Roma, bimbi rimasti senza posto all’asilo nido? Via al bando fino al 5 agosto

Caccia al posto negli asili nido del Comune di Roma. I bimbi rimasti fuori dalle iscrizioni di febbraio scorso hanno un’altra carta da giocare: il bando-lampo, fuori termine, a cui si può aderire fino al 5 agosto prossimo. Il bando è rivolto a tutte le famiglie che non hanno avuto il posto quando hanno presentato domanda di iscrizione a febbraio: perché erano basse in graduatoria e sono rimaste in lista d’attesa o perché hanno rinunciato al posto o non hanno provveduto con l’accettazione formale. Oppure possono partecipare, ora, anche tutte quelle famiglie che non lo hanno fatto a febbraio: chi ha cambiato idea, chi ha cambiato orari o organizzazione familiare.

La domanda di iscrizione “Fuori Termine”

Tutte le famiglie interessate, quindi, possono presentare domanda di iscrizione “Fuori Termine” per l’anno educativo 2022/2023, consegnando il modulo cartaceo direttamente all’Ufficio Protocollo del Municipio interessato o inviando la documentazione tramite Pec.
Dopo il 5 agosto, quando si chiuderanno i termini per presentare domanda, i municipi elaboreranno una nuova graduatoria, in base ai posti che risulteranno residuali, che sarà pubblicata il 30 agosto. Da lì a pochissimi giorni inizierà l’anno educativo, quindi si tratta di una chiamata last minute. Ma si andrà avanti così fino a gennaio visto che il Campidoglio ha predisposto altre graduatorie per occupare tutti i posti che resteranno liberi. Quindi le famiglie possono presentare nuovamente domanda per la graduatoria successiva: le prossime sono previste per il 23 settembre, il 25 ottobre, il 24 novembre, il 15 dicembre e il 15 gennaio. Nella domanda le famiglie potranno indicare fino a sei strutture, scelte tra quelle indicate nel bando annuale, scegliendo tra nidi a gestione diretta e nidi a gestione indiretta, rispettando la regola generale secondo cui le prime due opzioni devono essere riferite a nidi a gestione diretta mentre le restanti quattro scelte sono libere. La possibilità di iscrivere il bambino al nido, fino a gennaio, rappresenta per le famiglie una bella agevolazione che andrà a snellire le liste d’attesa. «Si tratta di un altro tassello, dopo l’abbattimento delle rette e la sperimentazione del prolungamento dell’orario di apertura di alcune strutture, per potenziare l’accessibilità e l’offerta formativa per i bambini – spiega l’assessora alla scuola Claudia Pratelli –  Bisogna trasformare il nido in un diritto universale per tutte le famiglie e tutti i bambini».

Leggi anche:  Martedì si riunisce il comitato di sicurezza sul livello di allarme per il gas

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 27 Luglio 2022, 08:52

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Governo: Cimino (M5s), mercoledì voterò la fiducia

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook