Tangenziale, il Giudice annulla la multa e dà torto alla Prefettura


A Treviso confermato l’orientamento della legge sull’irregolarità delle apparecchiature autovelox, in questo caso quelle collocate lungo la Tangenziale. Il Giudice di Pace trevigiano Luigi Rizzo, nell’udienza tenutasi giovedì, ha infatti accolto il ricorso di una società di trasporti che già aveva impugnato il verbale della Polizia Locale avanti il Prefetto per ottenere l’annullamento dell’ingiunzione di pagamento notificatale dalla Prefettura di Treviso per la violazione dell’art. 142/8-11 del Codice della Strada che punisce il superamento dei limiti di velocità. Il Giudice ha accolto la richiesta dell’automobilista in quanto la Prefettura non aveva allegato le prove circa l’omologazione dello strumento di rilevazione.

La contravvenzione avrebbe comportato per l’automobilista il pagamento di 942,59 euro e la decurtazione di 3 punti dalla patente. Si tratta della seconda sentenza di questo tipo in poche settimane. I fatti, nello specifico, risalgono al dicembre del 2019 quando lungo la tangenziale di Treviso SR 53, in direzione Oderzo, un furgone della società trasporti aveva superato di 11 km/h il limite di velocità consentito. La società di trasporti di Trani aveva quindi fatto ricorso alla Prefettura di Treviso che a sua volta aveva dato parere negativo.

Leggi Anche:  Bollettino coronavirus Veneto e provincia di Venezia, 15 novembre sera

L’avvocato della società però, in virtù della recente sentenza del 29 settembre sempre da parte del Giudice Rizzo che appurava l’illegittimità dei sistemi di rilevamento per la mancanza di regolare “omologazione”, si è avvalso della collaborazione dello Studio Legale Capraro di Treviso che, con il supporto del perito Giorgio Marcon, ha messo in luce ancora una volta che gli accertatori hanno utilizzato uno strumento di rilevamento della velocità (il “Red & Speed-Evo L2) che ha ottenuto solo l’ “approvazione” del prototipo, e non l’omologazione come previsto dalla normativa di legge.

«La legittimità dei sistemi di rilevamento della velocità è stata oggetto negli anni di svariati dibattiti e aveva visto i Giudici di Pace, per lo più, avallare le difese della pubblica amministrazione. Ora si profila un “nuovo orientamento” – fa sapere l’avvocato Fabio Capraro – Dopo la prima sentenza dello scorso 29 settembre, io e il perito Marcon siamo stati tempestati di telefonate e richieste di consulenza da parte di automobilisti e colleghi di tutta Italia che hanno chiesto supporto. Non è quindi da escludere che in un futuro le richieste e relative sentenze possano aumentare e quindi dar vita ad un danno erariale per le casse degli enti pubblici non indifferente. Tutto ciò almeno fino a quando gli apparecchi di rilevamento non verranno regolarmente omologati come previsto dalla legge».    

Leggi Anche:  Le Messe in diretta tv e social di domenica 8 novembre

Fonte e diritti di questo articolo
Sei il proprietario di questo articolo e vuoi che venga rimosso? Contattaci sulla nostra Pagina Facebook.

Notizie h24 è un portale gratuito di notizie in tempo reale, nel sito puoi trovare tutte le notizie più importanti del giorno. Gran parte delle notizie pubblicate tramite un processo automatico sono prelevate da giornali online e siti verificati. Lo scopo di Notizie H24 è quello di avere una raccolta unica di tutte le notizie più importanti del giorno, così da poter dare più informazioni possibili al lettore in modo semplice. Le pubblicità presenti nel portale ci permettono di mantenere attivo il servizio.

Leggi Anche:  Bari, via Sparano affollata di sabato sera nonostante i contagi covid. Decaro: "Schiaffo ai malati"

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Piattaforma di Google News
Facebook