Tredicesima: pessime novità per questi pensionati che non la otterranno

Non tutti i pensionati, purtroppo, riceveranno la tredicesima a dicembre 2022. Ma quali sono le cause e chi saranno gli sfortunati?

Durante il mese di dicembre ai pensionati e ad alcune categorie di lavoratori viene erogata la cd. tredicesima, la mensilità aggiuntiva.

tredicesima
InformazioneOggi

I lavoratori dipendenti ed i pensionati, dunque, attendono con trepidazione l’ultimo mese dell’anno perché sanno che potranno fare affidamento su una vera e propria rata aggiuntiva. Definita anche “gratifica natalizia”, spetta ai dipendenti (sia a tempo determinato sia indeterminato, sia pubblici sia privati), compresi i lavoratori domestici (colf, badanti, baby sitter); ne hanno diritto, inoltre, i percettori di pensione e di pensione di reversibilità.

Ci sono, però, delle cattive notizie per alcuni pensionati. La tredicesima, infatti, non riguarderà tutti. Vediamo per quale ragione e chi sono i fortunati che riceveranno la prestazione.

Leggi anche il seguente articolo: “Tredicesima più alta se versata a dicembre, il motivo che molti non conoscono“.

Tredicesima 2022: chi sono gli esclusi?

L’accredito della prestazione aggiuntiva avviene solo nel mese di dicembre, sia sugli stipendi dei dipendenti sia sulle pensioni. È stata introdotta dal CCNL del 5 agosto 1937 e, per i primi anni, era una prerogativa riservata solo ad alcune tipologie di lavoratori. Solo successivamente è stata concessa a tutti i dipendenti.

Leggi anche:  Università di Catania - A Carlo Trigona il premio “Outstanding Young Engineer Award”

Di solito, hanno diritto alla tredicesima quasi tutti i pensionati. Ci sono, però, delle eccezioni particolari, in virtù delle quali tale categoria di contribuenti non riceve la mensilità aggiuntiva.

La tredicesima di dicembre 2022, infatti, non verrà erogata ai cittadini che hanno già beneficiato delle cd. pensioni anticipate. In particolare, è il caso di coloro che hanno deciso di smettere di lavorare usufruendo dell’APE Sociale, lo strumento di flessibilità in uscita riservato a coloro che hanno 63 annidi età.

I titolari di tale assegno pensionistico, dunque, a dicembre riceveranno l’importo ordinario, senza maggiorazione. Tuttavia, nel momento in cui il pensionato compie 67 anni di età, la situazione cambia. In base alla disciplina in vigore, infatti, al raggiungimento di tale requisito anagrafico, l’Ape Sociale si trasforma, automaticamente, in pensione di vecchiaia. A quel punto, l’erogazione della tredicesima spetta di diritto.

Quali conseguenze per i percettori di indennità di frequenza e accompagnamento?

Altre due categorie di pensionati saranno esclusi dal riconoscimento della tredicesima 2022. Si tratta dei percettori dell’indennità di frequenza (per i minorenni titolari di invalidità civile) e dei titolari dell’indennità di accompagnamento.

Leggi anche:  Bonus edilizi con cessione del credito strutturale, la ricetta M5S

In questi due casi, la mensilità aggiuntiva non viene accreditata sulle prestazioni; tuttavia, tale limite non sussiste in relazione ad altri sussidi (sia assistenziali sia previdenziali) eventualmente riconosciuti. In altre parole, fatta eccezione per l’indennità di frequenza e quella di accompagnamento, la tredicesima si applica agli altri trattamenti pensionistici assistenziali.

Potrebbe interessarti anche: “La tredicesima è compatibile con il congedo straordinario? La risposta vi stupirà“.

A quanto ammonta la tredicesima? Attenzione ai neopensionati

Oltre ai pensionati che non riceveranno la mensilità aggiuntiva, anche un’altra categoria rimarrà delusa nel prossimo mese. Alcuni beneficiari, infatti, riceveranno la prestazione solo in misura ridotta. Tali soggetti, dunque, non avranno diritto all’importo pieno, normalmente concesso.

Di chi stiamo parlando? Dei neopensionati, cioè coloro che sono andati in pensione di recente. Se, infatti, si riceve l’assegno pensionistico solo da qualche mese, l’importo della tredicesima a cui si ha diritto sarà quantificato esclusivamente sui mesi effettivi di pensione.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Come si effettua il calcolo? Si tratta di un’operazione molto semplice. È sufficiente dividere la quota mensile della pensione per 12 (i mesi dell’anno). Si moltiplica, poi, la cifra risultante per il numero dei mesi reali di pensionamento. La cifra ricavata con tale calcolo, però, è anche soggetta alle trattenute IRPEF.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News