«Talenti, ricerca e merito»- Corriere.it

Milanese, 52 anni, laureato in Economia politica, docente di Demografia e Prorettore Vicario dal 2017, Francesco Billari da oggi, 1 novembre, è il nuovo rettore dell’Università Bocconi. Sposato con una compagna di liceo, lo scientifico Leonardo da Vinci di Milano, è un esperto di natalità, fecondità della famiglia e statistica sociale e può essere considerato un «cervello di ritorno». Era Statutory Professor of Sociology and Demography all’Università di Oxford quando, nel 2016, decise — sono parole sue — «di tornare a casa».

Che cosa l’ha spinta a lasciare un’università così prestigiosa?
«Anche quand’ero a Oxford ho sempre seguito con grande attenzione e vicinanza la crescita della Bocconi. Il referendum sulla Brexit a giugno del 2016 è stato il fatto che mi ha convinto a tornare a casa. Anche perché capii che il clima culturalmente sarebbe cambiato e saremmo stati considerati “stranieri”. In quel periodo ricevetti la proposta dall’Università Bocconi. Mi chiamarono l’allora rettore Andrea Sironi (che oggi 1 novembre diventa presidente del consiglio di amministrazione e il 3 novembre presiederà il primo board rinnovato per il quadriennio 2022-2026 al posto di Mario Monti, che rimane in veste di presidente dell’Istituto Javotte Bocconi, ndr) e del pro-rettore Gianmario Verona (che poi divenne rettore e termina il suo mandato oggi 1 novembre, ndr) e anche del presidente Monti. Mi hanno cercato anche da un’università americana, ma ho scelto di tornare nell’Università dove mi sono laureato e dove ho insegnato e nella città dove sono nato e cresciuto».

Leggi anche:  Mattino 5, Federica Panicucci si concentra su Delia Duran: “L’ho vista provata”

Rientrò nel 2017 come pro-rettore con delega alle Risorse Umane. Si è occupato di costruire il nuovo campus ed è stato lanciato il progetto Career Development». A che cosa serve?
«Ad aiutare a eliminare il gender gap tra i professori, che era anche dovuto a carichi familiari e di cura importanti che impedivano la traiettoria di carriera. Il “Car Dev” consente di avere un carico didattico meno pesante, quindi meno ore di insegnamento, per portare avanti un progetto di ricerca orientato al futuro per il quale si possono avere anche finanziamenti dalla Bocconi. È stato utilizzato da molte colleghe donne, ma anche da un uomo, e ha permesso di avere il tempo per poter avere pubblicazioni internazionali finalizzate anche alle progressioni di carriera. I risultati sono arrivati, con pubblicazioni e anche avanzamenti di carriera, che mi piace pensare siano dovuti in parte anche al Car Dev».

A proposito di carriera, il 3 novembre annuncerete il nuovo Comitato rettorale. Come sarà composto?
«Sarà composto come attualmente da undici colleghi e sarà scelto con il valore della diversity. Non tanto perché la diversità è un fine in sé, quanto perché diversi studi dimostrano che arricchisce l’ambiente e porta a produrre decisioni migliori. Ed è per la ricchezza della diversity che oggi il corpo docente per un quarto è fatto da professori stranieri, posto che abbiamo tantissimi professori italiani di talento. Bocconi è diventata un’università sempre più attraente e attrattiva. La scelta sarà basata sulla competenza e sull’orientamento alla ricerca. L’orientamento alla ricerca non è un vezzo accademico, ma è l’idea che per contribuire a migliorare il mondo si debba produrre conoscenza originale e che questa conoscenza originale serva per formare le nuove generazioni. La nostra missione è di essere una research university in questo senso».

Leggi anche:  Chi ha acquistato Dogecoin è diventato ricco: ecco quanto vale

Sulla diversity & inclusion, la Bocconi pur essendo un’università privata da sempre offre rette basate sul reddito. Un aspetto sul quale Lei è molto sensibile.
«Sono figlio di due “emigrati” dal Sud. Mio padre calabrese faceva l’artigiano, mia madre siciliana era operaia specializzata. Faremo tutti gli sforzi possibili per dare sempre più possibilità e sostegno finanziario ai meritevoli».

Lei è il primo rettore con un profilo sociologico. In che cosa si tradurrà questa sua origine?
«Bocconi ha 15 mila studenti universitari “standard”, cioè a tempo pieno. Poi ha i corsi della Sda e i master. Abbiamo un master in campo ambientale in partnership con il Politecnico di Milano. Abbiamo aperto un campus a Roma e ne abbiamo uno anche in India. Diventerà sempre più orientata alle scienze sociali, oltre che al management e alla finanza. Svilupperemo il life long learning. Abbiamo appena inaugurato il Dipartimento di Computing Sciences, abbiamo lanciato di recente il nuovo corso di laurea in Mathematical and Computing Sciences for Artificial Intelligence. A breve puntiamo a offrire un master in intelligenza artificiale. Stiamo esplorando le scienze cognitive e comportamentali».

In passato ha affermato che fare figli conviene economicamente. Con l’inflazione che sfiora il 12% forse non tutti sono d’accordo…
«Più che altro mi riferivo a un aspetto macro: una società che non fa figli non è conveniente dal punto di vista economico, lo spopolamento non è un fattore che aiuta l’economia. Ma se vogliamo vederla da un punto di vista micro, si può anche vedere l’essere genitori come una sorta di master, si ricorderà il libro “Maternity as a master”. Ma certo è che attualmente il carico familiare è ancora troppo sulle spalle delle donne e per loro purtroppo avere figli è ancora uno svantaggio rispetto ai padri».

Leggi anche:  Tempesta D’Amore, anticipazioni 7 agosto 2022

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News