Via ai bonus benzina da 200 euro per i lavoratori: chi può averlo e come

L’Agenzia delle Entrate, tramite nota, ha fornito alcuni chiarimenti sull’erogazione dei bonus benzina da 200 euro, per l’anno 2022, introdotti per contenere gli impatti economici dovuti all’aumento del prezzo dei carburanti.

Bonus benzina da 200 euro: chi può averlo

I bonus, che arriva fino ad un massimo di 200 euro a lavoratore, non sono tassati in capo ai dipendenti e sono integralmente deducibili dal reddito di impresa. Possono essere riconosciuti dai datori di lavoro ai propri dipendenti, alleggerendo le spese di benzina gasolio, gpl, metano. L’agevolazione riguarda anche la ricarica di veicoli elettrici.

La circolare n.27/E, di recente pubblicazione, firmata dal direttore dell’Agenzia delle Entrate, specifica quali sono i datori di lavoro e i lavoratori interessati dal beneficio, le modalità di erogazione e le regole da seguire nel caso in cui siano riconosciuti come premio di risultato.

Leggi anche:  Mare in Toscana d’inverno: 4 luoghi da visitare

In base al provvedimento, sono i datori di lavoro privati che possono accedere al beneficio dando la possibilità ai propri dipendenti di usufruire del bonus. Nell’ambito di applicazione rientrano anche i soggetti che non svolgono un’attività commerciale e i lavoratori autonomi, purché dispongano di dipendenti, mentre sono escluse le amministrazioni pubbliche.

Per quanto riguarda la categoria di lavoratori destinatari dei buoni benzina, è essenziale che si tratti di titolari di reddito di lavoro dipendente. Per l’ammissione al beneficio non è previsto alcun limite redditualeI buoni possano essere corrisposti dal datore di lavoro da subito, senza necessità di preventivi accordi contrattuali. Per ottenerlo, il dipendente non deve effettuare nessuna richiesta: sarà il datore di lavoro a erogarli in automatico se deciderà di attivarli.

Leggi anche:  Alberto Matano accorato appello sui social: “Aiutatemi a segnalare”

I buoni benzina possono essere erogati anche per finalità retributive, al posto del premio di risultato. In questa ipotesi, l’erogazione deve avvenire nell’anno in corso e in “esecuzione dei contratti aziendali o territoriali”, nel rispetto della normativa prevista.

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Trasporti. Con l'inizio dell'anno scolastico riparte 'Salta Su'

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook