Utilitarie elettriche, l’inflazione è un problema – FormulaPassion.it

Il sogno di un’auto elettrica che sia in grado di costare come una Fiat Panda benzina sarà mai raggiungibile? La risposta, lo si può già dire, è un secco no. E forse anche ottenere un’utilitaria attorno ai 20.000 euro, magari un po’ più accessoriata della essenziale Dacia Spring, potrebbe essere una battaglia persa in partenza.

Secondo quanto riportato da Automotive News, Volkswagen avrebbe già messo le mani avanti, in senso pessimistico, sul suo progetto di vendere un’auto elettrica compatta a quella cifra. Per il colosso auto sarà impossibile farlo se l’alto tasso di inflazione in Europa continuerà a produrre gli effetti odierni, ha spiegato il capo dello sviluppo di Cupra, Werner Tietz. “Con un’inflazione al 7% all’anno sarebbe un problema“, ha detto testualmente il dirigente del marchio che fa parte del gruppo di Wolfsburg.

Leggi anche:  Monopoli corsaro a Torre del Greco: battuta la Turris 1 - 2

L’idea originale di Volkswagen, per democratizzare l’elettrico, era quella di lanciare, attorno al 2025, una serie di utilitarie elettriche a prezzo abbordabile, sotto il tetto dei marchi Volkswagen, Skoda e Cupra (quest’ultima al posto di Seat). Cupra ha già tra le mani UrbanRebel, mentre VW aveva recentemente mostrato la ID.Life. Di queste tre, Skoda partirebbe al prezzo più basso, Volkswagen starebbe nel mezzo, e Cupra avrebbe la soglia più alta.

Attualmente non c’è alcuna agevolazione da parte del mercato, della geopolitica e della macroeconomia, al fine di permettere la vendita di auto elettriche a prezzi bassi. Costi elevati per le batterie, carenze varie, conflitti e pericolosi sbilanciamenti nel flusso di materie prime potrebbero mettere a repentaglio qualunque progetto di affidare ai cittadini europei qualcosa che sia al contempo funzionale e sostenibile per il portafoglio. Le speranze arrivano dalla tecnologia: con nuovi motori, il riciclo dei materiali e la miniaturizzazione/standardizzazione di certe componenti, potrebbe arrivare qualche interessante vantaggio. Per ora però le tinte sono abbastanza fosche, e il 2035 si avvicina a velocità sostenuta.

Leggi anche:  Festival delle Corrispondenze. Festeggiati i dieci anni con un successo di pubblico e di critica

FP | Samuele Prosino

RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Decreto aprile 2021, ecco le regole: spostamenti, parrucchieri, scuola, sport e seconde case

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook