sulla campagna 2022 pesa il caro energia- Corriere.it

Il caro energia colpisce anche la produzione di pomodoro. Nella campagna di trasformazione appena conclusa, infatti, in Italia sono state trasformate circa 5,5 milioni di tonnellate di pomodoro, una riduzione del 10% rispetto ai risultati record raggiunti nel 2021. Il dato riflette quello relativo agli ettari investiti pari a 65.180 ( -8,5% rispetto al 2021), di cui 37.024 al Nord e 28.156 al Centro Sud. In particolare, nel Bacino Centro Sud le aziende hanno trasformato 2,59 milioni di tonnellate – con un decremento del 12% rispetto al 2021 – mentre in quello del Nord il trasformato finale stato di 2.89 milioni di tonnellate (-6.3% rispetto allo scorso anno).

L’analisi di Anicav

I risultati di una campagna condotta all’insegna delle difficolt e dei rincari e una serie di proposte di intervento a tutela dell’intera filiera da sottoporre all’attenzione dell’Esecutivo appena insediato sono stati resi noti dall’Associazione nazionale industriali conserve alimentari vegetali (Anicav) in occasione dell’assemblea pubblica del 26 ottobre, andata in scena a Parma, nel corso della decima edizione de Il Filo Rosso del Pomodoro. L’analisi produttiva registra che nel Bacino Centro Sud le aziende hanno trasformato 2,59 milioni di tonnellate, con un decremento del 12% rispetto al 2021 mentre in quello del Nord il trasformato finale stato di 2.89 milioni di tonnellate (-6.3% rispetto allo scorso anno).

Leggi anche:  Quand’è la prossima puntata de La Sposa?

Una riduzione generale, alla quale fa eccezione la Cina

Il report Anicav fa presente che il dato produttivo si inserisce in una situazione di riduzione generale a livello europeo (-17,6%) e mondiale (-4.9%) con Spagna e Portogallo che, complessivamente, hanno ridotto la produzione del 29%. A fare eccezione la Cina che, con 6,2 milioni di tonnellate, ha fatto registrare un incremento del 29,2% dopo la flessione del 2021. L’Italia, terzo trasformatore mondiale di pomodoro dopo gli Usa e poco distante dalla Cina, ma primo trasformatore di derivati destinati direttamente al consumo finale, rappresenta – informa una nota – il 14,8% della produzione mondiale (pari a 37,3 milioni di tonnellate) e il 56,5% del trasformato europeo, con un fatturato totale di 4 miliardi di euro. Strategie competitive a sostegno di una filiera da primato – commenta Marco Serafini, Presidente di Anicav – il tema scelto come filo conduttore di questa giornata. necessario che il nostro comparto, che rappresenta, per qualit e dimensioni, un’eccellenza dell’industria agroalimentare italiana, assuma una posizione strategica nelle politiche di sviluppo di settore e faccia sentire in maniera incisiva la propria voce. Per questo abbiamo ritenuto indispensabile definire un’agenda programmatica, da condividere con tutte le anime della filiera e da sottoporre al nuovo Governo.

Leggi anche:  Una Vita anticipazioni italiane marzo 2021: una gravidanza, vendette

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  X Factor, il meglio della terza puntata di audizioni

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News