Vuelta a Espana: Penalty nega la vittoria a Sam Bennett nella nona tappa, Richard Carapaz mantiene il comando


Sam Bennett
Bennett pensava di aver ottenuto la sua cinquantesima vittoria in carriera

L’irlandese Sam Bennett è stato retrocesso per aver spinto un altro pilota nella nona tappa della Vuelta a Espana.

Il velocista Deceuninck-Quick-Step, che ha vinto la maglia verde al Tour de France, ha tagliato il traguardo per primo sul palco di Aguilar de Campoo, vicino a Bilbao.

Ma è stato retrocesso dopo che i commissari di gara hanno dichiarato di aver caricato alle spalle Emils Liepins di Trek-Segafredo.

Il tedesco Pascal Ackermann di Bora-Hansgrohe ha ereditato la vittoria.

Richard Carapaz di Ineos Grenadiers rimane in testa alla classifica generale, con il britannico Hugh Carthy quarto.

La tappa di 157,7 km da Castrillo del Val vicino a Burgos è stata una gara in gran parte soporifera su strade larghe e pianeggianti.

Ma Bennett ha mostrato la forza e l’efficienza che lo hanno visto vincere sugli Champs-Elysees a Parigi a settembre per finire una ruota di bicicletta davanti ad Ackermann di Bora-Hansgrohe e al belga Gerben Thijssen di Lotto-Soudal.

Ma Bennett, che pensava di essersi assicurato la sua 50a vittoria in carriera, ha detto prima della sua retrocessione di essere stato coinvolto in una rissa con altri piloti prima dello sprint finale.

“Era leggermente in salita e con vento contrario”, ha detto Bennett. “Ma siamo dovuti arrivare da dietro in fretta.

“C’è stata una grande lotta con alcuni ragazzi che ci hanno quasi messo nelle barriere cercando di prendere il volante, quindi è stato un po ‘impreciso cercare di rimanere in piedi”.

In un altro incidente durante la tappa di giovedì, Hector Saez di Caja Rural ha subito una brutta caduta in cui la sua testa ha colpito il terreno, frantumando il suo casco.

È stato controllato dagli ufficiali e gli è stato permesso di ricongiungersi alla gara.

L’incidente alimenta le domande su come lo sport affronta lesioni alla testa e potenziali commozioni cerebrali, dopo che a Romain Bardet è stato permesso di finire la tappa 13 del Tour de France nonostante abbia subito un’emorragia al cervello dopo un incidente, così come molti altri esempi recenti durante questo Grand Tour della stagione.

Nella classifica generale Carapaz di Ineos ha mantenuto il suo vantaggio di 13 secondi su Primoz Roglic di Jumbo-Visma, con Dan Martin di Israel Start Up Nation a 28 secondi e Carthy di EF Pro Cycling a 44 secondi da chi indossa la maglia rossa.

Come sta Froome?

Chris Froome di Ineos ha mostrato segni di miglioramento costante dopo aver perso tempo all’inizio della gara una settimana fa.

Il quattro volte vincitore del Tour de France, 35 anni, ha trascorso gran parte del giovedì vicino alla testa del gruppo spendendo energie per la sua squadra a protezione del leader Carapaz.

Il miglioramento di Froome sarà il benvenuto per Ineos e il suo nuovo team Israel Start Up Nation, con cui correrà dal 2021 dopo che Ineos ha deciso di non rinnovare il contratto del britannico.

Froome aveva faticato a tenere il passo durante le gare in vista del Tour de France a fine agosto, portando Ineos a decidere di non selezionarlo per prendere parte alla più grande gara del ciclismo, poiché si riprendeva da un terribile incidente nel 2019.

Ineos ha detto che Froome si sta godendo il suo ruolo nella squadra mentre si riacclimatizza con le condizioni di gara in Spagna.

La tappa di venerdì è un’altra gara di velocisti in piano da Castro Urdiales a Suances.

Risultato della fase nove

1. Pascal Ackermann (Ger / Bora-Hansgrohe) 3 ore 39 minuti 55 secondi

2. Gerben Thijssen (Bel / Lotto-Soudal) stesso tempo

3. Max Kanter (Ger / Sunweb)

4. Jasper Philipsen (Bel / UAE-Team Emirates)

5. Jakub Mareczko (Ita / CCC)

6. Alexis Renard (Fra / Israel Start Up Nation)

7. Jon Aberasturi (Spa / Caja Rural)

8. Lorrenzo Manzin (Fra / Total-Direct Energie)

9. Robert Stannard (Aus / Mitchelton Scott)

10. Janse van Rensburg (Rsa / NTT)

Classificazione generale

1. Richard Carapaz (Ecu / Ineos Grenadiers) 32 ore 31 minuti 6 secondi

2. Primoz Roglic (Slo / Jumbo-Visma) + 13sec

3. Dan Martin (Ire / Israel Start Up Nation) + 28sec

4. Hugh Carthy (GB / EF Pro Cycling) + 44sec

5. Enric Mas (Spa / Movistar) + 1 min 54 sec

6. Felix Grossschartner (Aut / Bora- ​​Hansgrohe) + 3 minuti 28 secondi

7. Esteban Chaves (Col / Mitchelton Scott) stesso tempo

8. Alejandro Valverde (Spa / Movistar) + 3min 35sec

9. Marc Soler (Spa / Movistar) + 3min 40sec

10. Wout Poels (Ned / Bahrain-McLaren) + 3 min 47 sec

Altro

111. Chris Froome (Granatieri britannici / Ineos) + 1 ora 40 minuti e 44 secondi



Sam Bennett
Bennett pensava di aver ottenuto la sua cinquantesima vittoria in carriera

L’irlandese Sam Bennett è stato retrocesso per aver spinto un altro pilota nella nona tappa della Vuelta a Espana.

Il velocista Deceuninck-Quick-Step, che ha vinto la maglia verde al Tour de France, ha tagliato il traguardo per primo sul palco di Aguilar de Campoo, vicino a Bilbao.

Ma è stato retrocesso dopo che i commissari di gara hanno dichiarato di aver caricato alle spalle Emils Liepins di Trek-Segafredo.

Il tedesco Pascal Ackermann di Bora-Hansgrohe ha ereditato la vittoria.

Richard Carapaz di Ineos Grenadiers rimane in testa alla classifica generale, con il britannico Hugh Carthy quarto.

La tappa di 157,7 km da Castrillo del Val vicino a Burgos è stata una gara in gran parte soporifera su strade larghe e pianeggianti.

Ma Bennett ha mostrato la forza e l’efficienza che lo hanno visto vincere sugli Champs-Elysees a Parigi a settembre per finire una ruota di bicicletta davanti ad Ackermann di Bora-Hansgrohe e al belga Gerben Thijssen di Lotto-Soudal.

Ma Bennett, che pensava di essersi assicurato la sua 50a vittoria in carriera, ha detto prima della sua retrocessione di essere stato coinvolto in una rissa con altri piloti prima dello sprint finale.

“Era leggermente in salita e con vento contrario”, ha detto Bennett. “Ma siamo dovuti arrivare da dietro in fretta.

“C’è stata una grande lotta con alcuni ragazzi che ci hanno quasi messo nelle barriere cercando di prendere il volante, quindi è stato un po ‘impreciso cercare di rimanere in piedi”.

In un altro incidente durante la tappa di giovedì, Hector Saez di Caja Rural ha subito una brutta caduta in cui la sua testa ha colpito il terreno, frantumando il suo casco.

È stato controllato dagli ufficiali e gli è stato permesso di ricongiungersi alla gara.

L’incidente alimenta le domande su come lo sport affronta lesioni alla testa e potenziali commozioni cerebrali, dopo che a Romain Bardet è stato permesso di finire la tappa 13 del Tour de France nonostante abbia subito un’emorragia al cervello dopo un incidente, così come molti altri esempi recenti durante questo Grand Tour della stagione.

Nella classifica generale Carapaz di Ineos ha mantenuto il suo vantaggio di 13 secondi su Primoz Roglic di Jumbo-Visma, con Dan Martin di Israel Start Up Nation a 28 secondi e Carthy di EF Pro Cycling a 44 secondi da chi indossa la maglia rossa.

Come sta Froome?

Chris Froome di Ineos ha mostrato segni di miglioramento costante dopo aver perso tempo all’inizio della gara una settimana fa.

Il quattro volte vincitore del Tour de France, 35 anni, ha trascorso gran parte del giovedì vicino alla testa del gruppo spendendo energie per la sua squadra a protezione del leader Carapaz.

Il miglioramento di Froome sarà il benvenuto per Ineos e il suo nuovo team Israel Start Up Nation, con cui correrà dal 2021 dopo che Ineos ha deciso di non rinnovare il contratto del britannico.

Froome aveva faticato a tenere il passo durante le gare in vista del Tour de France a fine agosto, portando Ineos a decidere di non selezionarlo per prendere parte alla più grande gara del ciclismo, poiché si riprendeva da un terribile incidente nel 2019.

Ineos ha detto che Froome si sta godendo il suo ruolo nella squadra mentre si riacclimatizza con le condizioni di gara in Spagna.

La tappa di venerdì è un’altra gara di velocisti in piano da Castro Urdiales a Suances.

Risultato della fase nove

1. Pascal Ackermann (Ger / Bora-Hansgrohe) 3 ore 39 minuti 55 secondi

2. Gerben Thijssen (Bel / Lotto-Soudal) stesso tempo

3. Max Kanter (Ger / Sunweb)

4. Jasper Philipsen (Bel / UAE-Team Emirates)

5. Jakub Mareczko (Ita / CCC)

6. Alexis Renard (Fra / Israel Start Up Nation)

7. Jon Aberasturi (Spa / Caja Rural)

8. Lorrenzo Manzin (Fra / Total-Direct Energie)

9. Robert Stannard (Aus / Mitchelton Scott)

10. Janse van Rensburg (Rsa / NTT)

Classificazione generale

1. Richard Carapaz (Ecu / Ineos Grenadiers) 32 ore 31 minuti 6 secondi

2. Primoz Roglic (Slo / Jumbo-Visma) + 13sec

3. Dan Martin (Ire / Israel Start Up Nation) + 28sec

4. Hugh Carthy (GB / EF Pro Cycling) + 44sec

5. Enric Mas (Spa / Movistar) + 1 min 54 sec

6. Felix Grossschartner (Aut / Bora- ​​Hansgrohe) + 3 minuti 28 secondi

7. Esteban Chaves (Col / Mitchelton Scott) stesso tempo

8. Alejandro Valverde (Spa / Movistar) + 3min 35sec

9. Marc Soler (Spa / Movistar) + 3min 40sec

10. Wout Poels (Ned / Bahrain-McLaren) + 3 min 47 sec

Altro

111. Chris Froome (Granatieri britannici / Ineos) + 1 ora 40 minuti e 44 secondi

Notizie h24 è un portale gratuito di notizie in tempo reale, lo scopo del sito è quello di raccogliere tutte le notizie più importanti presenti nel web da tutte le fonti e attestate giornalistiche attendibili e verificate, così da poter dare all’utente più informazioni possibili in modo semplice. Notizie h24 si diffida dalle false notizie, qui vengono pubblicate solamente notizie verificate. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell’informazione indicata al termine di ogni notizia.

Vuoi rimanere sempre aggiornato in tempo reale su ogni notizia pubblicata da notizieh24.eu? puoi trovarci su Google News!