavorare, garantendo ai datori di lavoro la forza lavoro necessaria, senza che perdano il sussidio e, anzi, avendo un importo di reddito di cittadinanza di quello attuale. Accettare, quindi, offerte di lavoro stagionale senza per questo perdere il proprio reddito di cittadinanza ma, anzi, aumentandone l’importo.

Ulteriore proposta per aumentare reddito di cittadinanza a lavoratori stagionale

Insieme alla proposta della nuova legge di lasciare sempre e comunque la metà dell’importo di cittadinanza che si percepisce a chi accetta una offerta di lavoro stagionale, permettendo così al lavoratore di avere soldi in più visto il cumulo tra reddito di cittadinanza al 50% e stipendio percepito, il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha avanzato un’altra proposta per rendere il reddito di cittadinanza più alto.

Si tratta, in particolare, della possibilità di riconoscere fino a 500 euro in più al mese a chi accetta un lavoro stagionale, togliendo, di contro, del tutto il beneficio a chi rifiuta già due offerte di lavoro. Secondo quanto spiegato dal presidente DDe Luca, in Campania c’è una grande carenza e conseguenza necessità di trovare lavoratori stagionali in tanti settori e si tratta di impieghi per cui servono incentivi, soprattutto a fronte di paghe molto basse e condizioni molto precarie di lavoro.

Leggi anche:  GdF ricostruisce decine di operazioni di spaccio tra Gioia e Livorno, misure cautelari per 16 persone

La proposta di De Luca per riuscire a impiegare effettivamente lavoratori stagionali è quella di lasciare il reddito di cittadinanza a chi lo prende, dando in più 500 euro al mese a chi fa anche il lavoratore stagionale.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook