Snoop Dogg risponde alle accuse di violenza sessuale: “Vergognoso”

Snoop Dogg risponde alle accuse di violenza sessuale: “Vergognoso”

Dopo i documenti depositati in tribunale da una querelante anonima, Snoop Dogg risponde alle accuse di stupro arrivate mercoledì 9 febbraio, e lo fa tramite un suo portavoce.

Le accuse di violenza sessuale

La scorsa settimana una donna nascosta nell’anonimato, riportata dalla stampa come Jane Doe, ha depositato in tribunale una testimonianza nella quale riportava di aver subito violenza sessuale da parte dello stesso rapper e dal suo collaboratore Bishop Don “Magic” Juan.

I fatti si sarebbero svolti nella notte del 29 maggio 2013. La donna, di ritorno da un concerto di Snoop Dogg ad Anaheim, in California, avrebbe accettato un passaggio da Don “Magic” Juan il quale, però, l’avrebbe costretta a fermarsi in casa sua nella quale l’avrebbe violentata. Consumata la violenza, Juan l’avrebbe accompagnata nello studio di Snoop Dogg con il pretesto che quest’ultimo la volesse come ballerina nel suo format Snoop Dogg’s Double G News Network. La ragazza, una volta giunti a destinazione, si sarebbe recata nel bagno per un malessere e lì sarebbe stata raggiunta dal rapper che l’avrebbe dunque molestata sessualmente.

Leggi anche:  De Laurentiis non farà sconti, nessuna cessione in vista?

In un primo momento Snoop Dogg aveva replicato sui social parlando di “Gold Digger”, espressione che indica chi instaura rapporti per interessi economici.

Snoop Dogg risponde alle accuse

L’ipotesi più accreditata da fonti vicine al rapper, come riportava TMZ, era che Jane Doe cercasse di mettere in difficoltà l’artista perché di lì a poco avrebbe partecipato all’halftime show del Super Bowl. Per rispondere alle accuse, infatti, Snoop Dogg si è affidato a un portavoce che venerdì 11 febbraio ha rilasciato una dichiarazione su Page Six. In sostanza, il collaboratore del rapper sostiene che quella di Jane Doe sia una tentata estorsione. Ecco le sue parole:

“Le accuse di aggressione sessuale da parte di Calvin Broadus (in arte Snoop Dogg) sono semplicemente infondate. Sembrano parte di un piano di estorsione della donna ai danni di Snoop Dogg in vista della sua esibizione all’halftime show del Super Bowl. Il suo piano prevede un’azione legale avanzata sotto anonimato come ‘Jane Doe’ e, consapevole che può diventare un documento pubblico, ha presentato istanza lo scorso mercoledì pochi giorni prima del Super Bowl”.

Infine il portavoce respinge con convinzione le accuse di violenza sessuale rivolte a Snoop Dogg, che per il momento non commenta la vicenda dai suoi canali social.

“Per essere chiari, il signor Broadus non ha mai avuto alcun rapporto sessuale con la querelante. Il suo piano di estorsione è vergognoso. Anche il suo tentativo di usare i tribunali per portare avanti questo schema è vergognoso e arreca danno alle vere vittime che meritano di essere credute“.

Fonte e diritti articolo

Leggi anche:  Fabian Ruiz quasi sicuramente lascerà Napoli: chi prenderà il suo posto?

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Quando arriva la quattordicesima del 2022 ai lavoratori in Italia

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook