Terremoto nel M5S. Fico, Taverna, Crimi e Bonafede: tutti i nomi dei big fatti fuori

Christian Campigli

Era nell’aria. E potrebbe portare ad un autentico terremoto. In grado di dimezzare ulteriormente la forza politica, ancora oggi, più rappresentata in Parlamento. Secondo un’indiscrezione raccolta dall’agenzia di stampa AdnKronos, non ci sarà nessuna deroga alla regola del tetto dei due mandati nel Movimento 5 Stelle. La decisione è stata già comunicata dal leader del movimento Giuseppe Conte ai ‘veterani’ del M5S. Saltano, dunque, nomi storici del movimento. Tra questi, Roberto Fico, Paola Taverna, Vito Crimi, Riccardo Fraccaro e Alfonso Bonafede, artefice dell’approdo di Conte nel movimento. La notizia verrà ufficializzata con una nota che sarà diramata nelle prossime ore.

Leggi anche:  Bonus 200 euro: cosa può comprare chi lo riceve con il reddito di cittadinanza

 

Conte non decide nulla nel M5S: il grande trionfo di Grillo su Giuseppi

 

Al di là delle parole di circostanza, si tratta di una scelta che rischia di creare un’ulteriore scissione all’interno dei Grillini. Non è da escludere che una parte consistente dei veterani possa accasarsi con Di Maio. Oppure cercare fortuna chi nella Lega, chi nel Partito Democratico. L’integralismo talebano imposto da Beppe Grillo, e contro il quale si è per settimane scontrato Giuseppe Conte, impedisce al Movimento di ricandidare figure che, all’interno dell’universo dei Cinque Stelle, hanno recitato ruoli di assoluto rilievo. Anche a livello istituzionale. Basti pensare all’ex ministro della giustizia Alfonso Bonafede, al ministro per le politiche giovanili Fabiana Dadone, al ministro per i rapporti Federico D’Incà, alla vice presidente della Camera, Maria Edera Spadoni, al sottosegretario alle infrastrutture Giancarlo Cancelleri e all’ex ministro della salute Giulia Grillo.

Leggi anche:  Sei mai stata sulla luna film stasera in tv 12 gennaio: cast, trama, streaming

 

“Ammucchiata Pd”. Il Conte “tradito” spara a zero su Letta: fine dei giochi

 

Salterebbero anche il presidente della Camera, Roberto Fico, il presidente della commissione industria Gianni Girotto, l’ideatrice del reddito di cittadinanza, Nunzia Catalfo, per altro anche ex ministro del Lavoro, e infine Riccardo Fraccaro, il politico che, più di ogni altro, ha voluto il Superbonus. I prossimi giorni saranno decisivi per capire il futuro stesso dei Grillini, la capacità di leadership di Giuseppe Conte e la scelta relativa al ritorno del figliol prodigo, il Che Guevara di Roma Nord, Alessandro Di Battista. 

 

Il più grottesco esempio di propaganda putiniana. Lollobrigida asfalta così l'avversario

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook