Wartsila, licenziamenti revocati dal giudice del lavoro di Trieste- Corriere.it

Il giudice del lavoro del Tribunale di Trieste, Paolo Ancora, ha accolto il ricorso presentato dai sindacati di categoria in merito al comportamento antisindacale del gruppo Wartsila. La procedura di licenziamento dei 451 dipendenti dello stabilimento di Bagnoli della Rosandra, frazione del Comune di San Dorligo, dunque revocata. Il gruppo stato condannato al pagamento di 50 mila euro a ciascuna delle sigle sindacali a titolo di risarcimento per danno di immagine, al pagamento delle spese legali e di pubblicazione del decreto su alcuni quotidiani nazionali. Sono estremamente soddisfatto del fatto che le nostre tesi sono state integralmente accolte dal giudice di Trieste con un provvedimento rapido e molto ben motivato. Speriamo di aver dato un contributo alla soluzione del problema occupazione di Wartsila, ha dichiarato l’avvocato Vincenzo Martino, che assiste i sindacati nella vicenda giudiziaria.

Leggi anche:  Rocio Morales poteva essere investita | La clamorosa reazione di Raoul Bova

L’intervento della Regione

Il giudice ha invece dichiarato inammissibile l’intervento della Regione Fvg, che aveva aderito, ai sensi dell’articolo 28 dello Statuto dei lavoratori, al ricorso presentato dai sindacati contro la decisione dell’azienda di smantellare la produzione del sito triestino. Il gruppo finlandese produce motori per navi e sarebbe intenzionato ad approfittare degli incentivi del governo di Helsinki per far rientrare in patria la produzione (si parla di 100 milioni). La sentenza del Tribunale di Trieste, che accoglie il ricorso dei sindacati, dimostra che l’approccio di Wartsila era sbagliato — ha commentato il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti —, come ripetutamente segnalato all’azienda. Siamo contenti per i lavoratori e ci auguriamo di continuare nello spirito di sistema territoriale unitario emerso nell’ultimo incontro al Mise.

Leggi anche:  L’ingegno dello Yakuza Casalingo, dal 1° settembre su Netflix

L’annuncio a luglio

A luglio l’azienda aveva spiegato che la decisione era stata presa per rafforzare la competitivit e creare una struttura in grado di garantire una crescita futura. Siamo consapevoli dell’impatto che questa decisione avr sulle persone e sulle loro famiglie e ci impegniamo fin da subito a collaborare con le organizzazioni sindacali e le istituzioni per individuare tutte le possibili soluzioni per supportare le nostre persone, aveva scritto in una nota, precisando che per lo stabilimento triestino sta valutando la possibilit di futuri investimenti legati allo sviluppo di tecnologie per carburanti sostenibili. Nella stessa nota Wartsila aveva sottolineato che: Nel corso degli anni il gruppo ha continuamente consolidato la propria presenza produttiva e con la nuova organizzazione europea stiamo compiendo il passo successivo per rafforzare la nostra competitivit.

Leggi anche:  Ita Airways, primo vertice con Certares e Delta. Accordo previsto tra 2 mesi- Corriere.it

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook!

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook

Google News