Riforma pensioni 2022/ Incontro Draghi – sindacati: decreto estate per aiuti pensionati

INCONTRO DRAGHI-SINDACATI: COSA SUCCEDE PER LE PENSIONI

Novità chiare sulla riforma pensioni 2022-2023 non ve ne sono neanche dopo l’incontro tenutosi oggi a Roma tra il Premier Draghi e i sindacati nazionali: «Un incontro positivo, potenzialmente decisivo. Il Governo ha condiviso la nostra impostazioni anche per governare le emergenze. Il governo conta di deliberare prima della pausa estiva per salari, pensioni e reddito delle famiglie», ha detto il leader della Cisl Luigi Sbarra. Nell’incontro durato quasi due ore, alla presenza dei tre segretari di Cgil, Cisl e Uil, v’erano oltre al Premier Draghi anche i Ministri Orlando, Giorgetti, Brunetta e Patuanelli.

Un nuovo tavolo con i sindacati è stato già convocato per il prossimo 26-27 luglio con al centro un possibile nuovo patto sociale che guardi ai soldi del PNRR: dai tavoli singoli convocati – su cuneo fiscale, salario minimo e precarietà – non emerge un dossier specifico sulla riforma pensioni, anche se qualcosa potrebbe avvenire comunque a fine luglio. Tutto dipenderà da quanto avverrà dopo il decreto stipendi previsto per l’estate: il viaggio verso la Manovra e la conseguente decisione su cosa combinare con le pensioni da gennaio non saranno di facile composizione anche se pure oggi i sindacati hanno richiamato il Governo ad intervenire al più presto, come enunciato da Landini e Bombardieri, «Numeri non ci sono stati fatti. Ci si è fermati a temi come la difesa del potere d’acquisto, la precarietà, il salario minimo. Al momento non abbiamo risposte. Ad oggi risultati non ce ne sono. Abbiamo ribadito che dobbiamo agire e non possiamo aspettare la legge di bilancio». (agg. di Niccolò Magnani)

Leggi anche:  Cambi, dollaro in attesa di interventi Powell

CISL E CGIL BOCCIANO LE PROPOSTE DI INPS E ORLANDO

Alla vigilia dell’incontro con il Governo, dai sindacati arrivano messaggi chiari sulle proposte di riforma delle pensioni contenute nel Rapporto annuale Inps. Ignazio Ganga, Segretario confederale della Cisl, evidenzia “che esse non sono mai state oggetto di analisi con il sindacato benché la ripresa del confronto sia stata da tempo più volte sollecitata.

Inoltre, la Cisl non ritiene che la flessibilità nell’accesso alla pensione possa realizzarsi con le accennate penalizzazioni, né con la riduzione di orario di lavoro negli ultimi anni di attività”. Messaggio simile arriva dalla Cgil, secondo cui “le ipotesi di riforma analizzate dall’Istituto sono molto distanti dalla nostra piattaforma sindacale. Per noi non è accettabile un’uscita con 64 anni e 35 di contribuzione, con penalizzazioni o ricalcoli contributivi, né tanto meno un anticipo della pensione solo per la quota contributiva, che rischia di colpire coloro che hanno retribuzioni basse o discontinuità lavorativa, in particolare le donne”.

LA DETERMINAZIONE DELLA LEGA

Diverse dichiarazioni di esponenti della Lega fanno capire che la posizione del Carroccio è compatta di fronte alle proposte di Pd e M5s orientate allo ius scholae e alla liberalizzazione della cannabis. Ci sono temi più importanti, tra cui misure per aumentare le pensioni, oltre che una riforma che miri a introdurre Quota 41. “Ancora una volta gli amici del PD mostrano di non comprendere bene quali siano le priorità per gli italiani che quotidianamente arrancano e faticano a far quadrare i conti del bilancio familiare. Bisogna aumentare stipendi e pensioni, bisogna intervenire per tagliare le tasse, per rendere le bollette meno gravose, per creare opportunità di lavoro e sviluppo, non pensare a leggi su droga libera o cittadinanza facile”, sono, per esempio, le parole del Segretario regionale della Sardegna Dario Giagoni riportate da sardegnaierioggidomani.com. “Noi continuiamo le nostre battaglie, a Roma come a Bruxelles, su lavoro, tasse, caro bollette e pensioni, mentre loro ritengono prioritario organizzare a Milano gli stati generali per liberalizzare la cannabis”, aggiunge l’europarlamentare Annalisa Tardino, come riporta licatanet.it.

Leggi anche:  Perché Vinonuovo sostituisce Del Debbio a Dritto e Rovescio

RIFORMA PENSIONI, LE PAROLE DI BOMBARDIERI (UIL)

Dall’incontro tra Governo e sindacati in programma oggi, la Uil si aspetta “delle risposte concrete”. Il Segretario generale Pierpaolo Bombardieri, infatti, come riporta newsby.it, evidenzia che “mentre si dibatte e discute lavoratori e pensionati perdono potere d’acquisto, diventando più poveri, come certifica l’Istat. Il Paese non può aspettare la manovra, ha necessità di interventi immediati”. “Ci rendiamo conto delle difficoltà, ma ci aspettiamo che il governo sia in grado di illustrarci proposte concrete per dare risposte ai cittadini”, aggiunge il sindacalista, che ricorda anche che “abbiamo proposto al governo tre documenti unitari: uno su lavoro e precarietà; l’altro sulla riforma fiscale, dove aspettiamo delle risposte e chiediamo un intervento sul cuneo fiscale per aumentare il potere d’acquisto. In ultimo c’è il tema del welfare”.

L’ANALISI DI CAVALLARO

Intanto Francesco Cavallaro sottolinea che “il quadro desolante che ci presenta il rapporto annuale Inps è la conferma di quanto sosteniamo da tempo. Un quadro fatto di lavoro povero e, di conseguenza, pensioni povere. È arrivato il momento di  intervenire”. Secondo il Segretario generale della Cisal, “serve più lavoro buono ed una riforma complessiva del sistema previdenziale che dia dignità a chi ha lavorato una vita e che oggi, più di ieri, sta subendo pesanti ed evidenti ripercussioni a causa del repentino aumento del costo della  vita. Il quadro normativo attuale è inadeguato: costringe le persone a lavorare fino all’ultimo giorno utile e blocca il ricambio generazionale. Riaprire subito il dialogo con tutte le parti sociali”.

Leggi anche:  Tiziana Basso: NASPI e reddito di cittadinanza in Veneto

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook