Rischio di rabbia sociale se aboliscono il reddito di cittadinanza”

E’ soddisfatto il leader dei 5Stelle, Giuseppe Conte. E non lo nasconde, anzi lo rilancia: «A quest’ora hanno votato già 40 mila iscritti». Il tema, naturalmente, sono le liste elettorali e le parlamentarie in corso per la scelta dei candidati che il movimento presenterà alla prossima consultazione elettorale di settembre. «I dati che mi sono stati forniti alle 17,30 erano circa 40mila i votanti alle parlamentarie M5s», dato che se si raffronta alle Parlamentarie 2018 «in cui furono in totale 39mila». Così il leader M5s Giuseppe Conte, al direttore de La Stampa, Massimo Giannini nella trasmissione “30 minuti al Massimo”.

Giuseppe Conte: “Ridurremo l’orario di lavoro a parità di salario”

Reddito di cittadinanza e parità salariale

Poi, la prima notizia, anzi la prima indicazione sul programma elettorale: «Metteremo la riduzione dell’orario di lavoro a parità salariale. Proponiamo la riduzione dell’orario di lavoro  a parità salariale», insiste, «tutti gli studi dimostrano che oltre una certa soglia la produttività non aumenta». E aggiunge, naturalmente, «non lo vogliamo fare a danno delle imprese ne la vogliamo imporre: si può sperimentare con un meccanismo di adesione su base volontaria». Poi rilancia sul poi reddito di cittadinanza: «Sul reddito siamo intervenuti per bloccare le frodi ma abbiamo salvato 1 milione di cittadini dalla povertà. Ora dico attenzione: eliminarlo sarebbe una follia e ci sarebbe una rabbia sociale su cui non dobbiamo scherzare». E attacca il governo sul Superbonus. «C’è stato un pregiudizio ideologico» e sulle truffe «il governo ha dato dati falsati, perché alla fine si è scoperto che erano solo 130 milioni».

Giuseppe Conte: “Eliminare il reddito di cittadinanza? Rischio di rabbia sociale e di un malessere che non riusciremmo a contenere”

Il fronte interno e i rapporti con Grillo

Leggi anche:  Kabul, i talebani reprimono la manifestazione delle donne afghane

Quindi, il fronte Beppe Grillo e le tensione interne al Movimento.  «I miei rapporti con Grillo sono molto buoni, ci sentiamo costantemente», dice, «in passato c’è stata effettivamente una incomprensione iniziale, quello è stato un momento vero di scontro ma poi c’è stata una ricomposizione», prosegue e così, fa capire con l’ex sindaca di Roma Virginia Raggi. Con lei, «Nessuna ruggine e nessuna frizione. Lei ha dato una interpretazione errata delle regole (sulle candidature, ndr). Ha detto che non si sarebbe ricandidata per ragioni personali, ma non è nella condizione di ricandidarsi perché il suo secondo mandato lo sta esaurendo»: Tutto qui. Cosa diversa con D Battista. «Lì, – insiste – con lui c’è un problema di politica estera. Ci siamo confrontati e abbiamo valutato un suo diretto coinvolgimento, ma abbiamo valutato che sulla linea politica, in particolare di politica estera, non c’era un pieno accordo».

Conte: “La destra non è un pericolo per la democrazia ma è inaffidabile”

Il listino

Giuseppe Conte replica anche a chi in questi giorni lo ha accusato di “portarsi” in Parlamento una piccola schiera di fedelissimi. e, intervistato sul sito de LaStampa.it dal direttore Massimo Giannini replica: «Ho proposto una piccola squadra di 15 persone, ma non è questione di fedelissimi: sono persone che possono contribuire a realizzare le nostre battaglie». Poi rivendica, «che piaccia o no la forza più progressista e innovatrice del sistema è il Movimento 5 Stelle».

Leggi anche:  Bonus 200 euro pagato anche senza requisiti: così l'Inps valuta chi deve restituirlo

I rapporti con il Pd

Massimo Giannini chiede: «Mai più col Pd?». E Conte risponde: «E’ stato molto deludente l’atteggiamento del Pd, incomprensibile. Credo che nessuno possa credere alla favoletta “non andiamo col M5S perché ha fatto cadere il governo Draghi…”». Di certo – osserva l’intervistatore – la caduta del campo largo favorisce il centrodestra. Da qui, il passaggio sul tema del voto utile. «Il voto utile – dice nella trasmissione “30 minuti al Massimo”  è il nostro: è evidente». «Il M5s corre – scandisce – da solo ma chi ci guarda deve essere sicuro che nei prossimi 5 anni ci batteremo per ottenere i nostri obiettivi di programma. Non mi sembra che altri abbiano un vero progetto di società». E alla domanda «Dove peschiamo?», replica: «L’elettorato deciderà. Ma quando parliamo delle persone che non contano parliamo anche dei piccoli commercianti, dei liberi professionisti. E’ ovvio che il nostro è un progetto progressista ma il fatto di etichettarlo lo lascio a voi commentatori». Poi torna sulla caduta del governo Draghi. «Anche i cittadini più ingenui hanno capito che non siamo stati noi a far cadere il governo, quando il Pd ci ha messo l’inceneritore sotto il naso e quando Di Maio sotto gli occhi di Draghi durante un conflitto ucraino si è messo a creare uno smottamento in un equilibrio già precario di maggioranza».

Giuseppe Conte: “Finita con il Pd? Non siamo una forza rancorosa, ma saremo più cauti”

La fiamma nel logo di Fratelli d’Italia

Se Meloni deve rimuovere la fiamma dal simbolo di Fdi? «Ci sono due Meloni: c’è la Meloni che fa la moderata e poi una Meloni che va da Vox – argomenta Giuseppe Conte – che si presentava scomposta, gridando contro le chiusure. La fiamma è un retaggio del Movimento sociale. Non ne farei una questione di fiamma. Per me il problema sono i principi costituzionali e il genuino spirito democratico».

Leggi anche:  Dante, dal decesso per malaria al famoso profilo (forse falso): tutte i dubbi ancora irrisolti a 700 anni dalla morte. E la scienza potrebbe aiutare

Un Draghi bis?

«Non ci sono le condizioni, anche perché Draghi stesso ha preso la palla al balzo per mettere fine al suo mandato. Il metodo Draghi (o agenda) – dice Conte – è un decisionismo referenziale, dico attenzione che siamo in una democrazia parlamentare». Infine l’ultima domabda di Giannini: e se lei prende meno di un risultayo a due cifre lascia? «IO credo che i risultati saranno buoni».

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook