Stromboli, un disastro che nessuno sa sistemare. E la politica? Se ne frega

Stromboli, nessuno è in grado di gestire il disastro: la politica è troppo impegnata con i gossip tra Conte, Letta, Salvini e…

A distanza di 5 giorni dall’evento catastrofico che venerdì 11 agosto ha colpito l’isola di Stromboli, la situazione è ancora molto grave. Malgrado la presenza attiva della protezione civile, dei vigili del fuoco, dei carabinieri si ha la netta impressione che nessuno voglia o sia veramente in grado di prendere decisioni risolutive. C’è una evidente sottovalutazione di quello che è successo: non una mareggiata o un nubifragio, ma un evento che ha messo in pericolo tutta la montagna, perché di questo si tratta.

Se per caso dovesse ripetersi un forte temporale c’è il rischio reale che altri pezzi di montagna possano precipitare in mare distruggendo quel poco che si è per ora salvato. I mezzi e gli aiuti inviati sono pochi e non adeguatamente attrezzati; ruspe e caterpillar fanno fatica a districarsi tra vicoli e stradine per ripristinare la viabilità. La visita del presidente della regione Sicilia Musumeci e del sindaco Gullo non ha fornito rassicurazioni adeguate e la gente- strombolani e turisti proprietari di case che hanno avuto la casa distrutta- non si accontentano di promesse e pacche sulle spalle.

Leggi anche:  CNPR Forum: "Avanti con gli investimenti etici

Qui ci vuole l’esercito o uno come Bertolaso che prenda in mano la situazione e decida cosa fare e come senza indugi. Si va avanti con i vedremo, faremo, provvederemo. Tv e giornali, troppo occupati con i bisticci tra Calenda, Letta, Conte, Salvini non parlano assolutamente più della vicenda come se fosse derubricata a un evento estivo grave sì, ma non più di tanto, visto che per fortuna non ci sono state vittime.

In fondo, gli strombolani residenti sono poco più di 400, e per 400 voti … Verdi e ambientalisti che si commuovono per la morte di un koala e che preferiscono i cinghiali in città ai termovalorizzatori, sarebbe il caso che si dessero una mossa affrontando le vere priorità di questo paese che sono la messa in sicurezza del territorio, degli argini dei fiumi, delle montagne; e i percettori di reddito di cittadinanza dovrebbero essere chiamati a dare una mano e a lavorare una buona volta.

Leggi anche:  Fisco, Renzi: "Tutti parlano di taglio cuneo, ma solo io l'ho fatto davvero"

Ma l’evento dell’11 agosto, paragonabile alle alluvioni di Genova del 2011, della Calabria del 2000, ha origini precise, recenti e antiche. Prima fra tutte, la più recente e assurda, l’incendio provocato il 26 maggio scorso, appiccato per realizzare “effetti speciali” da una troupe che stava realizzando un film sulla protezione civile. L’incendio, alimentato dal vento di libeccio, ha devastato mezza montagna bruciando alberi secolari fino ad allora baluardo fondamentale a frane e smottamenti.


Iscriviti alla newsletter

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Dal bonus idrico al bonus terme passando per l'assegno unico: l'ultima chiamata del 30 giugno

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook