Scenari prossimi/ Quanto pesa sulle pensioni la fuga dal lavoro

Mentre il tema dei salari è tornato a dominare la scena a causa della forte inflazione che ne erode il potere d’acquisto, il mercato del lavoro italiano è solcato da due situazioni particolari: la cosiddetta Great Resignation (l’abbandono volontario del lavoro), un fenomeno iniziato nel 2021 negli Stati Uniti e che secondo le stime coinvolge il 75% delle aziende Usa e oltre 47 milioni di americani e che in certa misura si manifesta anche in Italia e, in secondo luogo, le insistenti richieste rivolte al governo da una parte di ridurre il cuneo fiscale e dall’altra di introdurre il salario minimo. 

Prima di addentraci nel tema occupazione e “abbandono volontario”, vale la pena di ricordare qualche grandezza: il nostro Paese ha il maggior numero di Neet, giovani tra i 15 e i 34 anni che non studiano, non lavorano e non sono impegnati in percorsi di formazione con 3.047.000 di persone (il 25,1% dei giovani italiani); tra i nostri competitor la Spagna si segnala per il 18%, la Francia per il 14% mentre tutti gli altri Paesi sono sotto l’11%; siamo ultimi, subito prima della Grecia che però ha un Pil pari al 70% di quello della Lombardia, per tasso di occupazione globale e distanti 10 punti percentuali dalla media europea; per occupazione femminile (qui le differenze sono di 12 punti rispetto alla media e 20 sul Nord Europa) e giovanile (15-24 anni) con un tasso pari a metà della media Ue e un terzo rispetto ai Paesi del Nord. 
Ebbene, nonostante i bassi livelli di occupazione, anche da noi aumentano le dimissioni volontarie, anche se in misura non rilevante e si fa sempre più grave il divario tra i posti di lavoro offerti dal mercato e quanti sono disponibili ad accettarli: l’Osservatorio Anpal Excelsior informa che le imprese avevano necessità di assumere 444.000 dipendenti a maggio, e 1.530.000 entro luglio e al momento c’è difficoltà di reperimento di circa il 40% delle posizioni offerte, con punte del 52% per gli operai specializzati, del 45% per le professioni tecniche ma anche per le posizioni poco qualificate (oltre il 40%). Un male comune? Sì, ma solo in parte: due numeri ci aiutano a capire meglio.

Leggi anche:  Autobus e tramvia a Firenze: gli orari di Natale e Capodanno

In Francia, che ha i nostri stessi abitanti, i cittadini occupati sono oltre 34 milioni (più del 57% della popolazione); in Germania, con 80 milioni di abitanti, i lavoratori, compresi quelli attivi nei mini-job, sono 41,5 milioni (il 52%); in Italia su una popolazione in età di lavoro di oltre 36 milioni, non arriviamo a 23 milioni (meno del 38%). A ciò bisogna aggiungere che l’Italia è tra i primi Paesi al mondo per spese definite “superflue” (gioco d’azzardo con un costo di 130 miliardi, stupefacenti, alcol, e così via) e che riceve ogni anno dallo Stato 155 miliardi nelle svariate forme di assistenza sociale totalmente esentasse e qualche decina di miliardi in bonus, mancette varie e infine l’assegno unico. Sembra quasi che per una parte degli italiani il lavoro sia un’attività superflua. Del resto, tra assegno unico, reddito di cittadinanza, sussidi vari e lavoretti in nero, in molti sbarcano il lunario magari approfittando di qualche aiutino dal nonno in pensione o dal papà. Poco importa se abbiamo il record europeo di evasione fiscale (tra 150-200 miliardi l’anno) e un debito pubblico tra i primi quattro al mondo in rapporto al Pil.

Leggi anche:  Bomber film stasera in tv 4 giugno: cast, trama, curiosità, streaming

Ora sindacati e Confindustria chiedono una robusta riduzione del cuneo fiscale e contributivo. E in effetti l’Italia è il Paese con la più alta contribuzione previdenziale (33% a carico dei dipendenti), mentre la Francia sta al 27,5%, la Germania al 18,7%, la Svezia e la Svizzera appena sopra il 20% (quest’ultima considerando il “secondo pilastro” obbligatorio). Tuttavia, tale contribuzione determina per il nostro Paese un tasso di sostituzione (il rapporto tra la prima rata di pensione e l’ultimo reddito) più alto in Europa, pari al 75%, rispetto al 52% della Francia e al 47% della Germania e il 50% della media Ocse. Ebbene, una riduzione generalizzata di 3 punti di contribuzione previdenziale (due a favore del lavoratore e uno per le aziende) diminuirebbe certamente il costo del lavoro, ma peserebbe per circa 18 miliardi l’anno. Dunque, delle due l’una: o l’Italia ogni anno si indebita per altri 18 miliardi o andrà ridotto il tasso di sostituzione: chi glielo spiega ai lavoratori?
Tornando alle grandi dimissioni volontarie, a marzo 2022 sono state circa 15mila, di poco superiori a quelle del marzo 2020 e comunque in linea con quelle registrate subito dopo la conclusione del lockdown, quindi un numero che per il momento non sembra preoccupare. E tuttavia è giusto porsi qualche domanda sui riflessi che avranno sul sistema pensionistico i bassi tassi di occupazione, i Neet, le “grandi dimissioni” e le ipotizzate decontribuzioni. Attualmente su 16 milioni di pensionati, 3,7 milioni sono totalmente a carico dello Stato mentre circa 4 milioni sono parzialmente assistiti per un costo totale di 35 miliardi l’anno. Se consideriamo la differenza tra le persone in età da lavoro e quelle che effettivamente lavorano, è probabile che di questo passo gli assistiti nei prossimi anni aumentino ulteriormente con costi, dando per scontato l’allargamento dell’integrazione al minimo anche ai contributivi puri, per oltre 3 miliardi. A questi si aggiungerebbero i 18 miliardi ipotizzati per la decontribuzione: una bella botta che forse cozzerà con le nuove regole del Patto di stabilità anticipate da Paolo Gentiloni. In conclusione, occorre che la politica riduca fortemente la spesa assistenziale, a cominciare dal reddito di cittadinanza, e acceleri con le politiche attive per il lavoro e i tassi di occupazione se non vuole che il Paese si avvicini alla condizione di default. E non si dica che la gente fugge dal lavoro per i bassi salari, perché oltre il 97% dei lavoratori hanno contratti regolari stipulati dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative.

Leggi anche:  Superbonus 110: nella nuova guida delle Entrate le novità sulla cessione del credito

Infine, notizia utile per qualche riflessione: se davvero l’inflazione a fine anno sarà attorno al 6%, nel 2023 l’adeguamento delle pensioni al 100% per i 13 milioni di pensionati con trattamenti fino a 4 volte il minimo (2.100 euro al mese) e al 90% o al 75% per gli altri 1,3 e 1,7 milioni costerà circa 18 miliardi. E i pensionati saranno probabilmente gli unici a recuperare gli effetti dell’inflazione.

*Presidente Itinerari Previdenziali

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook