Stagionali, Ministro Lavoro: “ok al cumulo tra Reddito di cittadinanza e stipendio”

Stagionali sempre più introvabili da parte delle aziende del turismo e dell’agricoltura, che denunciano da mesi la mancanza di disponibilità a lavorare soprattutto da parte di coloro che percepiscono il Reddito di Cittadinanza, che pur di conservare il diritto al sussidio si offrirebbero di lavorare a nero oppure rifiutano le offerte. E così il tema arriva alla Camera dei Deputati, all’attenzione del Ministro del Lavoro Andrea Orlando che in una interrogazione parlamentare anticipa le prossime mosse del Governo per riportare nei luoghi di lavoro i percettori di Reddito di cittadinanza.

Ecco le sue parole:

Per cercare di conciliare le esigenze dei percettori del reddito finalizzate a non perdere il beneficio e quelle dei datori di lavoro stiamo invece valutando, come già accennato nella precedente risposta, un intervento volto ad incentivare maggiormente l’avvio di un’attività lavorativa in corso di fruizione del beneficio, consentendo per l’anno in corso una maggior cumulabilità dei relativi compensi attraverso una franchigia ai redditi di lavoro che concorrono alla riduzione del beneficio spettante”.

Insomma il Ministro del Lavoro conferma che si sta valutando la proposta del Ministro del Turismo Massimo Garavaglia avanzato qualche settimana fa – e anticipata su TuttoLavoro24.it (clicca qui) – che, secondo quanto si apprende, dovrebbe prevedere un cumulo tra RdC e reddito da lavoro dipendente stagionale per il solo 2022.

Leggi anche:  Busta paga, tenete sempre sotto controllo queste voci: ecco perché

“Questo intervento – continua il Ministro del Lavoro – avrebbe l’effetto di favorire la partecipazione dei beneficiari del reddito di cittadinanza, anche ad attività lavorative stagionali o di carattere temporaneo. Occorre, inoltre, continuare ad intervenire a sostegno del più efficace incrocio tra domanda e offerta di lavoro anche attraverso l’integrazione delle agenzie di lavoro private, tramite un più congruo e performante scambio di comunicazioni tra sistemi informativi esistenti. Questo sicuramente potrà assicurare una piena conoscibilità dei reali percorsi lavorativi dei percettori di reddito, anche ai fini dell’attivazione del meccanismo del décalage e della revoca”.

Di recente Tuttolavoro24.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google, se vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie seguici su Google News.

Leggi anche:  Naspi 2022 quando è finita, cosa posso richiedere per la disoccupazione

Resta connesso con noi. Unisciti alla nostra pagina Telegram cliccando qui. E’ gratis!

Non hai l’APP di Telegram? Scaricala gratuitamente cliccando qui.

Segui la nostra pagina Facebook facendo clic qui.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, su qualsiasi supporto e in qualsiasi forma, dei contenuti del presente articolo in violazione delle norme sul diritto di autore sarà segnalata all’Agcom per la sua immediata rimozione [Delibera n. 680/13/CONS 12/12/2013].

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Istat: Conte, in dramma pandemia intervenuti con coraggio con Reddito cittadinanza

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook