Tim, cos’è il piano Minerva? La trattativa sulla rete unica- Corriere.it

Dopo lo stop all’esclusiva con Cassa depositi e prestiti nella trattativa per la rete unica, la Borsa ha ripreso a scommettere sul futuro di Tim immaginando nuovi scenari, dalla vendita di una quota dell’infrastruttura a un fondo di private equity fino a possibili Opa. Nell’ultima settimana i titoli del gruppo telefonico hanno guadagnato il 12%. Pi che questione di fondamentali, su cui pesano la pressione competitiva sui prezzi, un debito che continua a comprimere la capacit di fare investimenti e una struttura di costi piuttosto onerosa – il 9 novembre Tim diffonder i conti del terzo trimestre da cui il mercato si attende un aumento dei ricavi attorno all’1,8%, un calo del margine operativo lordo e un indebitamento netto in crescita a circa 25 miliardi – il rialzo in Borsa sembra basarsi soprattutto sulle ipotesi speculative legate a nuovi scenari (sempre possibili). Sul tavolo di concreto al momento c’ solo la trattativa con la Cdp, che entro il 30 novembre dovrebbe portare alla presentazione di un’offerta non vincolante per la rete di Tim, che dopo la due diligence dovrebbe tradursi in vincolante.

Scadenza: 30 novembre

La distanza sul prezzo emersa in diversi incontri tra il numero uno della Cassa, Dario Scannapieco, e quello di Tim, Pietro Labriola, resta l’ostacolo principale. Oltre alla richiesta di 31 miliardi avanzata da Vivendi, il problema riguarda anche la disponibilit della Cdp, pari a 1,4 miliardi a fine giugno, sebbene abbia la possibilit di movimentare altro capitale. Il 30 novembre si capir se l’opzione di mettere integrare la rete di Tim in Open Fiber – di cui la Cdp ha il 60% -, ha ancora qualche chance. Altrimenti dovr essere il nuovo governo a dover sbrogliare la matassa. La premier Giorgia Meloni ha messo subito in chiaro il giorno dell’insediamento che la rete deve essere una e a controllo pubblico e ha affidato il dossier al nuovo sottosegretario di Palazzo Chigi all’Innovazione tecnologica, Alessio Butti, delegato per la transizione digitale prevista dal Pnrr, di cui la rete lo snodo chiave. L’Europa ha stanziato 48 miliardi per la digitalizzazione dell’Italia di cui 6,7 miliardi per il completamento dell’infrastruttura in fibra entro il 2026.

Leggi anche:  Beautiful anticipazioni: 3 cose che vedremo a marzo 2021 in Italia

Cos’ il “piano Minerva”

La scorsa settimana Scannapieco e Labriola hanno incontrato il capo di Gabinetto della premier, Gaetano Caputi, per sondare ufficialmente le intenzioni del nuovo governo, dopo diverse interlocuzioni informali che nei mesi scorsi hanno fatto da contorno alla trattativa. Palazzo Chigi rappresenta uno snodo decisivo, sia perch ha tenuto per s la delega alla digitalizzazione sia per i poteri della Golden power sulla rete. Le ipotesi di ingresso dei fondi e le voci di un’Opa di Cdp, Vivendi e Kkr su Tim circolate negli ultimi giorni non sembrerebbero andare nella direzione indicata dall’esecutivo. Il “Piano Minerva” messo a punto la scorsa estate da Butti ancora sul tavolo e, a quanto risulta, sarebbe stato aggiornato per tenere contro dell’evoluzione della situazione. Il piano ruota attorno a Tim, di cui la Cdp attraverso il lancio di un’Opa prenderebbe il controllo – investendo molto meno di quanto sarebbe necessario per comprare la sola rete – per poi procedere alla vendita degli asset commerciali, inclusi i clienti, con cui ridurrebbe il debito, trasformando cos il gruppo in un operatore wholesale only come vorrebbero il governo e le indicazioni di Bruxelles. Vivendi e Kkr potrebbero restare con una quota di minoranza. E anche Macquarie, attraverso il conferimento di Open Fiber, di cui ha il 40%.

Leggi anche:  Come proteggere limoni e piante del giardino dagli attacchi di cocciniglia e insetti pericolosi anche in inverno con 1 solo trucchetto facilissimo
Il governo

Sarebbe l’alternativa al piano per la rete unica tratteggiato nel memorandum firmato da Tim e Cdp. Fonti vicine al dossier sottolineano tuttavia come Scannapieco voglia comunque esplorare l’opzione dell’offerta sulla rete di Tim, pur consapevole che la posizione di Vivendi – come emerso in occasione del board che ha tolto l’esclusiva – non d alcuna certezza. Non a caso dopo sette mesi di trattative si resa necessaria una proroga. Il cambio di governo ha certamente inciso, ma pi che nel ritardare l’eventuale offerta ha evitato un incidente di percorso che avrebbe reso tutto pi complicato. Non che ora non lo sia, ma a Palazzo Chigi adesso hanno le idee pi chiare e anche un Piano B qualora la trattativa tra Tim e Cdp dovesse fallire.

Leggi anche:  Ascolti TV 4 agosto 2021, ecco il programma che ieri sera ha fatto più ascolti

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News