Truffe e infiltrazione della criminalità organizzata. La risposta della Guardia di finanza

C’è chi ha approfittato del Covid, chi del reddito di cittadinanza. Se, come dice il colonnello Cosimo Tripoli, comandante provinciale della Guardia di finanza, bisogna «stare al passo coi tempi perché il crimine economico galoppa», la risposta delle Fiamme gialle è contenuta nei numeri forniti in occasione delle celebrazioni per il 248° anniversario della fondazione del corpo. Per effetto dei controlli sui contributi a fondo perduto, la Finanza ha denunciato sette persone per indebita percezione di oltre 400.000 euro di contributi e ne ha segnalate all’autorità amministrativa altre 16. Per i finanziamenti assistiti da garanzia accertate frodi per oltre 125.00 euro con 10 denunce. In materia di prestazioni sociali agevolate, il 70% circa delle posizioni controllate è risultato irregolare per un totale di 265.

L’indebita percezione del reddito di cittadinanza ha portato alla denuncia di 183 persone, altre 41 sono state segnalate amministrativamente per un ammontare complessivo di 1,3 milioni di euro. Sui ticket sanitari accertate quattro irregolarità. Mentre, sul fronte della lotta alla corruzione e dei reati della pubblica amministrazione sono state denunciate 27 persone con un arresto per una serie di reati tra i quali la corruzione e illeciti nella gestione degli appalti. In questo caso, la Finanza ha accertato un indice di illegalità nelle gare pubbliche nel 60% dei controlli. A tutela della spesa pubblica sono stati richiesti sequestri per 130.000 euro. Accertati, inoltre, danni erariali per 140 milioni di euro, mentre sono state segnalate alla Corte dei conti 46 posizioni. E ancora 275 denunciati, 24 arrestati, principalmente per reati fiscali ed emissioni di false fatture.

Leggi anche:  Elezioni, Della Vedova: 'L'accordo col Pd è la base per battere Meloni e Salvini'

Poi c’è il versante della lotta all’infiltrazione della criminalità organizzata. In quest’ottica sono stati rafforzati gli accertamenti patrimoniali in applicazione della normativa antimafia e di monitoraggio di manifestazione della criminalità con particolare riferimento a quelle aree grigie di soggetti che, pur non organici ai clan, si attivano come facilitatori della penetrazione criminale nel tessuto economico. Mirate le indagini contro il riciclaggio di capitali illeciti nel tessuto sano dell’economia anche approfondendo le segnalazioni di operazioni sospette in materia di antiriciclaggio.

Guardia alta, soprattutto a fronte del contesto pandemico in atto, contro chi ha cercato di approfittare dell’emergenza sanitaria, anche in ragioni di possibili tentativi di infiltrazioni della criminalità nei settori e nelle imprese più in difficoltà. Occhio anche alle pratiche speculative. Priorità alla repressione dei reati fallimentari, societari e bancari per contrastare fenomeni usurari e di abusivismo bancario e finanziario per salvaguardare i risparmiatori da offerte di soluzioni d’investimento non sicure. In tale ambito condotti accertamenti su 185 persone fisiche e giuridiche con sequestri pari a 1,6 milio di euro più proposte per altri 40. Controlli, in collaborazione con la prefettura, pure sul rilascio della documentazione antimafia.

Leggi anche:  Our Voice e l'antimafia popolare, una lotta intersezionale per una Palermo nuova

In materia di riciclaggio 44 le denunce, 3 gli arresti con la proposta sequestrare 42 milioni di euro. Sono 32 le denunce e 112 gli arresti in materia di reati fallimentari.
Nel contrasto al sommerso scovati 93 evasori totali per un’evasione di oltre 210 milioni di euro di Iva. Segnalati 49 datori di lavoro per l’impiego di 460 lavoratori irregolari o in nero. In materia fiscale, i sequestri ammontano a 48 milioni di euro. Sequestrati poi 131.000 chili di prodotti energetici per un’evasione tributaria di 124 milioni di euro. Controlli serrati anche in tema di gioco d’azzardo come pure sul fronte della lotta al terrorismo.

Nel corso della cerimonia, nel piazzale della caserma della Guardia di finanza, alla presenza delle massime autorità civili e militari della provincia, a cominciare dal prefetto Ernesto Liguori e dal comandante regionale Virgilio Pomponi, il colonnello Tripoli, a quasi un anno dal suo insediamento, incentra il suo discorso sull’«importanza del gioco di squadra.  Promuovere il gioco di squadra è il primo dovere di un comandante. Il nostro scopo non è solo di recuperare il gettito a tassazione ma tutelare le imprese sane, per questo dobbiamo essere vicini ai bisogni dei cittadini».

Leggi anche:  Ecco come capire la differenza tra un tumore benigno e uno maligno

Tra le varie operazioni, il comandante cita l’ultima in ordine di tempo, quella che ha portato a due arresti e a setti divieti di dimora per i reati di associazione a delinquere finalizzati a commettere frodi fiscali, truffe allo Stato, indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, trasferimento fraudolento di valori e altri. Quindi, rivolto ai finanzieri esclama: «Sono molto orgoglioso del vostro lavoro» e ribadisce l’importanza di «continuare a operare sotto le migliori sinergie delle autorità locali». E ringrazia i procuratori di Frosinone e Cassino, Antonio Guerriero e Luciano d’Emmanuele, come anche il questore Domenico Condello e il comandante provinciale dei carabinieri Alfonso Pannone. Elogia, infine, «l’impegno, la passione e la professionalità che assicurano finanzieri».

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook