Usufrutto casa dei genitori: il trucco per risparmiare le tasse

Un genitore può cedere la proprietà di una casa a un figlio e conservare nello stesso tempo l’usufrutto per tutta la vita.

Si tratta di una sorta di passaggio di proprietà che deve avvenire tramite contratto e specifici passaggi previsti dalla vigente normativa.

usufrutto casa
InformazioneOggi

A stabilirlo è l’articolo 981 del Codice civile che nell’usufrutto distingue due soggetti. Il primo è l’usufruttuario (colui che gode del bene) che può utilizzare la casa, affittarlo o cederla a terzi. L’usufrutto dura per tutta la sua vita e decade alla sua morte.

Il secondo soggetto è il cosiddetto nudo proprietario che mantiene la titolarità dell’immobile (cioè la proprietà) ma non può utilizzare appunto perché ha ceduto l’usufrutto a un’altra persona.

Usufrutto casa dei genitori: come funziona

L’usufrutto può essere una scelta per quei genitori anziani che desiderano cedere al figlio una casa, riservando per sé l’usufrutto per tutta la vita. Per concedere l’usufrutto trasferendo il diritto della nuda proprietà sarà necessario rivolgersi a un notaio e stipulare un contratto. La procedura è simile all’acquisto di una casa ma in questo caso si hanno tre possibilità:

  • ottenere l’immobile mediante l’acquisito (ovvero a titolo oneroso);
  • tramite la donazione e quindi acquisire la nuda proprietà a titolo gratuito;
  • acquisire la nuda proprietà attraverso un vitalizio, ad esempio, mediante l’assistenza ai genitori anziani.
Leggi anche:  Omicidio di Chiara Ugolini, Emanuele Impellizzeri si è ucciso in carcere

Comunque sia, dare in usufrutto a un figlio, come detto, obbliga i genitori a una stipula di un contratto davanti a un notaio che ai sensi del già citato articolo del Codice civile per essere valido dovrà essere scritto. Inoltre, non potrà superare la vita dell’usufruttuario e non potrà essere trasferito agli eredi.

Dopo le firme sarà il notaio a doversi occupare della registrazione dell’atto pagando la relativa l’imposta che è carico del figlio. Sempre al notaio spettano anche la trascrizione dell’atto nei pubblici registri immobiliari e la voltura catastale.

Conclusi questi adempimenti burocratici, la casa diventa del figlio che potrà godere del bene ma la proprietà sarà dei genitori. Il figlio dovrà occuparsi del pagamento delle imposte come IMU, TARI e delle spese ordinarie di mantenimento dell’immobile.

Leggi anche:  Roma, al mare è allarme stagionali: hotel, lidi e ristoranti senza 20% di personale. 'Colpa del reddito di cittadinanza'

L’articolo Usufrutto casa dei genitori: il trucco per risparmiare le tasse proviene da InformazioneOggi.it.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Pnrr, Mise presenta alle imprese gli strumenti per lo sviluppo della filiera delle batterie

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News