Via dallo strazio di una vita invivibile

Ci vorrebbe Pietro Germi. Quel suo film (del 1961), Divorzio all’italiana, fu decisivo per sbloccare l’impasse sulla legge che consentiva di porre fine a un matrimonio disastrato. I tempi erano maturi e il film diede forza alla mobilitazione di radicali e socialisti e costrinse il parlamento a legiferare.

Una simile, trascinante pellicola occorrerebbe oggi sul fine vita. E’ scandaloso che le forze politiche non riescano a trovare un compromesso e ad approvare una legge in grado di definire le modalità con cui affrontare quello che sta diventando un problema sociale: il diritto, per chi lo vuole, a una morte dignitosa.

Sono ovviamente da considerare con favore i progressi della medicina che, insieme a un maggiore benessere, stanno consentendo di allungare le aspettative di vita. Però questi progressi stanno pure permettendo di allungare a dismisura una vita vegetativa, che non può essere imposta. E’ opportuno tenere conto di sensibilità diverse poiché la questione è delicata. Ma è disdicevole che la contrapposizione tra chi propugna l’eutanasia (anche se mascherata) e chi fa muro perfino non ammettendo la sospensione dell’accanimento terapeutico stia bloccando il raggiungimento di un punto di equilibrio, essenziale per dare certezze ed evitare un insostenibile fai-da-te.

Leggi anche:  Salvini: gia' a lavoro per risolvere i problemi di Palermo

Gli ultimi esempi coinvolgono la moglie di Antonio La Forgia, ex-presidente della Regione Emilia-Romagna, che ha ottenuto la sedazione profonda del marito (da lui richiesta) colpito da un tumore metastatico al midollo (con paraplegia e un dolore che neppure la terapia antalgica riusciva a controllare) solo dopo avere sollevato il caso sui social e per la notorietà della persona, e Federico Carboni, tetraplegico da 12 anni, che ha ricevuto l’assenso al suicidio assistito dal Comitato etico ma ha poi dovuto sottostare a una via crucis burocratica per ottenerlo.

Tante persone si ritrovano, purtroppo, in questa lista d’attesa e ognuna cerca una propria strada per fuggire dallo strazio di una vita invivibile. Un Paese civile non può lavarsene le mani e non occuparsi di tanta sofferenza. Una legge, magari perfettibile, va approvata con urgenza poiché le persone e le famiglie non hanno oggi regole (civili, non religiose) a cui attenersi.

Leggi anche:  Gloria serie tv, ci sarà la seconda stagione? Le parole di Cécile Bois

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Leggi anche:  Ti Presento Un Amico film stasera in tv 11 giugno: cast, trama, streaming

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook