Spagna, quarta economia nell’agroalimentare

Secondo il Rapporto 2021 “Observatorio sobre el sector agroalimentario español en el contexto europeo”, elaborato dal Grupo Cajamar e dall’Ivie (Instituto Valenciano de Investigaciones Económicas), la Spagna rimane la quarta economia del settore agroalimentare nell’UE-27, con il 12% del PIL del settore.

Il Paese iberico si colloca come il principale produttore europeo di suini, ortaggi freschi, frutta fresca, olio d’oliva e agrumi, con una quota di mercato rispettivamente del 24,7%, 20,9%, 21%, 51,7% e del 55,9%. Inoltre, la Spagna è anche il sesto datore di lavoro del settore agroalimentare europeo, con il 10,4% del totale. L’invecchiamento della forza lavoro nel settore agroalimentare è una caratteristica sia dell’UE-27 che della Spagna, dal momento che oltre il 30% degli occupati in questa attività ha più di 50 anni (40% nell’UE-27 e 33,8% in Spagna).

Leggi anche:  Francia,proiezioni legislative:Macron guida ma perde maggioranza

La competitività del settore agroalimentare spagnolo è superiore a quella dell’Unione Europea (UE-27), poiché il costo del lavoro per unità di prodotto è inferiore del 29%. Le donne rappresentano una minoranza nel mercato del lavoro in entrambi i casi, ma ciò è più accentuato in Spagna (29% del totale) rispetto all’UE (36,3%). Lo riferisce rivista settoriale InfoRetail. Per quanto riguarda l’inflazione, entro la fine del 2021, l’effetto combinato delle difficoltà di trasporto dovute alla carenza di container, della crescente domanda di cereali, dell’aumento del prezzo degli oli vegetali e dell’energia, sommato alle perdite di manodopera dovute al Covid-19 e all’aumento dell’IVA sulle bevande zuccherate in Spagna, ha portato a un processo inflazionistico dei prodotti alimentari e delle bevande alcoliche che ha portato il loro tasso di crescita al 4,9% in Spagna e al 4,3% nell’UE-27.

Leggi anche:  Bonus 200 euro, anche i pensionati devono presentare l'autodichiarazione?

In ogni caso, i produttori non hanno trasferito al consumatore l’intero aumento dei prezzi registrato nella produzione di alimenti e bevande, poiché i costi di produzione sono aumentati dell’8,2% in Spagna e del 7,1% nell’UE-27 nel 2021, ben al di sopra dell’1% e del -0,2%, rispettivamente, dell’inflazione registrata alla fine del 2020 nei prezzi alla produzione.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Saman Abbas: rimandata la decisione sull’estradizione di zio Danish

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook