Trova le 500 lire controvento e sei ricco: ecco quali cercare!

Strutturalmente esistono alcuni metalli che sono particolarmente indicati per la realizzazione di beni preziosi come le monete, in quanto molto difficilmente replicabili in modo illecito, oltre ad essere estremamente duttili.

Oro e argento fin dall’antichità sono stati considerati i migliori materiali per le monete, e questa caratteristica permane ancora oggi, sebbene la quasi totalità delle monete sono realizzate attraverso leghe metalliche “meno nobili” fino al secolo scorso un’emissione in argento non era affatto inusuale, come la 500 lire d’argento, divenuta famosa per la caratteristca presenza delle Caravelle controvento.

Si tratta in senso generale della prima emissione da 500 lire realizzata dalla Repubblica Italiana che dal 1958 ha di fatto “inaugurato” questo formato monetario con questa emissione, molto prima delle 500 lire bimetalliche Argento 835 ‰. Realizzata interamente in Argento 835 ‰, una lega piuttosto pura, ha avuto una diffusione importante tra gli anni 50 e 60, mentre successivamente è stata coniata solo per i collezionisti.

Leggi anche:  Riqualificazione ed inserimento lavorativo: la regione stanzia 30 milioni

Su uno dei lati è presente un ritratto di una donna di profilo contornato da 21 stemmi differenti che si riferiscono a 21 città diverse. Di questi 21 stemmi solo 19 sono visibili interamente, mentre il dritto è riconoscibile per la presenza delle 3 caravelle di Cristoforo Colombo.

L’emissione standard, coniata come detto tra il 1958 ed il 1967, ha un valore compreso tra i 5 ed i 30 euro, a seconda delle condizioni, ma è la rarissima Controvento, chiamata anche Caravelle Sbagliate ad essere la più difficile da trovare. Il nome deriva dalle bandiere che sono rivolte in questa prima versione del 1957 di Prova, a sinistra invece che a destra, dando l’impressione di navigare controveno, prerogativa marittima comunque “possibile” dalle imbarcazioni come le Caravelle.

Leggi anche:  Richetti (Azione): Landini e i tamponi gratuiti, perché pagare per chi non vuole vaccinarsi?

La produzione fu arrestata non appena fu un ammiraglio della Marina a rendersi conto del dettaglio che fu modificato poco prma dell’entrata a pieno regime della produzione monetaria. Oggi una di queste monete vale migliaia di euro a seconda delle condizioni di conservazione, in media si parla di 3000-4000 per uno in buono stato fino a 12 mila euro per uno in Fior di Conio.

500 lire caravelle


Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Terza dose, cosa fare se non arriva il Green Pass

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News