Sconti fiscali per i condizionatori nuovi o da sostituire: ecco come ottenerli

Si può ottenere la detrazione del 50% del costo (in dieci anni) per l’installazione di condizionatori d’aria estivi, solo se dotati anche di pompa di calore, anche non ad alta efficienza, nell’ambito delle opere finalizzate al conseguimento di risparmi energetici del cosiddetto «bonus casa». In questo caso, il limite di spesa è di 96mila euro (detrazione massima, ovvero sconto d’imposta, di 48mila euro), non è necessaria la sostituzione del vecchio impianto di climatizzazione invernale e l’intervento va effettuato su unità immobiliari residenziali.

In alternativa, su qualunque tipologia di immobile e con un limite di detrazione di 30mila euro, è possibile beneficiare della detrazione (in dieci anni) del 65% dell’ecobonus per la «sostituzione», integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza (cioè con un coefficiente di prestazione COP/GUE e con un indice di efficienza energetica EER maggiore o uguale ai valori minimi dell’allegato F del decreto Mise 6 agosto 2020, per gli interventi iniziati dal 6 ottobre 2020 in poi, come da vademecum dell’Enea del 25 gennaio 2021). Vanno rispettati anche i limiti di «congruità delle spese sostenute».

Leggi anche:  Reddito di cittadinanza/ Multa per chi non si impegna nel lavoro: come funziona

Dal 1° luglio 2020 e con scadenza diversificata a seconda della tipologia di soggetto agevolato, questi interventi, a determinate condizioni (ad esempio, generalmente solo su unità residenziali), possono beneficiare del super ecobonus del 110%, come interventi «trainanti» o «trainati».

Non serve la Cila

Per il bonus casa (come del resto per l’ecobonus), queste opere possono essere realizzate anche in assenza di opere edilizie propriamente dette, come in genere avviene per l’installazione dei moderni condizionatori d’aria. In questi casi, però, va sottoscritta e conservata una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, in cui va indicata la data di inizio dei lavori e va attestata la circostanza che l’intervento posto in essere rientra tra quelli agevolabili, pur non necessitando di alcuna autorizzazione del Comune.

Leggi anche:  Lite Nobili - Fratoianni su reddito di cittadinanza/ Video, il renziano: 'Una iattura'

Ecobonus con sostituzione

L’agevolazione del 50% del bonus casa vale anche per le installazioni che non sostituiscono vecchi impianti di climatizzazione invernale, a differenza di quanto accade per l’ecobonus del 65%, per il quale viene richiesta almeno la sostituzione parziale.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  La Campania tra luci e ombre: più occupazione ma molte famiglie sopravvivono con il reddito di cittadinanza

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook