Willy, oggi la sentenza: i due fratelli Bianchi rischiano l’ergastolo. E l’Italia aspetta giustizia

Una vita che si spegne in appena cinquanta secondi sotto il peso di colpi sferrati a raffica senza un perché o per motivi talmente futili che qualsiasi “perché”, argomentato a difesa, non potrà mai bastare. E certo, la sentenza attesa oggi dalla Corte d’Assise di Frosinone potrà forse placare un dolore intimo e familiare e alleviare quello sgomento collettivo che non si è mai sopito dalla notte del 6 settembre 2020. 

Willy, Gabriele Bianchi: «Non l’ho toccato neanche con un dito». Il difensore: «Nessuno ha visto il pestaggio» La madre: «Mio figlio non si è ucciso da solo»

LA DINAMICA

Colleferro, un ventunenne di Paliano, Willy Monteiro Duarte, esce con i suoi amici, è sabato sera, c’è voglia di divertirsi, di ridere e di scherzare. Poi però tra largo Oberdan e largo Santa Caterina, a pochi metri dal locale “Duedipicche”, arriva un Suv, un Q7, con a bordo quattro uomini, tra cui i fratelli Marco e Gabriele Bianchi, 28 e 26 anni, originari di Artena, che scendono e si dirigono verso quel ragazzo che pochi minuti prima aveva provato a sedare una rissa in cui erano rimasti coinvolti anche dei suoi compagni e a strappare dagli apprezzamenti sguaiati di alcuni amici dei Bianchi una coetanea. Willy verrà picchiato per questo: per essersi intromesso e morirà a seguito di quei colpi sferrati alla cieca in un lasso di tempo brevissimo. «Cinquanta secondi – argomenteranno i pm di Velletri – di sofferenza incredibile». L’esito dell’autopsia sarà devastante non solo per chi leggerà quel referto: spappolati il fegato, la milza, i polmoni e il cuore. I sanitari dell’istituto di Medicina legale del policlinico di Tor Vergata non hanno potuto stabilire quale trauma abbia determinato il decesso, talmente diverse e simultanee furono le emorragie interne. Violenza cieca e inaccettabile che pure i fratelli Bianchi, finiti a processo con l’accusa di omicidio volontario aggravato dai futili motivi, hanno nei mesi scorsi provato a giustificare, minimizzare, rimpallando colpe e responsabilità. Nel processo, iniziato il 10 giugno 2021, seppur con posizioni diverse, anche alcuni loro amici come Mario Pincarelli e Francesco Belleggia per i quali l’accusa ha chiesto una condanna a 24 anni. 

Leggi anche:  «Ha venduto segreti militari a Mosca» Ufficiale italiano accende la crisi Sputnik stop

Ma per spiegare l’importanza di “oggi” bisogna tornare alle 3 del mattino del 6 settembre 2020. In quel locale di Colleferro c’è il gruppo dei fratelli Bianchi. Marco e Gabriele, muscoli rigonfi, tatuaggi in bella vista, il vanto social e non solo di praticare le “Mma”, le arti marziali miste, guai con la giustizia già collezionati con il reddito di cittadinanza in tasca e il falso Rolex al polso. In zona li conoscono tutti, per loro è motivo di vanto. Lasciano il locale, per andare a fare sesso con delle donne nel parcheggio del cimitero, ma poi tornano perché alcuni loro amici iniziano a discutere con il gruppo di Willy. Sulla scena dunque ecco arrivare il Suv, i Bianchi scendono, si buttano nella mischia, colpiscono fino ad ucciderlo Willy, colpevole solo di aver provato a dire “basta”. Quella sera, dopo aver smesso di servire ai tavoli di un ristorante, il 21enne di origini capoverdiane, non si è girato dall’altra parte.

Leggi anche:  Cartabianca, Flavio Briatore: "Quanto offro a chi lavora con me". La cifra: clamoroso

IL DOLORE DELL’ITALIA
 

A lui il presidente della Repubblica Sergio Mattarella conferirà la medaglia d’oro al valor civile per «l’eccezionale slancio altruistico e straordinaria determinazione, dando prova di spiccata sensibilità e di attenzione ai bisogni del prossimo, interveniva in difesa di un amico in difficoltà, cercando di favorire la soluzione pacifica di un’accesa discussione». Dopo l’arresto dei Bianchi, compiuto dai carabinieri a poche ore dal delitto, al funerale di Willy prende parte l’Italia che si stringe al fianco dei genitori e della sorella minore, ne nascono iniziative e premi (tra cui quello bandito da Il Messaggero “Cosa è importante per me” per riflettere sui valori che contano che ha visto la partecipazione di centinaia e centinaia di liceali). Da ultimo Marco Bianchi ha scritto una lettere dal carcere di Viterbo: «Sia io che Gabriele continueremo sempre, da uomini veri, a dire che non c’entriamo nulla con questo crimine». Nelle repliche dei pm di Velletri si legge che i fratello Bianchi hanno dato «sfogo al loro impulso violento, approcciandosi alla folla con il solo intento di ledere e non recedendo dal proprio proposito criminoso nonostante i tentativi» di alcuni presenti «di spiegare come non vi fosse assolutamente la necessità di adoperare violenza». I fratelli Bianchi rischiano l’ergastolo mentre dalla famiglia di Willy il legale Domenico Marzi fa sapere: «Attendiamo con serenità questa sentenza così come abbiamo affrontato l’intero processo».
 

Fonte e diritti articolo

Per rimuovere questa notizia puoi contattarci sulla pagina Facebook GRAZIE!.

Notizie H24! Il portale gratuito di tutte le attuali notizie e curiosità in tempo reale. Nel sito puoi trovare le notizie verificate e aggiornate h24 provenienti da siti autorevoli.
Tramite un processo autonomo vengono pubblicati tutti gli articoli di oggi da fonti attendibili (Quindi non fake news) così da poter cercare in modo facile ogni notizia che più ti interessa.
Non ci assumiamo nessuna responsabilità sui diritti e dei contenuti pubblicati, il sito Notizie H24 è solo a scopo informativo. Seguire la fonte dell’articolo per avere maggiori informazioni sulla provenienza e per leggere il resto delle notizie.

Vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le notizie di oggi e domani che vengono pubblicate?
Seguici tramite i nostri Social Network:
Facebook