Rimini. Niente personale: il titolare del Barrumba fa il custode

Altro che il “Vamos alla Playa” degli anni ’80 o il “Pistolero” e lo “Shakerando” di turno, qua il vero tormentone dell’estate è diventato l’Sos personale. Non c’è bar, ristorante, pensioncina, albergo, piadineria o gelateria che quotidianamente non lanci un allarme forza lavoro e se sul banco degli imputati finisce sempre il reddito di cittadinanza la realtà dei fatti è molto diversa se è vero che in provincia di Rimini lo percepisce appena l’1% della popolazione. Lo sanno bene gli imprenditori del settore turistico-ricettivo, ne ha testato sulla propria pelle le conseguenze uno di quelli più noti sul panorama locale.

Una settimana da custode

Agostino Brigidi ha aperto il Barrumba insieme all’amico e socio Gianni Capitani nel 1997 e in oltre un quarto di secolo ha visto Rimini e la Riviera cambiare completamente pelle da dietro e il bancone o girando fra i tavoli e le botti di uno dei locali di punta della nostra città. Basta dire Chicco e Gianni per capire di cosa si stia parlando, ma da qualche giorno di “Chicco” non si vedeva neanche l’ombra. Dove era finito? «Si è ammalato il custode e per una settimana l’ho sostituito in prima persona: tutti i giorni dalle quattro e mezzo a mezzogiorno. D’altra parte è diventato difficilissimo reperire personale qualificato, quest’anno è quasi impossibile e abbiamo dovuto sopperire rimboccandoci ancor più le maniche. Da oltre 25 stagioni siamo abituati ad avere un turnover del 30-40% della ventina di dipendenti che lavorano per noi, quest’estate è stata quasi un’impresa attuare la solita rotazione e soprattutto in cucina è stato molto molto complicato» rivela, chiosando con il sorriso sulle labbra: «Comunque una nota positiva c’è anche in quello che è successo: conoscere tutti i processi della propria attività aiuta a capire esigenze e difficoltà di ogni persona e a predisporsi al meglio ad affrontarle».

Leggi anche:  Bonus facciate 2022, come funziona e per quali lavori è previsto - GUIDA

La “ricetta” del sindacato

«A Rimini siamo precursori in tutto, spesso e volentieri delle cose belle, in questo caso lo siamo purtroppo della carenza di lavoratori stagionali: è un tema che qui sentiamo infatti da quattro-cinque anni, ben prima del Covid e dell’imputato generale che è il reddito di cittadinanza. «Purtroppo in Italia si tende ad affrontare il problema banalizzandolo (dai bamboccioni si è passati ai fannulloni) o cercando elementi di distrazione di massa per non ammettere le vere criticità del sistema e provare ad affrontarle», commenta la segretaria provinciale della Cgil Isabella Pavolucci, per poi passarle in rassegna: «Il punto di partenza non possono che essere le condizioni di lavoro nell’ambito della stagionalità: non solo spesso sono connotate dall’irregolarità, ma si caratterizzano per orari sempre più pesanti in un sistema che non offre prospettive in fatto di crescita personale e di vita, né garantisce più una un ammortizzatore sociale che dia una prospettiva pensionistica. Mi spiego. La vecchia disoccupazione stagionale copriva un periodo equivalente a quello lavorato (in genere il lavoro estivo durava quattro mesi) e la somma valeva per la pensione: oggi si ha invece una stagionalità già ridotta in media a due mesi e di quel periodo la Naspi copre il 50%. Quindi si parla in media di tre mesi contro gli otto che storicamente uno stagionale si garantiva. La cosa grave è che nessuno pare abbia intenzione di risolvere questo aspetto, a parte il sindacato: c’è non chi non vuol vedere e chi vede e non vuole agire».

Leggi anche:  Il Premio Masi a Roberto Battiston, Jane da Mosto e Paolo Fazioli

Pavolucci va poi oltre e, indica le altre direttrici della “manovra” necessaria a invertire il trend. «Dove intervenire oltre che sulla disoccupazione? Creando un intreccio diverso fra domanda e offerta di lavoro, che non può continuare a passare da un annuncio su un palo o da un post Facebook dell’imprenditore, ma deve transitare dai Centri per l’Impiego: oggi raccontano infatti una realtà completamente diversa da quella reale, le poche richieste che vi si trovano stonano incredibilmente con le grida di allarme quotidiane. Purtroppo, finché i canali di reclutamento non diventeranno quelli ufficiali, ma resteranno quelli informali non si verrà mai a capo del tema, che deve passare da una gestione pubblica e un patto territoriale sui canali di reclutamento» prosegue la segretaria, ponendo al centro dell’attenzione in chiusura un ulteriore intreccio vitale: «Quello con le Scuole di Formazione, che vanno tarate sulle nuove esigenze del turismo e sull’innovazione richiesta dal mercato. Rimini per fortuna va davvero caratterizzandosi per la destagionalizzazione: abbiamo un territorio con mille sfaccettature di turismi diversi (balneare, termale, sportivo, culturale, enogastronomico…) e questo deve far capire a lavoratrici e lavoratori che è necessario sviluppare la propria professionalità in vari ambiti per poter viver del proprio lavoro nel comparto turistico tutto l’anno e non dover pensare più solo alla stagione».

Leggi anche:  'Ndrangheta infiltrata in rete ferroviaria, 41 indagati

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook