Spese sanitarie per se stessi e familiari: cambia la detrazione Irpef 19% sulla tracciabilità dei pagamenti, lo dice il Fisco

Le detrazioni Irpef sono agevolazioni fiscali vantaggiose per il contribuente che sostiene determinate spese, ma bisogna prestare attenzione alla tracciabilità dei pagamenti, ovvero al loro svolgimento in modalità ‘anti-evasione’. Alcuni utili chiarimenti.

Le detrazioni costituiscono una diminuzione dell’imposta e sono collegate ad alcune tipologie di spese effettuate dal contribuente o dai suoi familiari, se a carico dal lato fiscale.

detrazione irpef
Informazione Oggi

In particolare detta agevolazione si calcola facendo valere sulla spesa sostenuta una percentuale, e sottraendo detto importo dall’ammontare dovuto.

Non vi sono dubbi nell’affermare che si tratta di un meccanismo che favorisce contribuenti e famiglie, con una riduzione dell’IRPEF (Imposta sul reddito delle persone fisiche) in misura fissa uguale al 19 % – da poter far valere su un elenco di spese molto ampio. Non dimentichiamo poi che di fatto la detrazione compete a chi effettua la spesa, anche se resa a favore di un familiare a carico, nell’anno di imposta di riferimento.

Ebbene, alla luce di ciò è importante ricordare che per la detrazione IRPEF del 19% è necessario servirsi di pagamenti tracciabili anche laddove si tratti di importi ridotti. Vediamo più da vicino.

Spese sanitarie di assistenza: chi può portarle in deduzione nel 730?

Detrazione IRPEF 19%, quando scatta? Le condizioni

Un punto fondamentale è il seguente: onde poter beneficiare della detrazione IRPEF del 19% per gli oneri indicati non solo nell’art. 15 del TUIR, ma altresì in altre disposizioni normative, è necessario occuparsi del loro pagamento con modalità “tracciabili” e anti-evasione, ovvero in grado di essere controllate e verificate da parte del Fisco.

Leggi anche:  Confiscato ingente patrimonio ad un imprenditore reggino: sequestro di oltre 300 immobili

Lo chiarisce la legge. In particolare l’art. 1 comma 679 della legge di bilancio 2020 ha indicato che:

  • a partire dal primo gennaio 2020 l’agevolazione nella misura del 19%, valevole in rapporto a varie tipologie di spese per i soggetti assoggettati a IRPEF, scatta solo se le stesse sono pagate per il tramite di un bonifico bancario o postale,
  • oppure con altri sistemi di pagamento, differenti dal versamento in denaro contante, previsti dall’art. 23 del d. lgs. 241/97 di ambito fiscale.

Chiariamo anche che per “altri mezzi di pagamento” intendiamo fare riferimento a quelli che assicurano comunque la tracciabilità e l’individuazione del suo autore, allo scopo di consentire efficaci controlli da parte del Fisco.

Alcune precisazioni sulla tracciabilità dei pagamenti e detrazione IRPEF

Il Fisco vuole vederci chiaro onde evitare rischi di evasione fiscale, e per questo considera la tracciabilità un aspetto fondamentale nei rapporti con i contribuenti. Questo vale anche e soprattutto per poter ottenere la detrazione IRPEF suddetta.

Ricordiamo che sono dette “tracciabili” le operazioni compiute con:

  • carte bancomat;
  • carte di credito e prepagate;
  • assegni bancari e circolari;
  • il tramite di un istituto di moneta elettronica autorizzato su app smartphone che, attraverso l’immissione di codice IBAN e numero di cellulare, consente all’interessato di compiere transazioni di denaro senza utilizzare carta di credito o di debito e senza obbligo di un dispositivo con tecnologia NFC. Su questo punto l’Agenzia delle Entrate si è già espressa più volte con alcune circolari.
Leggi anche:  Salvini a Mondello con Lagalla: 'Grazie ai palermitani'

Mentre come ha precisato in passato l’Amministrazione finanziaria, non fanno parte dell’elenco degli altri mezzi di pagamento tracciabili, i circuiti di credito commerciale con i quali si compiono scambi di beni e servizi e che non sfruttano nessuno dei sistemi di pagamento di cui all’art. 23 del DLgs. 241/97 sopra citato, come anche il software usato per rendere tracciabili i pagamenti effettuati in banconote dai clienti. Questo ad es. perché non hanno un conto corrente bancario, ed anche nel caso in cui il meccanismo consenta di individuare il contribuente.

Pagamenti tracciabili e obblighi del contribuente per accedere alla detrazione IRPEF

Non solo. Una circolare delle Entrate pubblicata quest’anno ha chiarito che il contribuente può provare l’uso di sistemi di pagamento “tracciabili” con più metodi. Ad es. vale la correlata annotazione in fattura, ricevuta fiscale o documento commerciale, da parte del percettore delle somme che compie la prestazione di servizio.

Ma può provare la tracciabilità anche, in alternativa, con prova cartacea della transazione effettuata. Perciò l’interessato potrà farlo con ricevuta bancomat o della carta di credito, estratto conto, MAV, copia bollettino postale e dei pagamenti con PagoPA e non solo.

Leggi anche:  Pensione con le quote e come capire se si ha diritto a quelle nuove o a quelle in vigore prima

Possiamo dunque concludere che per la detrazione IRPEF del 19% vale la regola essenziale dei pagamenti tracciabili, e questo anche per importi modesti. E’ infatti la modalità dell’operazione che assume rilievo ai fini fiscali ed anti-evasione, non l’importo oggetto della stessa.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità – 104 e news

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News