Squid Game, la serie è tratta da una storia vera?

Condividi articolo tramite:

Squid Game, la serie tv Netflix è tratta da una storia vera? Sono molti gli elementi del successo coreano che esistono realmente: la statua della bambina di “Un, due, tre… stella, per esempio, così come il numero di telefono visibile nel primo episodio e persino il conto in banca del protagonista che appare alla fine della serie. La costruzione di scalinate color pastello attraverso la quale vengono condotti i giocatori è ispirata ad un edificio che si trova a 60 chilometri da Alicante.

C’è chi non ha potuto fare a meno di domandarsi: Squid Game è basato su una storia vera? Rassicuriamo i più fantasiosi: la serie tv non si ispira ad alcun fatto realmente accaduto. Nessun gruppo di sadici facoltosi ha veramente reclutato 456 concorrenti disperati per vederli gareggiare in una serie di giochi mortali ispirati all’infanzia mettendo in palio un montepremi pari a 45,6 miliardi di won.

Leggi Anche |  Harry e Meghan intervista: arriva la risposta della Regina Elisabetta
Le guardie del gioco in una scena di “Squid Game”. Credits: Youngkyu Park/Netflix.
Le guardie del gioco in una scena di “Squid Game”. Credits: Youngkyu Park/Netflix.

continua a leggere dopo la pubblicità

Sulla questione ha fatto luce anche il regista della serie Hwang Dong-hyuk, il quale nel corso di un’intervista rilasciata a Variety ha parlato delle influenze che hanno contribuito a creare la storia di Squid Game nella sua mente. Innanzitutto va detto che quello del survival drama è un sottogenere dei k-drama, ovvero delle serie made in Corea del sud, estremamente popolare.

Tra le opere che lo hanno ispirato, Hwang Dong-hyuk cita numerosi manga e lungometraggi animati giapponesi come per esempio Battle Royale e Liar Game. “Mi chiedevo come mi sarei comportato se avessi preso parte a quei giochi – ma mi sembravano troppo complicati, per questo nel mio lavoro mi sono concentrato su giochi per bambini” ha spiegato l’autore.

Leggi Anche |  Palinsesti Mediaset autunno: tornano GF Vip, Pomeriggio 5 e Quarto Grado

Un manga che ha avuto un impatto molto importante sull’immaginario culturale è Alice In Borderland, divenuto una serie Netflix che ha esordito lo scorso dicembre e già riconfermato per una seconda stagione. Sebbene Hwang Dong-hyuk non lo menzioni direttamente tra i suoi riferimenti, è davvero difficile pensare che la serie non abbia indirettamente contribuito all’idea che poi è sfociata in Squid Game, progetto che peraltro fu inizialmente concepito come un film nel 2008.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi Anche |  Dollface avrà una seconda stagione

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook

Condividi articolo tramite: