Una legislatura con tre maggioranze

Il caos al termine, forse, di una legislatura anomala. Tre governi con tre maggioranze diverse, guidati sempre da un premier tecnico da quel 23 marzo 2018 quando si insediarono le due Camere.

L’1 giugno ecco la nascita del Governo giallo-rosso guidato dall’«avvocato del popolo» Giuseppe Conte. Una maggioranza conflittuale che si accordò nel votare reciprocamente alcune «leggi bandiera»: il decreto dignità, il reddito di cittadinanza, Quota 100 e il decreto «spazza corrotti». Matteo Salvini iniziò subito la propria battaglia per impedire l’approdo nei porti italiani di navi delle Ong e della Guardia costiera, che provocherà dei procedimenti penali. Dopo il successo alle europee del maggio 2019, con la Lega al 34%, a luglio Salvini al Papeete chiese i «pieni poteri» prospettando le urne anticipate. Si aprì una lunga crisi di governo sfociata nelle dimissioni di Conte il 20 agosto.

Leggi anche:  Covid, il bollettino di oggi 11 settembre: 5.193 contagi, 57 morti. Tasso di positività all'1,5%

Sulla spinta di Renzi e Franceschini, il Pd aprì una trattativa con M5s, che sfociò nell’accordo per il Conte II che giurò il 5 settembre 2019. In base agli accordi fu approvata la riforma costituzionale di M5s che taglia il numero dei parlamentari. La pandemia esplosa a febbraio 2020, costituì il maggior impegno della maggioranza giallo-rossa, che nel frattempo (19 settembre 2019) aveva vissuto la scissione di IV dal Pd. Oltre alla gestione della pandemia, il maggior successo del Conte II fu in Europa, con la negoziazione e il varo il 21 luglio 2020 del Recovery Fund: l’Ue si indebitava per 750 miliardi di cui 200 destinati all’Italia.

Leggi anche:  Borse di studio per gli universitari più "pesanti" grazie al Pnnr Next Generation

A gennaio 2021 però Renzi rotora i ministri dal governo. Conte e il Pd puntano a dei nuovi «Responsabili», ma il governo al Senato il 19 ottiene la fiducia (156 sì) ma non la maggioranza assoluta (161), cosa che spinge il premier a dimettersi.

Il resto è storia: Mattarella il 2 febbraio convoca Draghi a Palazzo Chigi e lancia un appello ai partiti per far nascere un governo «di alto profilo che non debba identificarsi con alcuna formula politica». L’ex presidente della Bce raccoglie una maggioranza ampia che esclude solo Fdi e Si e il il suo governo il 13 febbraio giura. Dalla campagna vaccinale alla guerra in Ucraina fino alla mesta conclusione di ieri sera.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Leggi anche:  Draghi al Senato: l'obiettivo è affrontare le emergenze. Il centrodestra: ecco come ripartire

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook