Torre Annunziata, spaccio di droga con baby pusher: arresti nel quartiere ‘Poverelli&quot

Armi, droga, estorsioni: blitz dei carabinieri nel quartiere “Poverelli” di Torre Annunziata, dove 18 persone sono state raggiunte da una misura cautelare. L’operazione, secondo quanto riferito dagli inquirenti, arriva a conclusione di un’inchiesta della procura e dei carabinieri di Torre Annunziata. – continua sotto –  

I destinatari dell’ordinanza sono accusati, a vario titolo, di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, detenzione e porto in luogo pubblico di armi comuni da sparo. Il focus degli investigatori ha riguardato il rione popolare “Poverelli” di Torre Annunziata, dove sarebbero state individuate vere e proprie centrali di spaccio. Quattro delle diciotto persone finite nel mirino della procura di Torre Annunziata ricevevano il reddito di cittadinanza. Saranno ora segnalate all’Inps per la revoca del beneficio, spiega il procuratore Nunzio Fragliasso.

Leggi anche:  Mutuo: cos'è il Fondo di Garanzia Prima Casa, requisiti e come richiederlo

Per 16 degli indagati, 5 dei quali già detenuti per altra causa, sono stati disposti gli arresti in carcere, mentre per due indagate il divieto di dimora nella provincia di Napoli, in quanto madri di bambini piccoli. Sono tutti accusati di detenzione e spaccio di cocaina, estorsione, detenzione e porto illegali di armi, per un totale di 60 capi di imputazione, dei quali 58 riguardanti la droga. L’indagine venne avviata alla fine del 2018 dopo il ferimento a colpi d’arma da fuoco di un uomo che stava acquistando droga nel popolare rione “Poverelli”, nel centro storico di Torre Annunziata.

Gli accertamenti dei carabinieri, attraverso intercettazioni e pedinamenti, hanno documentato un gran numero di cessioni di cocaina, anche da persone che erano agli arresti domiciliari, ad acquirenti provenienti da tutta la provincia di Napoli. A venderla, vari nuclei familiari, tutti residenti ai “Poverelli”: famiglie che si avvalevano anche di ragazzi minorenni. Baby pusher che consegnavano la droga direttamente al domicilio dell’acquirente. Più spesso, però, erano i tossicodipendenti a recarsi dai fornitori, in appartamenti protetti da sofisticati – e naturalmente abusivi – sistemi di videosorveglianza. Molte le cautele adottate dagli spacciatori, che usavano un linguaggio criptico: parole come “ambasciata, caffè, toso, biscotto”, oppure “pallini”, per indicare le dosi. IN ALTO IL VIDEO

Leggi anche:  Migliori gelaterie della Sicilia 2021 - La classifica di Gambero Rosso

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  È viva e vegeta ma l'Inps le blocca la pensione: 'Deve dimostrare di non essere morta'

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook