Categorie
Calcio

Roma, Fonseca: ‘Noi come Inter e Juve? Non mettiamo ingiusta pressione alla squadra. Contro il Milan e Ibra…’ | Serie A

Condividi Tramite:


Paulo Fonseca, allenatore della Roma, parla ai microfoni di Sky Sport al termine della partita vinta 5-2 contro il Benevento: “Abbiamo fatto una bella partita oggi. Abbiamo fiducia, sarà un campionato lungo e siamo all’inizio ma la squadra sta andando bene. Ora abbiamo molte partite in pochi giorni, dobbiamo gestirci ma sono fiducioso”.

CALI DI CONCENTRAZIONE – “Abbiamo avuto sempre il controllo della partita, con poche situazione di pericolo. Anche se dobbiamo gestire le partite ancora meglio”.

TANTI GOL IN SERIE A – “Noi abbiamo preso un gol sfortunato e un altro su rigore, non è che la squadra non sia stata equilibrata. Ma l’ho già detto: la Serie A è un campionato offensivo, questa giornata lo ha dimostrato. Noi vogliamo sempre essere offensivi e creare tante occasioni. È una cosa positiva anche per il calcio italiano”.

AL LIVELLO DELLE PRIME? – “Io voglio sempre essere realista. Siamo tutti d’accordo sul fatto che ci sono due squadre che hanno fatto investimenti diverse e sono candidate a vincere al campionato. Dietro ci sono una serie di squadre, come la Roma, che possono fare una buona stagione e puntare alla Champions”.

SUL MODULO – “La squadra ha dimostrato di poter giocare con due sistemi. Dipenderà dalle caratteristiche della partita. Possiamo giocare con difesa a 5 o a 4, come oggi. La squadra si sta preparando”.

SUL MILAN – “Ibra? Non so se Smalling sarà pronto, ma abbiamo altri difensori molto forti. Kumbulla, Ibanez e Mancini hanno tutta la mia fiducia. Io devo essere il primo ad essere equilibrio perché non è semplice tenerlo. Non siamo i peggiori quando perdiamo, non siamo i migliori quando vinciamo”.

RUOLO DA MANAGER – “Io sono solo l’allenatore. Non voglio essere più di questo”.

Poi, ai microfoni di Roma Tv, Fonseca ha aggiunto: “Oggi sono soddisfatto. Abbiamo creato molto e segnato 5 gol. I due che abbiamo preso sono uno sfortunato e uno su rigore. La squadra ha giocato bene, sicura, e ha portato a casa la partita”.

SU CRISTANTE – 
“Ha giocato una bellissima partita. All’inizio ha giocato più avanti e dopo ha fatto bene anche dietro. Per me ha fatto una grande partita”.

SU PELLEGRINI – 
“Volevo avere un giocatore in più in avanti, per questo abbiamo cambiato per poter pressare più in alto”.

PARAGONE CON LE BIG – 
“Penso che dobbiamo essere equilibrati e realisti. Sappiamo degli investimenti di Juventus e Inter. Non dobbiamo creare un’ingiusta pressione alla squadra e lasciarla pensare a partita dopo partita”.





Fonte e diritti articolo

Sei il proprietario di questo articolo e vuoi che venga rimosso? Contattaci sulla nostra Pagina Facebook.

Potrebbe interessarti anche...