Veti, paletti e sondaggi, Carlo Calenda può consegnare l’Italia a Giorgia Meloni

Ultimo appello del Pd ad Azione: «Noi daremo diritto di tribuna a tutti gli alleati, come fratelli maggiori ma la nostra responsabilità non va dileggiata. Bisogna includere». L’accordo era vicino, poi è saltato

«Noi ci facciamo carico a dare un diritto di tribuna alle diverse anime degli alleati, ma questa nostra responsabilità non va dileggiata. Non ne condividiamo tutto il programma» ma al voto servirà «una presenza corale» per battere la destra, dunque «non bisogna essere escludenti ma inclusivi». Enrico Letta parla in diretta Facebook alla fine della riunione con i sindaci dem, rilancia l’appello che la segreteria del Pd ha appena inviato a Carlo Calenda e ai suoi. Il tono è preoccupatissimo.

Nella prima riunione ci sono anche i ministri, il segretario si è sfogato: «L’accordo lo vedo sempre più lontano, noi facciamo di tutto, ma è lui che vuole stare fuori dall’alleanza». Secondo Youtrend per i «centristi» la coalizione col Pd è preferibile: Azione e +Europa sono stimati al 4,4 per cento con Pd e al 3,3 da soli. I sondaggi che ha Calenda dicono l’opposto: i centristi da soli perderebbero i seggi dell’uninominale (li perderebbe anche il Pd, a valanga, secondo la società Cattaneo Zanetto almeno 16) ma al proporzionale attirerebbero molti voti di centrodestra. Se Calenda rompe deve mettere in conto il tiro a segno mediatico contro chi consegna il paese alle destre.

Leggi anche:  Regione, bando da un milione di euro per le imprese che investono in sicurezza sui luoghi di lavoro

Letta, ai sindaci, dice di non capire che è successo al leader di Azione: «Ci siamo visti tre giorni fa, eravamo d’accordo su una strada. Due giorni dopo tutto viene rimesso in discussione».

Versioni opposte

Secondo la versione di Letta giovedì alla sede dell’Arel Calenda ha detto sì anche a presentare all’uninominale quelli che ora rifiuta: i rossoverdi Fratoianni e Bonelli e l’ex M5s Luigi Di Maio. In cambio Letta si è impegnato a far digerire ai suoi e agli alleati anche personalità considerate invotabili a sinistra, in primis la ministra forzista Maria Stella Gelmini,  firmataria di una indigesta e indimenticabile riforma della scuola, ma anche la collega Mara Carfagna. Ora l’appello del Pd è «a tutte le forze politiche» del campo democratico, tranne i Cinque stelle: «La posta in palio è altissima, per i destini del nostro Paese e dell’Europa», «si proceda senza veti reciproci», «Ogni divisione rappresenterebbe un regalo alla destra».

Calenda nega che ci sia stato accordo. Ma lì per lì gli replica subito: «Sei troppo intelligente per considerare questo appello una risposta. Vediamoci martedì con +Europa e chiudiamo in un senso o nell’altro».

Circola la notizia del pressing Pd su Emma Bonino per rompere con Calenda. Il quale non ci sta a fare la parte di quello che cambia idea: «I patti sono chiarissimi», insiste, «No Bonelli, Fratoianni che sono contro Draghi negli uninominali, no Di Maio negli uninominali».

Leggi anche:  Nella provincia di Imperia imprese in crescita nel 2021 ma il tasso di disoccupazione resta il più alto della Liguria

Poi i temi: «agenda Draghi, non tasse e bonus. Risposte nette su rigassificatori e modifica del reddito di cittadinanza. Queste cose le hai sul tavolo da giorni. Legittimo dire “non riesco” ma chiudiamo questa partita».

lunedì fra i due c’è stata una telefonata, breve e tesa. L’incontro definitivo dovrebbe avvenire martedì. Per capire chi rompe con chi. Perché in politica chi rompe paga: e Calenda non vuole intestarsi la rottura.

Domenica sera ha scritto una lettera aperta al segretario Pd con le “sue” condizioni per il sì. Che però sembrano un modo per farsi dire no: prima, «Non un voto di +Europa e Azione può andare a persone che non hanno votato la fiducia a Draghi», il problema si potrebbe non porre per i rossoverdi abbastanza sicuri di passare lo sbarramento del 3 per cento. Ma si pone per esempio per il ministro degli Esteri Di Maio, che con Centro democratico ha lanciato la lista Impegno civico che vede lo sbarramento come un miraggio ed ha bisogno di un paracadute. La seconda condizione è altrettanto capestro: per Calenda «una cosa è avere programmi diversi, altra è non avere alcuna omogeneità».

Leggi anche:  Stretta sul Reddito di cittadinanza, si perde rifiutando anche offerte da privati

L’esempio è il contestato rigassificatore di Piombino: i rossoverdi sono contrari ma anche nel Pd non c’è entusiasmo sull’opera. Ai “paletti” dal Pd non arriva un no ma una palla rilanciata nell’altro campo. «Ci provo fino in fondo», dice Letta ai suoi, «con spirito ecumenico e tanta tanta pazienza».

© Riproduzione riservata

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook