utile in crescita del 32%- Corriere.it

Banca Ifis chiude i 9 mesi con un utile netto di pertinenza del gruppo pari a 105,5 milioni di euro, in crescita del 32% rispetto agli 80,2 milioni di euro del pari periodo del 2021. L’istituto conferma il target dell’utile netto di circa 120 milioni di euro per l’esercizio 2022. Il cda ha inoltre nominato Ernesto Furstenberg Fassio presidente e designato Sebastien Egon Furstenberg presidente onorario dello stesso istituto. stata inoltre deliberata la distribuzione di un acconto sul dividendo per l’esercizio 2022 di 52,4 milioni di euro.

Andamento dei ricavi

Sono felice di poter proseguire il percorso avviato – ormai quasi quarant’anni fa – da mio padre. Lavorer per innovare nella tradizione il nostro gruppo, sottolinea in una nota Ernesto Furstenberg Fassio. Il risultato dei 9 mesi rappresenta un massimo storico per la nostra banca e che guidato principalmente dall’andamento dei ricavi Anche su questo fronte, infatti, registriamo i migliori nove mesi di sempre. Il nostro Cet1 Ratio, pari al 16,18%, ci posiziona tra le migliori banche italiane in termini di solidit patrimoniale, rileva l’ad, Frederik Geertman Nel dettaglio dei conti il margine di intermediazione in crescita del 9,6% a 488,7 milioni di euro (445,9 milioni di euro al 30 settembre 2021) e beneficia di maggiori ricavi nel settore npl, pari a 200,9 milioni di euro (+9,0% rispetto al pari periodo del 2021) e nel settore Commercial & Corporate Banking, pari a 225,2 milioni di euro (+5,8% rispetto al 30 settembre 2021).

Leggi anche:  É sempre mezzogiorno | Ricette | Puntata 17 settembre 2021

I costi

I costi operativi, pari a 278,5 milioni di euro (+7,9% rispetto a 258,2 milioni di euro dei 9 mesi 2021), sono in aumento per le maggiori spese del personale (111,2 milioni di euro rispetto a 103,7 milioni di euro del 30 settembre 2021), principalmente per la crescita della remunerazione variabile e per il contributo, in termini di risorse, collegato all’acquisizione ex-Aigis, e le altre spese amministrative (171,5 milioni di euro rispetto a 161,7 milioni di euro del 30 settembre 2021) per maggiori costi legati al recupero dei portafogli npl e ad alcuni progetti strategici del gruppo. Il costo del credito pari a 48,9 milioni di euro, in diminuzione rispetto a 60,3 milioni di euro del corrispondente periodo del 2021. Il dato include accantonamenti aggiuntivi a fronte del rischio macroeconomico, nonostante ad oggi non si rilevino segnali di deterioramento della qualit dell’attivo.

Leggi anche:  Alessandra Celentano, tra gli invitati alle nozze proprio lei: spunta lo scatto (raro)

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Il Commissario Ricciardi in replica: recupera la quarta puntata!

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News