Ristoratore non trova personale: ‘Decidete voi stipendio e orari’

Aumenta gni giorno il numero dei ristoratori che lamentano l’enorme fatica a trovare cuochi e camerieri per la stagione estiva.

Il lavoro c’è. I disoccupati non mancano mai purtroppo. Dunque come mai domanda e offerta fanno così fatica ad incontrarsi? Mai come quest’anno titolari e gestori di bar, ristoranti e alberghi lamentano di non riuscire a trovare personale per cucina e sala. Cuochi e camerieri sembrano diventati merce rara.

. Ansa/Simone Venezia/Archivio

Il primo a inaugurare la stagione degli chef in cerca disperata di cuochi è stato Alessandro Borghese che è stato aspramente criticato per le sue idee su eventuali stage gratuiti. Lo hanno seguito a ruota l’imprenditore Flavio Briatore che, nonostante non offra stipendi bassi, fatica a trovare personale per i suoi locali. Stesso problema riscontrato anche a Milano da Filippo La Mantia che ha inaugurato da poco il suo nuovo ristorante in stazione Centrale. Tutti – a dir loro – hanno riscontrato che durante i colloqui i candidati chiedono stipendi alti fin da subito, fine settimane liberi e niente turni serali. Altrimenti preferiscono prendere i sussidi statali come Disoccupazione o Reddito di Cittadinanza. In risposta a questa difficoltà crescente nel trovare persone disposte a lavorare, il signor Pierluigi Lucino, titolare del Riviera Bar Bistrot di di Porto Cesareo – località balneare in provincia di Lecce – ha pubblicato questo annuncio: “Cerco personale. Lo stipendio lo decidete voi, il giorno libero e gli orari anche”.

Il locale di Lucino si trova a pochi passi dal mare e offre un salario tutt’altro che disprezzabile: minimo 1200 euro netti, che salgono a 1500-1600 euro per i pizzaioli. Ma l’imprenditore non riesce a trovare personale il ché significa dover ridurre il numero di clienti perché non si riesce a servire tutti in un tempistica accettabile.  Il post  di Lucina aveva un chiaro intento provocatorio che, tuttavia, al momento non ha innescato l’effetto sperato. Ancora nessun candidato. Secondo i dati diffusi dal ministero del Turismo, nel comparto i posti vacanti sarebbero tra i 250 mila e 350 mila. Chi offre lavoro lamenta la mancanza di volontà di chi cerca occupazione ma poi rifiuta gli incarichi, mentre sul fronte opposto i lavoratori denunciano condizioni disumane a partire da turni massacranti e paghe da fame. L’unica certezza è che da un lato il sistema ristorativo rischia di saltare per mancanza di personale; dall’altro migliaia di persone restano a casa senza un lavoro. Il paradosso, purtroppo, è reale.

Leggi anche:  Violenza contro le donne, l'annuncio di Von der Leyen: 'Proporremo norma Ue per contrastarla. È atto di giustizia'
Previous articleLeo, 12 anni, vuole diventare calciatore. Muore sulla A4

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  “Una notte da leoni”, stasera il film di Todd Phillips

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook